Maggio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rapporto di mercato: sollievo per il mercato azionario

Rapporto di mercato: sollievo per il mercato azionario


Rapporto di mercato

A partire dal: 08/10/2023 18:09

Gli investitori sono usciti dal nulla oggi dopo i dati al ribasso sui prezzi statunitensi. L’indice DAX ha puntato ancora una volta gli occhi sulla soglia dei 16.000 punti. Nel frattempo, è proseguita la stagione dei report aziendali.

Con alcuni venti favorevoli da New York, il DAX è salito oggi dopo una giornata di scambi movimentata. Infine, il principale indice tedesco ha chiuso a 15.996 punti, in rialzo dello 0,91% e poco sotto la soglia dei 16.000 punti. Nel frattempo questo è stato saltato nel pomeriggio e il massimo giornaliero è stato di 16.060 punti.

Oltre all’anticipo della stagione dei rapporti nazionali, diversi pesi massimi del DAX hanno aperto oggi i loro libri contabili e gli investitori si sono concentrati principalmente sui dati sui prezzi statunitensi per luglio. Questi sono stati leggermente migliori del previsto, con l’inflazione che è salita al 3,2%, il che ha fornito un certo sollievo. Gli esperti si aspettavano una dinamica dei prezzi leggermente più forte del 3,3%.

Wall Street ha reagito positivamente all’attenuarsi dei timori sui tassi di interesse. Ciò ha guidato anche il mercato azionario di Francoforte. L’indice MDAX delle azioni medie è salito dell’1,1% a 28.334 punti.

Dopo i dati incoraggianti sui prezzi, i principali indici statunitensi hanno aperto in rialzo all’unisono e sono rimasti in territorio positivo. Il principale Dow Jones è salito di quasi lo 0,8% e il Nasdaq Stock Exchange ha registrato guadagni simili. L’indice Standard & Poor’s 500 è salito dello 0,6%.

Pertanto, gli investitori statunitensi reagiscono positivamente ai nuovi dati sull’inflazione, sebbene sia leggermente aumentata al 3,2% su base annua dal precedente tasso del 3,0%. Secondo la Landesbank Hessen-Thüringen (Helaba), il leggero aumento del tasso di inflazione complessivo non dovrebbe essere sopravvalutato.

“Lo sviluppo nelle fasi iniziali dà speranza per la continuazione della tendenza al ribasso nei prossimi mesi”, ha commentato l’economista Helapa Ulrich Wurtberg. Alcuni esperti ora scommettono sempre più che la Fed non alzerà ulteriormente il tasso di interesse chiave. Secondo Wortberg, i dati non dovrebbero spingere la Fed ad alzare ulteriormente i tassi di interesse. Tanto più che le richieste di disoccupazione iniziali pubblicate contemporaneamente sono aumentate più del previsto.

Secondo Dirk Schlench, economista della Landesbank Baden-Württemberg, il percorso di rialzo dei tassi della Fed ha raggiunto “la fine della strada”. I tagli dei tassi di interesse sono già previsti nella prima metà del 2024.

Sul mercato dei cambi, l’euro reagisce ai dati sui prezzi statunitensi all’aumentare dei prezzi. Nel pomeriggio sono stati pagati $ 1,1014, in rialzo di circa lo 0,35% rispetto al dollaro. Il prezzo era precedentemente salito a un massimo giornaliero di $ 1,1058. La ragione di ciò è che la “fantasia del tasso di interesse” per il dollaro sta svanendo. La Banca centrale europea ha fissato il tasso di riferimento a 1,1019 (mercoledì: 1,0968) USD. I prezzi del petrolio sono leggermente diminuiti, ma sono ancora a un livello elevato.

Un altro argomento nel mercato azionario oggi è l’andamento della stagione dei rapporti nazionali. Diverse società DAX hanno pubblicato questa mattina i budget e le previsioni aziendali del secondo trimestre. Il risultato sono diverse reazioni di prezzo.

Le azioni Allianz e le azioni del riassicuratore Munich Re sono state tra le maggiori vincitrici del DAX. Allianz, che si è conclusa con una vittoria oggi, ha ribadito le sue prospettive di utili per l’intero anno dopo la crescita nel secondo trimestre. Il risultato operativo dovrebbe ora essere di 14,2 miliardi di euro. Nel secondo trimestre, i profitti sono aumentati del 7,1% a 3,8 miliardi di euro, appena sopra le stime degli analisti.

