Rapporto di mercato: tristezza a Wall Street

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."


Rapporto di mercato

Al: 3 gennaio 2024 alle 22:13

Il debole ottimismo sui tassi d'interesse, ma anche le preoccupazioni per la situazione in Medio Oriente, hanno pesato sui mercati azionari statunitensi. Gli investitori statunitensi dovranno probabilmente convivere con tassi di interesse più elevati per un po’.

Come i mercati europei prima di loro, anche gli investitori di Wall Street oggi si sono ritirati dal mercato azionario. Tutti i principali indici azionari hanno chiuso in rosso. Come il giorno prima, i titoli tecnologici, particolarmente sensibili ai tassi di interesse, sono stati sottoposti a una maggiore pressione di vendita.

Il Nasdaq, ad alto contenuto tecnologico, alla fine è sceso dell’1,18%. L'indice Standard & Poor's 500, il più ampio del mercato, ha perso lo 0,8% a 4.704 punti, e l'indice Dow Jones, il principale indice delle azioni standard, ha chiuso le sue negoziazioni in ribasso dello 0,76% a 37.430 punti.

Tuttavia, i trader non hanno voluto sopravvalutare il modesto inizio d'anno registrato finora. Alcuni investitori che hanno realizzato buoni guadagni nel rally di fine anno ora stanno prendendo profitti, hanno detto. Tuttavia, è probabile che la maggioranza sia in attesa di nuovi dati economici e del mercato del lavoro che potrebbero fornire maggiori informazioni sugli sviluppi della politica economica e monetaria.

Le crescenti tensioni nella guerra tra Israele e il gruppo estremista islamico palestinese Hamas e l’intensificarsi della guerra della Russia contro l’Ucraina hanno aumentato l’ansia degli investitori.

In serata è stato reso pubblico il tanto atteso verbale dell'ultima riunione sui tassi della banca centrale di dicembre, chiamata in gergo tecnico «verbale». C’era qualcosa sia per i rialzisti (acquirenti) che per gli orsi (venditori), e i mercati tendevano ad essere altrettanto cauti.

Da un lato, la Federal Reserve (Fed) ha promesso di porre fine agli aumenti dei tassi di interesse: “I partecipanti erano del parere che il tasso di interesse di riferimento abbia raggiunto o si stia avvicinando al suo picco in questo ciclo di stretta”, afferma la banca. Verbale della decisione sul tasso di interesse pubblicato la sera del 13 dicembre. Sono stati compiuti “chiari progressi” nella lotta all’inflazione.

D'altro canto, l'orientamento restrittivo dovrebbe essere mantenuto inizialmente fino a quando l'inflazione non diminuirà in modo chiaro e sostenibile, si legge anche nel comunicato. Sono disposti a tagliare i tassi di interesse se l’inflazione continua a diminuire nel 2024. I tempi di tale mossa rimangono incerti. Si prevede che il primo taglio dei tassi di un quarto di punto percentuale avverrà nel mese di marzo sui mercati dei futures.

Thomas Park, l'organismo di vigilanza monetaria statunitense, non ha ancora preso una decisione sul corso della politica monetaria per quest'anno. “Non c'è il pilota automatico. I dati che usciranno quest'anno sono importanti”, ha sottolineato oggi il capo del distretto della Fed di Richmond.

Un aumento dei tassi di interesse non è escluso se l’inflazione si rivela più difficile del previsto. Nel frattempo, i tempi e il ritmo di eventuali tagli dei tassi di interesse dipendono dal fatto che l’inflazione continui a scendere e che l’economia continui a funzionare senza intoppi.

Barkin non ha detto nulla di nuovo, ma recentemente la prospettiva quasi allegra del mercato è andata oltre. Le forti speculazioni sulla natura e la portata dei tagli dei tassi di interesse hanno spinto il mercato azionario, in particolare i titoli tecnologici, sempre più in alto.

Nel pomeriggio è prevista la pubblicazione dell'ISM Manufacturing PMI, il primo segnale economico proveniente dalla più grande economia mondiale. Sebbene i dati siano stati leggermente migliori del previsto, la reazione del mercato azionario è stata debole.

Nello specifico, a dicembre l'umore nell'industria statunitense è migliorato un po' più del previsto. L'indice ISM dei direttori degli acquisti è salito di 0,7 punti a 47,4 punti, ha annunciato oggi l'Istituto privato per la gestione dell'approvvigionamento. Gli analisti si aspettavano in media un miglioramento a soli 47,1 punti.

