Maggio 19, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rinominare il telescopio spaziale James Webb: la pressione sulla NASA è in aumento

La NASA è sotto pressione per cambiare il nome del telescopio spaziale James Webb dopo nuove scoperte. Prende il nome dal secondo presidente dell’Agenzia spaziale statunitense, che l’ha guidata dal 1961 al 1968 durante gli anni di preparazione per il primo sbarco sulla luna con equipaggio. Ma dato il suo ruolo in un periodo di isteria anti-gay nella storia degli Stati Uniti, l’anno scorso centinaia di astronomi hanno chiesto che lo strumento venisse rinominato. Il capo della NASA Bill Nelson lo ha respinto in una frase in autunno. I documenti sullo sfondo di questa decisione non gettano una buona luce sull’agenzia spaziale. Ciò non si adatta al lavoro di grande successo sul dispositivo e alla presentazione esterna della NASA. Il capo storico della NASA ha annunciato ulteriori ricerche sulle fonti.

Il James Webb Space Telescope (JWST) è un progetto della NASA con l’Agenzia spaziale europea (ESA) e la CSA canadese, ma gli stessi Stati Uniti d’America hanno pagato quasi tutti i costi di quasi 10 miliardi di dollari. Fino al 2002 ha operato sotto il nome di “Next Generation Space Telescope” (“Next Generation Space Telescope”), poi ha ricevuto il nome attuale sotto l’allora comando della NASA Sean O’Keefe. A quel tempo, si sapeva poco del ruolo di James Webb nel cosiddetta “Paura lavanda” “(“paura dei tulipani‘), ha scritto Scientific American, descrivendo un’era della storia americana che, simile alla cosiddetta “paura rossa” dei comunisti, è stata segnata da una vera e propria isteria verso i gay e le altre minoranze sessuali.

Nei mesi precedenti al lancio dello Space Telescope Illustrated Book, c’erano sempre più ricerche sul ruolo di Webb in questa era dall’inizio del 2021. Sono iniziate intorno al 1950 presso il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, dove Webb era allora il numero due al comando. La natura scrive. Nell’amministrazione Truman dell’epoca, l’espulsione di gay e lesbiche non solo era accettata, ma promossa, scrisse la rivista Science in autunno. Questo è successo a molti durante il tempo di Webb. Alla NASA, che dirige, un dipendente considerato gay è stato interrogato per ore sui suoi contatti sessuali e infine licenziato per “comportamento immorale, indecente e poco dignitoso”. Aggiunge Scientific American. Tra l’altro, citando questo, è stata richiesta una ridenominazione.

Alla fine di settembre 2021, il presidente della NASA Bill Nelson ha dichiarato francamente: “In questo momento, non abbiamo trovato alcuna prova che richiederebbe un cambio di nome per il James Webb Space Telescope”. Non c’era più niente. Nature ha ora richiesto la documentazione di base tramite una richiesta di libertà di informazione. Di conseguenza, le persone incaricate della ricerca sono giunte a una conclusione diversa internamente. In un’e-mail, ad esempio, ha detto “non c’è dubbio che Webb abbia svolto un ruolo importante nella paura della lavanda”. Inoltre, ci sono prove che il licenziamento per “atti omosessuali” fosse “comune” alla NASA. Inoltre, i documenti hanno mostrato che i responsabili delle decisioni della NASA non cercavano di contattare gli astronomi noti come LGBTQ+.

Alla luce delle nuove visioni, la pressione sulla NASA è di nuovo in aumento e molti rappresentanti della comunità astronomica sono delusi dalle azioni dell’agenzia spaziale. Altri insistono che Webb sia solo una “figura complessa”, un uomo del suo tempo che fa il bene e il male. Evidenzia anche le difficoltà associate alla denominazione degli individui. Ma qui la scienza può svolgere un ruolo in uno dei suoi punti di forza, afferma la cosmologa Chanda Prescod Weinstein: chiunque si renda conto di un errore di ricerca cambia semplicemente direzione. In ogni caso, il cambio di nome probabilmente non sarebbe né costoso né senza precedenti: il Vera C. Rubin Observatory è stato sviluppato come un grande telescopio di rilevamento completo e solo lo Swift Gamma-Ray Burst Explorer è stato ribattezzato Swift Observatory di Neil Gehrel 14 anni dopo il suo lancio.

All’inizio era un pasticcio
(Immagine: NASA/STScI)


(mo)

alla home page

READ  Corona: il fallimento di Lauterbach con un "vaccino morto" Novavax