Maggio 26, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Riaggancia immediatamente: il Centro di consulenza per i consumatori avverte di insidiose frodi telefoniche

Riaggancia immediatamente: il Centro di consulenza per i consumatori avverte di insidiose frodi telefoniche

Il Centro di consulenza per i consumatori avverte di una nuova truffa telefonica. Leggi qui quali chiamate sono attualmente le migliori per la chiamata diretta.

Attualmente, sono in aumento le segnalazioni di furto di un nuovo telefono: così Centro consumatori scriveI truffatori fingono di essere avvocati del Centro di consulenza per i consumatori. I presunti motivi delle chiamate sono vari.

Ad esempio, gli storni di addebito da banche o casse di risparmio vengono utilizzati per ottenere dati sensibili degli utenti. Altri ci provano con i cosiddetti sondaggi, consigli sull’abbassamento dei costi energetici o un cambiamento nella legge sulle assicurazioni sulla vita. Secondo le segnalazioni degli utenti, altri truffatori offrono presunte rimozioni di elenchi di lotterie, per le quali addebitano € 150.

Particolarmente audace: i truffatori usano il cosiddetto Spoofing dell’ID di chiamata. Al chiamato telefonicamente viene mostrato il numero reale del centro di consulenza al consumatore.

Consumer Center avverte: anche i truffatori vogliono ottenere i tuoi soldi con queste truffe

Ora devi essere particolarmente scettico riguardo alle presunte chiamate da un centro di consulenza per i consumatori.

Foto: Getty Images

Diventa ancora più grave quando i chiamanti parlano di presunta confisca dell’account o azioni legali che potrebbero minacciare se le fatture della lotteria non vengono pagate.

Ad esempio, una donna anziana è stata minacciata che le forze dell’ordine sarebbero andate da lei se non avesse consegnato tutti i suoi risparmi ai truffatori. Dopo le telefonate, la donna ha versato circa 16mila euro a un presunto messaggero delle VZ.

In un’altra truffa, i chiamanti segnalano una presunta richiesta di recupero crediti che viene pagata in contanti sul posto. Anche qui un “addetto alla sicurezza del centro di consulenza per i consumatori” si reca dalla vittima per ritirare il denaro. Un consumatore di Francoforte sul Meno ha perso 5.000 euro in questo modo.

Altri lettori sono interessati anche a: