Febbraio 4, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rapporto dell’UNESCO: la Grande Barriera Corallina non è sufficientemente protetta

Stato: 28/11/2022 19:35

Il governo australiano non sta proteggendo abbastanza la Grande Barriera Corallina durante la crisi climatica e l’UNESCO sta criticando. I loro esperti raccomandano che l’ecosistema sia classificato come vulnerabile. Alla fine, potrebbe essere rimosso dalla Lista del Patrimonio Mondiale.

A causa di misure di protezione inadeguate da parte del governo australiano, la Grande Barriera Corallina è minacciata dove si trova Lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO perdere. Nonostante i progressi senza precedenti della scienza e del lavoro negli ultimi anni, le barriere coralline sono “significativamente influenzate dai fattori del cambiamento climatico”, afferma Eleanor Carter dell’organizzazione ambientalista IUCN (Unione internazionale per la conservazione della natura). e il rappresentante dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura (UNESCO) Hans Thulstrup in un rapporto.

Ha affermato che la capacità delle barriere coralline di riprendersi dagli effetti del riscaldamento globale è stata “significativamente indebolita”. Quindi i due esperti raccomandano la Grande Barriera Corallina Elenco dei siti del patrimonio mondiale in pericolo Aggiungere. In questo caso, ci sarà il rischio di rimuovere le barriere coralline dall’elenco dell’UNESCO.

Carter e Tholstrup hanno criticato la strategia di conservazione della barriera corallina australiana per la mancanza di chiari obiettivi climatici. Inoltre, alcune delle salvaguardie promesse non saranno pienamente attuate, in particolare per quanto riguarda la qualità dell’acqua e la pesca.

Come una “benda su una gamba rotta”.

Il governo australiano ha annunciato a gennaio che avrebbe investito un totale di 1 miliardo di dollari australiani (equivalenti a 649 milioni di euro) in misure per preservare l’ecosistema unico nei prossimi nove anni. Il Climate Council dell’organizzazione ha spiegato che è come mettere una “benda su una gamba rotta”.

READ  Figure, mappe e disegni per la Germania e il mondo

La Grande Barriera Corallina è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1981. Già nel 2015, l’UNESCO ha considerato per la prima volta la designazione della barriera corallina come Patrimonio dell’Umanità in pericolo. A quel tempo, il governo australiano lo ha evitato con uno schema di protezione multimiliardario. Nel luglio dello scorso anno, il Comitato del Patrimonio Mondiale ha deciso di nuovo La Grande Barriera Corallina non è attualmente designata Patrimonio Naturale dell’Umanità in Pericolo.

Lo sbiancamento colpisce le barriere coralline

Tre devastanti eventi di sbiancamento dei coralli hanno avuto un grave impatto sulla Grande Barriera Corallina dal 2016. A maggio, è stato rivelato che il 91% delle barriere coralline era stato danneggiato dallo sbiancamento dei coralli a causa di una prolungata ondata di caldo estivo. I coralli sbiancati possono riprendersi, ma solo se le loro condizioni di vita migliorano.

I coralli sono esseri viventi. Gli scheletri calcarei formano anche habitat per molti altri animali e piante. La Grande Barriera Corallina ospita circa 1.500 specie di pesci e 4.000 specie di molluschi. Consiste di circa 2.500 diverse barriere coralline e più di 900 isole.