Ma l'indice resta sotto la soglia dei 50 punti per il 14esimo mese consecutivo, indicando una contrazione del settore. In questo settore non sembra esserci alcuna dinamica positiva, scrive Ralf Rund della Landesbank Hessen-Thüringen. Pertanto, le aspettative di una riduzione dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve americana non sono in dubbio.

Con l'indebolimento di Wall Street alle spalle, l'indice principale DAX ha esteso le sue perdite nel pomeriggio e ha chiuso le contrattazioni con perdite significative. Alla fine l'indice ha perso l'1,38% a 16.538 punti.

Come il giorno precedente, la volatilità è stata elevata, con un massimo giornaliero di 16.784 punti nelle prime contrattazioni e un minimo giornaliero di 16.479 punti. Anche l'indice MDAX dei titoli azionari di medie dimensioni ha subito forti pressioni di vendita ed è sceso del 2,18% a 26.252 punti.

Il giorno precedente il DAX inizialmente non è riuscito a mantenere livelli più alti ed è caduto. Ieri ha chiuso leggermente in rialzo a 16.769 punti.

Questo non ha funzionato oggi. Dopo le operazioni senza direzione del giorno precedente, oggi hanno prevalso gli “orsi” (venditori), dando al DAX un falso inizio per il nuovo anno borsistico. Il timore di un peggioramento della crisi in Medio Oriente crea attualmente uno stato di incertezza. Inoltre, si registra un calo dell’ottimismo riguardo ai rapidi tagli dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve americana.

Gli osservatori hanno affermato che dopo che il vice leader di Hamas Saleh Al-Arouri è stato ucciso martedì in un attacco di droni a Beirut, ci sono timori di ritorsioni. Inoltre, il mercato si è riscaldato dopo il rally di fine anno, quindi un rallentamento tecnico non sarebbe insolito.

“Molte speranze per tagli dei tassi di interesse e un leggero rallentamento dell'economia sono state scontate nei prezzi nel 2023, quindi il mercato è molto vulnerabile alle notizie deludenti che provengono da questa direzione”, ha riassunto Jurgen Molnar, stratega del brokeraggio RoboMarkets.

Che l'illusione di abbassare i tassi d'interesse negli Stati Uniti si stia attualmente attenuando è evidente anche sul mercato dei cambi, e il dollaro rimane richiesto in tempi di crisi. La moneta unica europea ha continuato ad estendere le sue perdite nel pomeriggio e recentemente è stata scambiata negli Stati Uniti a 1,0919 dollari, leggermente al di sopra del minimo giornaliero. Al mattino fu pagato circa mezzo centesimo in più. La Banca Centrale Europea ha fissato il tasso di riferimento a 1,0919 (martedì: 1,0956) dollari. Le speranze di una riduzione dei tassi di interesse di riferimento negli Stati Uniti hanno rafforzato l’euro nelle ultime settimane.

Le notizie sull'interruzione del principale giacimento petrolifero della Libia hanno fatto impennare i prezzi del greggio. I prezzi del petrolio greggio Brent del Mare del Nord e del petrolio leggero statunitense West Texas Intermediate sono aumentati di circa il 3,0%.

Due ingegneri hanno detto a Reuters che le proteste hanno portato ad un parziale calo della produzione nel giacimento petrolifero di Sharara, che ha una capacità di 300.000 barili al giorno. La situazione nel Mar Rosso resta tesa anche dopo che i ribelli Houthi hanno lanciato due missili antinave, secondo gli Stati Uniti. Gli attacchi nel Mar Rosso sono avvenuti diverse settimane fa dopo che i ribelli Houthi sostenuti dall’Iran nello Yemen avevano dichiarato la loro solidarietà al movimento estremista islamico Hamas.

Il numero di disoccupati in Germania è aumentato di 31mila persone raggiungendo 2,637 milioni di persone nel dicembre 2023 rispetto a novembre, principalmente a causa di fattori stagionali. L'Agenzia federale per l'occupazione ha annunciato che il tasso di disoccupazione è aumentato di 0,1 punti al 5,7%. Rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, il numero dei disoccupati è aumentato di 183mila persone. Si è registrato anche un leggero aumento del lavoro a orario ridotto. Nel mese di dicembre l'agenzia federale ha registrato 713.000 posti di lavoro vacanti, 68.000 in meno rispetto all'anno precedente.

L'apparente debolezza dei prezzi sulla borsa tecnologica statunitense Nasdaq si è estesa oggi ai mercati europei. L'indice tecnologico Stoxx 600 ha perso significativamente ed è il settore più debole finora nel nuovo anno borsistico. Nell'indice DAX le azioni della società di produzione di chip Infineon hanno perso circa il 3,9%, quelle Siemens del 3,6%. In fondo all'indice c'è Siemens Energy, che ha perso più del 5%.

Le azioni della società armatrice Rheinmetall hanno invece raggiunto un nuovo massimo storico con prezzi superiori a 300 euro. Ma alla fine, il prezzo delle azioni è sceso di nuovo un po' ed è sceso un po'. In controtendenza, nell'indice principale, le azioni Münchener Rück e Hannover Re hanno registrato un moderato rialzo e si sono posizionate in testa alla classifica DAX. Il titolo T è stato il vincitore oggi, in rialzo di circa l'1,4%. Secondo gli operatori di mercato, il titolo era richiesto perché si prevedeva che Telekom avviasse l'annunciato programma di riacquisto di azioni proprie.

Il produttore di aeromobili Airbus vuole proteggere la divisione sicurezza informatica e dati della società francese di servizi IT in difficoltà Atos per miliardi di dollari. Atos ha affermato che Airbus valuta la sua attività di big data e sicurezza (BDS) tra 1,5 e 1,8 miliardi di euro compreso il debito. Tuttavia, i colloqui sono ancora in una fase iniziale. Il Financial Times aveva precedentemente pubblicato un rapporto su un'offerta simile. Atos è da tempo alla ricerca di soluzioni a causa delle perdite nel settore dei servizi IT tradizionali e dell'elevato debito. Gli investitori erano scettici e le azioni Airbus hanno perso circa il 3% sul DAX.

Volkswagen, il più grande produttore di automobili d'Europa, ha annunciato il suo successo nello sviluppo di una cella a stato solido, considerata la prossima generazione di batterie per veicoli elettrici. PowerCo, la filiale dell'azienda responsabile del business delle batterie, ha affermato che la batteria allo stato solido ha ora superato i test a lungo termine presso il laboratorio Volkswagen di Salzgitter. La cella ha completato più di 1.000 cicli di ricarica, che equivalgono, secondo PowerCo, a un’autonomia totale di circa 500.000 chilometri.

La cella a stato solido è vista nel settore come il prossimo grande passo nello sviluppo delle batterie. A differenza delle batterie agli ioni di litio precedentemente utilizzate nelle auto elettriche, all'interno non viene utilizzato un elettrolita liquido, ma piuttosto un elettrolita solido. I produttori sperano che ciò porti ad una maggiore autonomia, una ricarica più rapida e una minore usura.

Il processo contro i dirigenti di Wirecard potrebbe durare quasi il doppio di quanto inizialmente previsto. Il primo tribunale regionale di Monaco ha fissato ulteriori 86 giorni per il processo fino al 19 dicembre di quest'anno. Il processo contro l'ex amministratore delegato Markus Braun, il testimone chiave Oliver Bellenhaus e l'ex capo contabile del gruppo crollato nel 2020 è in corso dall'8 dicembre 2022. Wirecard è crollata nell'estate del 2020 dopo che i revisori dei conti non sono riusciti a trovare 1,9 miliardi di euro. iscritti in bilancio.

La compagnia aerea low cost irlandese Ryanair ha trasportato più passeggeri a dicembre rispetto all'anno precedente. Il numero dei passeggeri è aumentato del 9% arrivando a 12,5 milioni, ha annunciato oggi la compagnia a Dublino. Tuttavia, il tasso di occupazione è sceso di un punto percentuale al 91%. A Dublino le azioni di Ryanair sono scese di circa il 3%. Ryanair ha notato che i principali fornitori di viaggi come Booking.com hanno rimosso i voli Ryanair dal loro programma all'inizio di dicembre.

Related articles

La leggenda dell’Italia Buffon arriva agli Europei: “Nel 2006 era così…”

{ "placeholderType": "BANNER"}La leggenda dell'Italia arriva a EM Non era però prevista una trasferta a Duisburg, dove 18...

La piccola centrale nucleare di Bill Gates è in costruzione

Terrapower, finanziato da Bill Gates, sta implementando il...

Scoperta della NASA sul Pianeta Rosso: un buco su Marte potrebbe garantire la sopravvivenza degli astronauti

Nella zona del vulcano spento Arsia Mons, parte del gruppo vulcanico Tharsis Montes su Marte, il Mars Exploration...