Gennaio 30, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Reazione alle barricate: il Kosovo chiude il principale valico di frontiera con la Serbia

QuintoSullo sfondo delle continue tensioni sul Kosovo, la leadership di Pristina ha chiuso il principale valico di frontiera con la Serbia vicino alla città di Podujevo. La mossa arriva mercoledì dopo che i militanti serbi avevano precedentemente bloccato l’accesso al lato serbo del confine. Come riportato dai media a Belgrado, vicino alla città serba di Merdar, i camion erano parcheggiati lungo la strada che porta al valico di frontiera.

È stato il terzo valico di frontiera tra il Kosovo e il suo vicino settentrionale, ad essere chiuso temporaneamente. Per quasi tre settimane, i militanti serbi hanno istituito posti di blocco ai valichi di Brinjak e Jarenje nel nord del Kosovo. D’altra parte, i militanti hanno anche bloccato le strade in altre parti del Kosovo settentrionale, abitato principalmente da serbi.

Queste azioni hanno il sostegno del presidente serbo Aleksandar Vucic. Oggi, abitato quasi esclusivamente da albanesi, il Kosovo apparteneva alla Serbia ed è indipendente dal 2008. La Serbia non lo accetta e rivendica per sé il territorio del Paese. L’area a nord della città di Mitrovica, divisa dal fiume Ibar, è abitata esclusivamente da serbi e confina direttamente con la Serbia. Vucic incoraggia la popolazione della regione a non riconoscere la sovranità del Kosovo.

Un agente di polizia del Kosovo pattuglia la parte settentrionale della città di Mitrovica, divisa etnicamente

Fonte: Reuters

I blocchi serbi mirano principalmente all’arresto di un ex agente di polizia del Kosovo di origine serba. Secondo le autorità kosovare, avrebbe condotto attacchi contro funzionari della Commissione elettorale. Ma dietro le barricate ci sono spesso serbi dell’ambiente criminale, dei servizi segreti e dei loro parenti.

Le tensioni sono state originariamente causate dal governo di Pristina che ha revocato le vecchie targhe serbe, che la maggior parte dei residenti a Mitrovica nord e dintorni utilizza ancora oggi. Sotto la pressione delle ambasciate occidentali, il primo ministro Albin Kurti ha sospeso l’attuazione dei regolamenti pertinenti.

Tuttavia, Vucic sembra sempre trovare scuse per infiammare le tensioni intorno al Kosovo. Aveva chiesto due settimane fa il ritorno dell’esercito serbo in Kosovo. Tuttavia, questo deve essere approvato dal comando della forza di protezione KFOR guidata dalla NATO, composta da 4.000 uomini. Vucic ha chiesto il permesso, ma è improbabile che glielo conceda.

Le forze di sicurezza serbe hanno ucciso ed espulso civili nella guerra contro la nascente milizia dell’UCK in Kosovo nel 1998/1999. Così la NATO è intervenuta nel marzo 1999 e ha bombardato quello che allora era il resto della Jugoslavia (Serbia e Montenegro). Le forze di sicurezza serbe e l’amministrazione serba hanno dovuto ritirarsi dal Kosovo. Fino alla dichiarazione di indipendenza nel 2008, il paese era amministrato dalla missione delle Nazioni Unite Unmik.

All’inizio della settimana, Vucic ha messo in allerta l’esercito e la polizia serbi. Fino ad oggi, l’esercito serbo ha dovuto rispettare una zona cuscinetto larga cinque chilometri sul suo territorio lungo il confine con il Kosovo, nella quale può entrare solo con il permesso della Kosovo Force. Questo fa parte degli accordi raggiunti dopo la fine dell’intervento Nato.

Leggi anche

Serbi locali vicino al checkpoint di Mitrovica

Con Albin Kurti, che governa il Kosovo dal marzo 2021, è diventato il paese più piccolo d’Europa ad avere un capo di governo che non rifugge dal confronto. Il 47enne era stato imprigionato in Serbia per più di due anni come disertore dal Kosovo e dall’Albania. È a capo del partito Vetevendosje (Autodeterminazione), impegnato nell’attuazione incondizionata della creazione di uno Stato kosovaro, ma anche nelle riforme dell’apparato statale parzialmente corrotto.

Kurti ha definito illegali i posti di blocco serbi nel nord. “Le istituzioni statali non si occuperanno dei criminali, ma piuttosto li arresteranno”, ha detto mercoledì dopo una riunione del governo. Alla Forza di sicurezza internazionale in Kosovo, responsabile della sicurezza generale del Paese, è stato dato “tempo per lavorare” per rimuovere le barricate. Tuttavia, questo tempo sta per scadere.

Mercoledì un tribunale di Pristina ha improvvisamente rilasciato dagli arresti domiciliari l’ex poliziotto serbo, i cui arresti avrebbero eretto delle barricate. Poiché gli uffici del pubblico ministero ei tribunali in Kosovo sono indipendenti dal governo, anche Kurti è rimasto sorpreso. “Sono curioso di sapere quale pubblico ministero ha presentato una mozione per questo caso e quale tribunale lo ha deciso.” All’inizio non era chiaro quali sarebbero state le implicazioni della decisione della corte per le azioni dei serbi nel nord.

Ministero degli Esteri tedesco: “Un segnale completamente sbagliato”

Il governo tedesco ha criticato l’aumento della presenza militare serba nel conflitto con il vicino Kosovo a sud. Un portavoce del ministero degli Esteri a Berlino ha detto mercoledì che questo invia “un segnale assolutamente sbagliato”. Questo è stato chiarito alla parte serba.

Secondo il portavoce, il ministero degli Esteri è “estremamente preoccupato” per le tensioni nel nord del Kosovo. I posti di blocco che sono stati eretti per alcune settimane dovrebbero essere smantellati il ​​prima possibile.

Allo stesso tempo, il Kosovo deve accettare l’attuazione dell’accordo di associazione della comunità serba, ha affermato il portavoce del ministero degli Esteri. A questo proposito, il ministero sostiene i colloqui in corso dell’inviato speciale dell’UE Miroslav Lajcak.

Preoccupazione di Unione Europea e Stati Uniti per la situazione in Kosovo

Gli Stati Uniti e l’Unione europea sono preoccupati per la situazione tesa in Kosovo. “Chiediamo a tutti gli interessati di esercitare la massima moderazione possibile”, hanno affermato mercoledì il ministero degli Esteri europeo (SEAE) e il Dipartimento di Stato americano. Una dichiarazione congiunta afferma che dovrebbero essere prese misure immediate per calmare la situazione ed evitare provocazioni, minacce o intimidazioni.

La dichiarazione UE-USA ha accolto con favore le assicurazioni della leadership del Kosovo secondo cui non ci saranno elenchi di serbi del Kosovo arrestati o perseguiti per proteste pacifiche o barricate. Nell’ambito del mandato Eulex, le indagini e le successive azioni saranno attentamente monitorate al fine di promuovere il rispetto dei diritti umani.

Puoi ascoltare il podcast di WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

“Kick-off Politics” è il podcast di notizie quotidiane di WELT. Argomento principale analizzato dagli editori WELT e le date di oggi. Iscriviti al podcast su SpotifyE il Podcast AppleE il Musica Amazon o direttamente tramite un feed RSS.

READ  Stati Uniti: due morti e cinque feriti nella sparatoria a Los Angeles