Maggio 19, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Robot Squadron to Explore the Red Planet: Hey Mars, stiamo arrivando! | regionale

Robot Squadron to Explore the Red Planet: Hey Mars, stiamo arrivando!  |  regionale

Marte / Brema – Non c’è quasi ossigeno qui, le temperature in alcuni punti si avvicinano a meno 133 e non c’è quasi acqua.

Non è un posto in cui le persone possano cercare (ancora). Ma per i robot! E presto saranno in viaggio per svelare i misteri del pianeta rosso!

La cosa più importante per le missioni su Neighbor Earth: quando robot con abilità diverse lavorano insieme, preferibilmente in modo indipendente. I prerequisiti per questo vengono creati nell’ambito del progetto “VaMEx-3”, in cui sono fortemente coinvolti tre gruppi di lavoro dell’Università di Brema.

La superficie di Marte: una sfida per la scienza!

A 6.781 chilometri, Marte è solo la metà del diametro della Terra

Foto: Image Alliance/AP Photo

Si sospetta che i reperti più interessanti si trovino in quei luoghi difficili da raggiungere a causa del terreno roccioso e accidentato. Per poterli esaminare, i robot con diverse abilità devono cooperare: camminare, arrampicarsi, volare – anche il trasporto di carichi utili e alimentatori deve essere assicurato.

Il progetto “VaMEx-3”, finanziato dall’Agenzia aerospaziale tedesca nel DLR e finanziato dal Ministero federale per gli affari economici e la protezione del clima (BMWK), consente la cooperazione tra diversi sistemi robotici che mirano ad atterrare su Marte un giorno.

Partecipano il Computer Graphics Working Group del Technology Center for Computer Science and Information Technology (TZI) dell’Università di Brema, il Cognitive Neuroinformatics Working Group e il High-Performance Visualization (HPV) Working Group.

In progetti precedenti, gli scienziati TZI hanno già riprodotto circa 40 chilometri quadrati della superficie marziana sulla base dei sondaggi della NASA.

dice d. Renee Wheeler del gruppo di lavoro sulla computer grafica. “Ora si tratta di riunirli in modo collaborativo”.

Non l’unico ostacolo. Cosa devono ancora fare i bot:

• Identificare gli ostacoli in modo indipendente

• Creare una mappa dell’area

• Stimare la loro posizione sulla mappa.

Una campagna dimostrativa più ampia è prevista tra tre o quattro anni per testare ampiamente lo sciame di robot su un’area di prova simile a quella di Marte.

Obiettivo a lungo termine: esplorare il sistema di valli della Vallis Marineris su Marte per trovare prove di risorse idriche e tracce biologiche di periodi climatici più abitabili su Marte.