Marzo 4, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rifiuti di imballaggio: presto in arrivo anche gli imballaggi riutilizzabili?

Rifiuti di imballaggio: presto in arrivo anche gli imballaggi riutilizzabili?

Al: 16 dicembre 2023 alle 7:08

Ogni anno vengono spediti sempre più pacchi in Germania. Ma una volta utilizzate, le scatole di cartone spesso finiscono nel cestino della carta straccia. Deve essere così?

È rossa, ha una cerniera, si piega molto piccola e sta comunque abbastanza bene: la borsa riutilizzabile del rivenditore online Tchibo. I clienti Tchibo ricevono sempre più i loro ordini online in sacchetti rossi riutilizzabili. E non più nelle classiche scatole di cartone, che – una volta utilizzate – finiscono direttamente nel contenitore della carta straccia.

Tchibo sta cercando di fare qualcosa che sembra quasi impossibile da realizzare: le spedizioni online devono diventare più sostenibili e rispettose dell’ambiente. E per una buona ragione: secondo l’Associazione federale della logistica dei pacchi e degli espressi, l’anno scorso sono stati spediti più di quattro miliardi di pacchi: ogni tedesco ne ha ricevuti 50. La stragrande maggioranza di essi arrivava in scatole di cartone che poi venivano gettate via.

Il volume dei pacchi in Germania è aumentato ancora una volta in modo significativo, soprattutto a causa dell’epidemia di Corona, riferisce anche Zimmermann dell’istituto di ricerca Ökopol di Amburgo: “Soprattutto negli anni della Corona, il commercio online ha registrato ancora una volta un’enorme crescita – e naturalmente più pacchi contengono più pacchi. è stato spedito “. Sempre più richieste significano anche un peso crescente sul clima. Inoltre si prevede un’ulteriore crescita per i prossimi anni.

Dipende dal materiale

In questo contesto, il settore è ora alla ricerca di nuovi modi per inviare pacchi in modo più sostenibile. Il riutilizzo può essere una soluzione ai rifiuti di imballaggio che si verificano come questo di Tchibo. Possono essere riutilizzati più volte e vengono inviati dal cliente dopo aver ricevuto la consegna, indipendentemente dal fatto che conservi o meno la merce.

Il numero di volte in cui gli imballaggi riutilizzabili devono essere riutilizzati per essere più sostenibili rispetto agli imballaggi in cartone dipende dal materiale. L’esperto Zimmerman spiega che i piccoli sacchetti di plastica riutilizzabili sono più sostenibili dopo pochi utilizzi, mentre una scatola riutilizzabile più resistente dovrebbe essere utilizzata più spesso.

Ha studiato il potenziale del multipackaging della vendita al dettaglio online presso l’Istituto di ricerca Ökopol di Amburgo nell’ambito del progetto di ricerca “Praxpack”. L’obiettivo era utilizzare test pratici per indagare i punti deboli e i punti di forza dell’alternativa sostenibile. Oltre alla Packaging Market Research Association, hanno partecipato al progetto anche diversi grandi rivenditori online, come il gigante delle spedizioni Otto e Tchibo.

“I clienti erano contenti”

Per il marchio Tchibo il progetto di ricerca “Praxpack” è stato uno dei numerosi test sull’utilizzo di imballaggi riutilizzabili nella vendita al dettaglio online. L’azienda con sede ad Amburgo spedisce ogni anno circa un milione di pacchi direttamente ai propri clienti ed è quindi consapevole delle sfide derivanti dall’aumento delle dimensioni dei pacchi: “I contenitori della carta straccia sono sempre pieni, il che a noi clienti finali dà fastidio”, afferma Sina Schoenlein, chi si prende cura delle borse Riutilizzabili presso Tchibo: “Come azienda, vogliamo contribuire a ridurre i rifiuti di imballaggio. E, naturalmente, ridurre l’uso delle risorse.”

