Dicembre 9, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Reporter BILD sull’attacco russo: ‘Lo sappiamo: avremmo potuto essere morti’ – Politica all’estero

Chiamano la strada per Lysichansk “la strada per l’inferno” (la strada per l’inferno): l’esercito russo spara a tutto ciò che si muove lì – mercoledì pomeriggio ci siamo anche noi!

Siamo partiti la mattina presto per parlare con i civili a Lysechhansk, nell’Ucraina orientale, per vedere la devastazione, per vedere di persona. Il luogo è oggetto di un intenso attacco da parte dell’esercito russo e minaccia di essere circondato.

Mentre torniamo a mezzogiorno sull’ultima strada fuori città, l’attacco avviene! Quattro esplosioni sono metri davanti a noi. Poco dopo, ci sono state altre esplosioni e la nostra finestra è andata in frantumi.


I membri della BILD non sono rimasti feriti e il finestrino dell’auto è stato rottoFoto: Giorgos Motavis


Il giornalista della BILD Paul Runzheimer si nasconde dal fuoco russo sul sedile posteriore di un'auto

Il giornalista della BILD Paul Runzheimer si nasconde dal fuoco russo sul sedile posteriore di un’autoFoto: Giorgos Motavis

Stiamo correndo più veloci che possiamo, lungo la strada sterrata, la polvere che turbina nell’aria e riusciamo a malapena a vedere qualcosa. Questa è la strada per l’inferno.

Si sentivano ancora i bombardamenti da lontano, ma dopo mezz’ora siamo riusciti a uscire dalla strada che l’esercito russo sta pesantemente attaccando.

Noi tre ci abbracciamo. Sappiamo che potremmo essere già morti.


Il vice di Bild Paul Runzheimer (a destra), il fotografo Giorgos Motavis e il giornalista Vadim Moiseenko si trovano davanti alla loro auto dopo essere stati colpiti dalle forze russe.  Il lunotto posteriore è completamente rotto

Il vice della BILD Paul Runzheimer, il fotografo Giorgos Motavis e il giornalista Vadim Moiseenko si trovano davanti alla loro auto dopo essere stati colpiti dalle forze russe. Pannello posteriore completamente rovinato (a destra)Foto: Giorgos Motavis

Un giornalista francese è stato assassinato qui solo poche settimane fa. Finora nella guerra in Ucraina sono morti quasi venti giornalisti.

L’orrore a cui stiamo assistendo mostra anche quanto sia feroce la guerra in Oriente. Quello che vediamo a Lysychansk mostra l’intero dramma della guerra. Persone che sono state senza acqua per mesi e senza elettricità. Molti edifici sono stati completamente distrutti, come il centro culturale che è stato distrutto da un raid aereo.

L’esercito russo non vuole che l’orrore venga denunciato. Cercano anche di intimidire i giornalisti con i loro attacchi ai giornalisti.

Noi e BILD continueremo a segnalare dal sito!

“La guerra di Putin” – Gli utenti dell’app possono iscriversi alla nostra nuova newsletter qui!

READ  82 arrestati, 2 uccisi: lo stupro di gruppo sconvolge il Sudafrica