Giugno 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Recessione futura?: il leggendario investitore Jeremy Grantham avverte di un grande crollo: possiede questi tre titoli come protezione | newsletter

Grantham ritiene che la flessione del mercato azionario non sia ancora finita
L’investitore possiede titoli difensivi dei settori farmaceutico e dei beni di consumo
Le banche possono anche beneficiare di tassi di interesse più elevati

Jeremy Grantham è diventato un miliardario come fondatore del prestigioso gruppo di investimento Grantham, Mayo, Van Otterloo & Co. (OGM). Il britannico commenta regolarmente lo stato del mercato. Questa volta è particolarmente severo con le sue previsioni: lo stato del mercato azionario nel 2022 gli ricorda l’anno 2000. Simile allo scoppio della bolla delle dot-com, Grantham prevede un mercato azionario difficile nei prossimi anni. Ma ci sono titoli che possono sfuggire alla spirale discendente ed essere stabili rendimenti Consegna – Grantham ha tre titoli importanti nel suo magazzino.

Grantham si aspetta che l’S&P 500 scenda del 40%.

Le speranze che il peggio sia alle nostre spalle e che le azioni stiano toccando il fondo sono state alimentate da molti investitori in tutto il mondo nell’ultima settimana. Almeno, gli indicatori più importanti negli Stati Uniti, in Europa e in Asia hanno recuperato dai loro minimi. Quindi gli investitori possono ora fare un respiro profondo e acquistare di nuovo con coraggio? Jeremy Grantham lo sconsiglia vivamente: i mercati hanno ancora molto potenziale al ribasso. La previsione di Grantham: “Recentemente è sceso del 19,9% nell’S&P 500 e del 27% nel Nasdaq. Come minimo, probabilmente lo raddoppieremo. Se siamo sfortunati, il che è del tutto possibile, ne passeremo tre di questi fasi”, ha detto. In un’intervista alla CNBC.

READ  Opportunità di svolta?: Le monete Terra LUNA salgono di oltre il 100 percento: LUNA è pronta per un grande ritorno? | newsletter

Grantham prevede una recessione, ma i titoli difensivi saranno meno colpiti

Il pessimismo del mercato azionario di Grantham è stato causato dalla sua previsione che gli Stati Uniti e altri paesi occidentali avrebbero subito gravi recessioni. “Dovremmo entrare in una sorta di recessione molto rapidamente e i margini di profitto hanno molta strada da fare dopo aver raggiunto il picco reale”, ha affermato. Come previsto, ciò influirà in particolare sui titoli economicamente sensibili e orientati alla crescita. Questo sviluppo divergente è già diventato evidente negli ultimi mesi. Titoli tecnologici come PayPal, Netflix e Meta Platforms in particolare hanno sofferto dei timori di una recessione e dell’aumento dei tassi di interesse. Al contrario, società più stabili e più difensive come Nestlé e Procter and Gamble e società energetiche come Shell e BP sono ampiamente riuscite a sfuggire al trend negativo negli ultimi mesi. Grantham ha tre titoli promettenti nel suo portafoglio privato. Quali sono questi presunti rifugi sicuri?

Coca-Cola: un marchio tradizionale del fossato

Coca-Cola è senza dubbio uno dei titoli difensivi più popolari, in quanto considerato particolarmente resistente all’inflazione e alla recessione. Il marchio è presente in più di 200 paesi e territori e anche in una situazione economica debole miliardi di persone possono ancora acquistare le proprie lattine di cola. Quindi non sorprende che investitori a lungo termine come Warren Buffett abbiano detenuto azioni Coca-Cola nei loro portafogli per decenni. Buffett sottolinea ripetutamente l’enorme “trincea” che ha il marchio del gigante delle bevande. Grantham è convinto anche della Coca-Cola: secondo un deposito 13F della US Securities and Exchange Commission a fine marzo, il britannico possedeva 9,41 milioni di azioni Coca-Cola per un valore di 583,5 milioni di dollari. Questo investimento ha recentemente dato i suoi frutti a Grantham: le azioni Coca-Cola sono aumentate del 6,89% negli ultimi 12 mesi (al 14 giugno 2022), una sovraperformance impressionante rispetto al mercato nel suo insieme.

READ  Tesla richiama più di un milione di auto

Johnson & Johnson: un produttore farmaceutico redditizio

Come la Coca-Cola, Johnson & Johnson è un’azione tradizionale di Dow Jones. Il gigante farmaceutico Johnson & Johnson è un leader globale nei mercati della salute dei consumatori, dei prodotti farmaceutici e dei dispositivi medici. Secondo Yahoo Finance, l’azienda americana ha 29 prodotti, ciascuno dei quali genera più di 1 miliardo di dollari. La crescita degli utili è stata in media dell’8 percento negli ultimi 20 anni. Dato il potenziale per cui molti prodotti J&J possono essere eliminati e l’enorme potere di determinazione dei prezzi, l’azienda farmaceutica dovrebbe essere in grado di gestire la stagflazione pluriennale molto meglio del mercato nel suo insieme. La straordinaria resilienza di Johnson & Johnson è dimostrata dal fatto che il gruppo americano è stato in grado di aumentare il proprio reddito da dividendi senza eccezioni negli ultimi 60 anni. Attualmente ritorno di profitto 2,56%, il corso più documenti Johnson & Johnson negli ultimi 12 mesi 2,25%.

US Bancorp: una banca americana con una fantasia sui tassi di interesse

Se si chiede agli esperti di borsa quale settore ha beneficiato maggiormente dei tassi di interesse più elevati, la risposta è generalmente unanime: il settore finanziario. Quando le tariffe prime aumentano, il margine delle banche tra i benefici di deposito e di emissione aumenta, gli assicuratori ottengono rendimenti più elevati sul loro ampio portafoglio di obbligazioni ei riassicuratori traggono vantaggio da un contesto di tassi di interesse più elevati. Quindi è giusto che la banca occupi una parte così ampia del portafoglio di Grantham. Più precisamente, è la quinta banca americana per grandezza, la US Bancorp, con sede a Minneapolis (Minnesota). American Bancorp attribuisce un valore elevato alla qualità degli asset. Nel primo trimestre, le svalutazioni nette su prestiti sono diminuite del 52% anno su anno. Tuttavia, le banche in generale stanno soffrendo di uno scarso sviluppo economico, motivo per cui negli ultimi mesi i titoli bancari hanno registrato risultati molto peggiori rispetto alle società farmaceutiche di base e dei prodotti di consumo. Anche le azioni US Bancorp hanno deluso negli ultimi 12 mesi. Durante quel periodo, il 21,86% è attualmente sotto lo zero, ma potrebbe rivelarsi il vincitore a lungo termine con tassi di interesse più elevati in tutto il mondo.

READ  Effetti dei prezzi elevati: il comportamento di acquisto può cambiare profondamente

redazione finanzen.net

Prodotti a leva selezionati su Coca-Cola Co.Con i knockout, gli investitori speculativi possono partecipare in modo sproporzionato ai movimenti dei prezzi. Seleziona semplicemente la leva desiderata e ti mostreremo i prodotti aperti appropriati su Coca-Cola Co.

La leva dovrebbe essere compresa tra 2 e 20

Non ci sono dati

Altre notizie su Coca-Cola Co.

Fonti dell’immagine: Chi è Danny/Shutterstock.com, conrado/Shutterstock.com