Luglio 4, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rapito da una banda ad Haiti: i missionari sono riusciti a liberarsi

Rapito da una banda ad Haiti
I missionari possono liberarsi

I diciassette missionari rapiti ad Haiti sono stati ora nuovamente rilasciati. La maggior parte dei nordamericani, compreso un neonato, sembra essere fuggita indipendentemente di notte e dal movimento della nebbia. Trovano aiuto solo dopo un chilometro di cammino.

I nordamericani trattenuti ad Haiti per diverse settimane si sono liberati dalla violenza dei loro rapitori attraverso un riuscito tentativo di fuga. I 12 ostaggi, che sono stati rilasciati la scorsa settimana, sono fuggiti dal nascondiglio dei rapitori nel buio il 15 dicembre, ha detto l’organizzazione umanitaria Christian Aid. Dopo diversi tentativi falliti, sono riusciti ad aprire la porta e scappare.

Il portavoce dell’ONG Weston Showalter ha detto che i 10 adulti hanno camminato con un neonato e altri due bambini per 16 chilometri attraverso un bosco invalicabile con cespugli spinosi per mettersi in salvo. E la polizia haitiana ha annunciato giovedì scorso il rilascio di nuovo dei 12 ostaggi, senza fornire ulteriori dettagli.

A metà ottobre, un totale di 17 missionari e i loro parenti, tra cui un bambino e altri quattro minori, sono stati rapiti da una banda criminale fuori dalla capitale, Port-au-Prince. Due ostaggi sono stati rilasciati a novembre e altri tre all’inizio di dicembre. Wilson Joseph, il capo della banda dei 400 Mawozo, ha chiesto un riscatto di 17 milioni di dollari dopo che gli ostaggi sono stati presi. Ha minacciato di uccidere gli ostaggi se il riscatto non fosse stato pagato.

Il numero di rapimenti ad Haiti è aumentato notevolmente negli ultimi mesi. Secondo l’organizzazione per i diritti umani, il Centro di analisi e ricerca nel campo dei diritti umani, quest’anno sono già state rapite centinaia di persone.

READ  EIL: Iran attacca una presunta base Usa in Iraq - Politica