A Munich Re, gli utili consolidati sono scesi del 21% a 2,43 miliardi di euro nella prima metà dell’anno, dopo i 3,066 miliardi di euro nello stesso periodo dell’anno precedente. Tuttavia, il gruppo ha confermato la sua previsione, secondo la quale il risultato del gruppo raggiungerà i 4,0 miliardi di euro nell’anno in corso. Sulla scia della partecipazione di Munich Re, ha acquisito Hannover Re, anch’essa quotata al DAX.

Al contrario, la quota di Siemens è scesa in fondo all’indice di circa il 4,8%. Nei tre mesi fino alla fine di giugno, i ricavi del gruppo sono aumentati del 6% a quasi 18,9 miliardi di euro. Tuttavia, la crescita è stata debole rispetto al trimestre precedente. La conclusione è che Siemens ha realizzato un utile al netto delle imposte di 1,4 miliardi di euro. Anche le azioni della controllata Siemens Energy nell’indice DAX sono diminuite per cento.

L’attenzione si è concentrata sullo sviluppo più debole della divisione Digital Industries, che collega il business alla digitalizzazione dell’industria. Questo è cresciuto a passi da gigante negli ultimi due anni e, secondo gli analisti, ora sta mostrando la normalizzazione. Nel complesso, Siemens ha confermato gli obiettivi per l’anno fiscale, ma prevede una crescita delle vendite inferiore nelle industrie digitali rispetto a prima. È anche possibile che il margine qui sia leggermente inferiore a quanto inizialmente previsto

Il produttore di beni di consumo Henkel continua a crescere grazie all’aumento dei prezzi e alza le previsioni per l’anno in corso. Le vendite del gruppo per i primi sei mesi sono state pari a 10,9 miliardi di euro. Ciò corrisponde a una crescita organica del 4,9%. L’utile rettificato prima degli interessi e delle imposte (EBIT) è aumentato del 7,6% a 1,25 miliardi di euro. Per il 2023, Henkel, membro del DAX, prevede una crescita organica delle vendite dal 2,5 al 4,5%. Il margine EBIT rettificato dovrebbe ora essere compreso tra l’11 e il 12,5%.

Le vendite del gruppo di armi Rheinmetall nel secondo trimestre sono aumentate del 6,4% a quasi 1,5 miliardi di euro. Il risultato operativo è aumentato del 3,5% a 118 milioni di euro. Entrambe le metriche sono in linea con le aspettative degli analisti. Nel complesso, Rheinmetall ha realizzato un utile di 73 milioni di euro, come nello stesso periodo dell’anno scorso. Secondo l’azienda, i libri degli ordini si stanno riempiendo abbastanza bene.

T-Share è stata inizialmente in grado di contenere perdite maggiori nel corso dell’anno e alla fine ha chiuso leggermente al rialzo. Dopo aver presentato i dati del secondo trimestre 2023, Deutsche Telekom prevede un EBITDA inclusi i costi di leasing (Ebitda AL) di 41,0 miliardi di euro. Questo è un po’ più di quanto previsto in precedenza. Telekom ha conquistato 319.000 clienti di telefonia mobile con i propri marchi in Germania nel secondo trimestre, quasi due terzi in più di quanto previsto dagli analisti. A livello di gruppo, le vendite nel secondo trimestre sono diminuite del 2,4% su base annua a 27,2 miliardi di euro.

Inoltre, le imprese statunitensi fanno la parte del leone nel bilancio. Come annunciato dal CEO Höttges, Telekom ha acquisito a fine giugno il 51,3% di T-Mobile US. “Siamo lieti di possedere la maggior parte degli operatori di telefonia mobile più preziosi al mondo”, ha affermato fornendo i numeri trimestrali. Il direttore ha negato la possibilità di affidarsi a società estere. Deutsche Telekom ha molto spazio per gli investimenti proprio grazie alla sua forte attività in America. “Lo dico con assoluta convinzione: farò di nuovo tutto allo stesso modo negli Stati Uniti”, ha detto. Nella prima metà dell’anno, il gruppo ha speso 9,2 miliardi di dollari in investimenti.