Tchibo sta attualmente eseguendo un’altra fase di test per gli imballaggi riutilizzabili. Il rivenditore online ha già inviato circa 27.000 consegne ai clienti in sacchetti di spedizione riutilizzabili, molti dei quali sono in viaggio per una seconda o terza volta. “Questa volta l’attenzione dei test si concentra specificamente sulle sfide logistiche, come la necessità di pulizia e la durata delle borse”, afferma Schoenlein. La tua prima conclusione: non è stata restituita quasi nessuna borsa sporca o danneggiata.

Questo nonostante il fatto che Tchibo attualmente invii bagagli ai clienti in modo casuale e non addebiti loro un deposito. “I clienti erano molto entusiasti del test e volevano che continuassimo a lavorarci”, afferma Sina Schoenlein.

Ancora Imballaggio riutilizzabile Non economico

Ma quella che a prima vista sembra una rivoluzione nel commercio online ha anche i suoi svantaggi: finora non è stata “economicamente fattibile” per Tchibo. In particolare, il trasporto dei resi in imballaggi vuoti è molto costoso: attualmente Tchibo paga la tariffa di restituzione per ogni singola borsa.

Per il ricercatore Zimmermann, che ha fornito supporto scientifico al progetto “Praxpack”, anche l’efficienza economica è un fattore chiave che rende più difficile l’utilizzo di imballaggi riutilizzabili. L’acquisto e soprattutto il trasporto degli imballaggi per la restituzione comportano attualmente notevoli costi aggiuntivi rispetto ai tradizionali imballaggi in cartone. Senza un sistema efficiente ed economicamente vantaggioso, una soluzione riutilizzabile non è attualmente in grado di competere.

Sono richiesti tassi di risposta del 90%.

Esiste già un’idea su come rendere conveniente il trasporto di reso: una soluzione di settore nella vendita al dettaglio online in cui esiste una soluzione unificata per tutti i rivenditori. “Si può pensare a questo come a un sistema di deposito per le bottiglie”, spiega Zimmerman. “Non è più il caso che ogni rivenditore abbia il proprio imballaggio che deve essere restituito.” Avremo invece un sistema in cui la distribuzione degli imballaggi sarà controllata in modo intelligente. ”

Oltre a renderla più economica per le aziende, una soluzione unificata può ridurre gli sforzi pratici aggiuntivi per i clienti. Test precedenti hanno dimostrato che un maggiore impegno da parte dei clienti riduce la loro disponibilità a restituire gli imballaggi riutilizzabili, e questo è un problema. Solo quando i tassi di reso dichiarati sono elevati gli imballaggi riutilizzabili rappresentano davvero un’alternativa più sostenibile. Secondo Zimmerman l’obiettivo dovrebbe essere quello di raggiungere tassi di rendimento almeno del 90%.

La regolamentazione dell’UE impone un ripensamento

L’uso di imballaggi riutilizzabili nella vendita al dettaglio online è attualmente agli inizi e alcuni regali di Natale potrebbero ancora essere consegnati in scatole di cartone. Tuttavia, si prevede che la situazione cambierà entro il 2030. Un nuovo regolamento europeo sugli imballaggi prevede che la percentuale di imballaggi riutilizzabili nella vendita al dettaglio online debba aumentare fino al 10% entro il 2030. Ad oggi, imballaggi e borse riutilizzabili Pacchetti.

Lo scienziato Zimmerman dell’Istituto di ricerca Ocopol ritiene che questa condizione sia fondamentalmente ragionevole. Una regolamentazione sugli imballaggi creerebbe un incentivo economico all’utilizzo di imballaggi riutilizzabili per la spedizione, garantendo così pari condizioni a tutti i rivenditori: “Se abbiamo una quota del genere, possiamo supporre che all’improvviso ci sarà molto movimento nel mercato e anche ritorni significativi si otterranno soluzioni.” Più efficienti.”