La società di vendita per corrispondenza di scatole di ricette ha dovuto accettare un calo significativo della domanda nell’ultimo trimestre a causa di un calo globale dei consumi. Il numero di domande è sceso del 7% a 30 milioni. Tuttavia, grazie a severi controlli sui costi, il fornitore di kit pasto ha aumentato i suoi guadagni prima di interessi, imposte, ammortamenti e ammortamenti (Ebitda), rettificati per effetti speciali, di circa un terzo a poco meno di 192 milioni di euro. Le vendite sono leggermente diminuite a 1,92 miliardi di euro a causa dello scarso interesse dei clienti.

Gli scioperi dei piloti alla Lufthansa sono fuori discussione nei prossimi anni: il sindacato dei piloti ha annunciato oggi che un’ampia maggioranza dei suoi membri ha votato a favore del pacchetto tariffario negoziato alla fine di luglio.

Secondo i resoconti dei media, nelle trattative è stato concordato di aumentare gli stipendi del 7,5% a partire dal 2024, oltre a un’inflazione una tantum esentasse di 3.000 euro e un miglioramento della struttura dei servizi. Secondo Cockpit, i contratti sono validi fino alla fine del 2026. La quota di Lufthansa è aumentata di oltre l’1% in MDAX.

Il gruppo chimico Evonik soffre di uno scarso sviluppo economico in Germania. Il risultato operativo della società nel secondo trimestre è crollato del 38% a 450 milioni di euro. Il presidente della società Christian Kohlmann ha spiegato che “le misure di austerità draconiane” hanno avuto un impatto positivo sugli utili. Complessivamente, Evonik ha subito una perdita di 270 milioni di euro a seguito di una svalutazione di attività di 390 milioni di euro in Europa e Nord America.

Nonostante la forte crescita delle vendite e dei profitti, la partecipazione di SMA in TecDAX è diminuita di circa il sette percento. Sembra che i risultati siano stati inferiori alle aspettative del mercato. Con un aumento delle vendite di circa il 65% a 778,9 milioni di euro, il risultato operativo (Ebitda) è balzato a 125,3 milioni di euro, rispetto ai 15,9 milioni dell’anno precedente.

Anche le pratiche burocratiche del produttore di carrelli elevatori Jungheinrich presso MDAX sono andate perdute in modo significativo. Secondo i trader, il mercato si aspettava più di una conferma della guidance per l’intero anno. Jungheinrich è cresciuta nonostante la crisi economica e beneficia anche dell’acquisizione. Le vendite sono aumentate del 21% a 2,658 miliardi di euro, il risultato operativo (EBIT) del 46% a 236 milioni di euro.

Anche nel secondo trimestre la diminuzione della domanda di spedizioni ha portato a un crollo delle vendite e dei profitti della compagnia di spedizioni di container Hapag-Lloyd con sede ad Amburgo. Il risultato consolidato è sceso a 1 miliardo di euro, in calo di circa il 75%. Vendite dimezzate a circa 4,42 miliardi di euro. Il motivo è la normalizzazione delle catene di approvvigionamento negli oceani, interrotte da anni. Secondo Hapag-Lloyd, la tariffa di trasporto media nel secondo trimestre è scesa da $ 2.935 a $ 1.533 per container standard.

L’umore d’acquisto dei cacciatori di occasioni cinesi ha dato ad Alibaba il più grande aumento delle vendite in quasi due anni. Il rivenditore online ha annunciato oggi che, grazie alla sua campagna di sconti annuale “618”, le vendite nell’ultimo trimestre sono aumentate del 14%, per l’equivalente di 29,5 miliardi di euro. Il risultato operativo rettificato è aumentato del 32% a 5,7 miliardi di euro. Le azioni della rivale Amazon quotata negli Stati Uniti sono aumentate di oltre il cinque percento.

Questi erano gli ultimi risultati trimestrali del conglomerato cinese. Diviso in sei società indipendenti. Ognuno è progettato per esplorare la possibilità di IPO o altre forme di raccolta di capitali. La stessa Alibaba opererà in futuro come holding sotto l’ex CEO Daniel Chang. Gestirà anche il business del cloud.

Il gigante americano dell’intrattenimento Disney ha dimezzato le sue perdite nello streaming video nell’ultimo trimestre. Tuttavia, la divisione con il servizio Disney+ concorrente di Netflix ha comunque registrato cifre operative di 512 milioni di dollari (466,5 milioni di euro). Lo scorso trimestre, le entrate della divisione sono diminuite del 7%, a 6,7 ​​miliardi di dollari. L’utile operativo è sceso del 23% a 1,9 miliardi di dollari.