Dicembre 7, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Questo è l’argomento della Conferenza mondiale sul clima di Glasgow

Il cambiamento climatico pone enormi sfide al mondo. Come risolvere questi problemi sarà discusso domenica a Glasgow. Le domande e le risposte più importanti.

Non è niente di meno che il futuro del pianeta: la Conferenza mondiale sul clima (COP26) inizia questa domenica a Glasgow. Vi partecipano quasi 200 paesi e si prevede che parteciperanno 25.000, comprese alcune celebrità.

L’ultima decisione storica risale a sei anni fa, quella di tornare a Parigi. Con l'”Accordo di Parigi”, 175 Paesi si sono impegnati a limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi rispetto ai tempi preindustriali.

Serie di foto con 10 foto

Perché la conferenza di Glasgow è importante adesso? Cosa dovrebbe essere esattamente? E che ruolo hai avuto effettivamente? Angela Merkel Nel primo poliziotto? Panoramica.

Che cos’è la Conferenza mondiale sul clima o COP26?

La Conferenza mondiale sul clima si tiene ogni anno, sempre in un paese diverso. Su invito delle Nazioni Unite (ONU), i paesi del mondo di solito discutono per due settimane all’inizio dell’inverno come l’umanità può frenare il riscaldamento globale a un livello accettabile. Il vertice di Glasgow durerà fino a venerdì 12 novembre.

Il termine COP sta per ‘la Conferenza delle Parti’, cioè la Conferenza delle Parti, cioè quei paesi che hanno firmato la cosiddetta Convenzione Quadro sui Cambiamenti Climatici. Si incontrano quest’anno a Glasgow per la 26a volta, da qui la COP26.

Qual è il punto di partenza?

Il segretario generale delle Nazioni Unite lo ha descritto come una “strada a senso unico verso il disastro”. Antonio Guterres Lo stato del clima negli ultimi tempi. Secondo l’agenzia per il clima delle Nazioni Unite, il mondo si sta attualmente dirigendo verso un riscaldamento di 2,7 gradi, anche se tutti i piani attuali saranno attuati.

READ  Omikron: il capo di Biontech fiducioso che la vaccinazione protegga dalle mutazioni

Le conseguenze saranno fatali: più siccità, tempeste, inondazioni e incendi. Centinaia di milioni di persone saranno colpite e molte altre dovranno fuggire. La comunità dell’intelligence statunitense ha classificato per la prima volta il riscaldamento globale come una minaccia alla sicurezza nazionale.

Per raggiungere l’obiettivo di 1,5 gradi, le emissioni globali devono essere ridotte del 45% entro il 2030. La maggior parte dei paesi non ha ancora intrapreso alcuna azione decisiva. Soprattutto, molti governi hanno ritardato l’eliminazione graduale di carbone, petrolio e gas e hanno trascurato la ristrutturazione dei trasporti e dell’agricoltura rispettosa del clima. A parere di molti esperti, l’obiettivo comune fissato a Parigi è ancora sfuggente.

Qual è il tema di questa conferenza sul clima?

Il grande obiettivo era già stato fissato a Parigi e da allora si è trattato di come: molte domande complesse e dettagliate. Considerato il deterioramento della situazione, a Glasgow dovrebbero ora essere assunti impegni più ambiziosi. Tuttavia, il presidente nominato della COP Alok Sharma si aspetta trattative difficili: “È come se fossi arrivato alle domande più difficili dell’esame e allo stesso tempo non avessi tempo”.

Alla conferenza, gli Stati federali saranno invitati a presentare piani d’azione significativamente più ambiziosi, come l’accelerazione dell’eliminazione graduale del carbone. Secondo le Nazioni Unite, i paesi dovranno moltiplicare i loro sforzi circa sette volte. In effetti, molti paesi non hanno nemmeno presentato i loro contributi nazionali per la protezione del clima (NDC). Per rispettare l’accordo di Parigi, questi avrebbero dovuto essere dovuti entro il 2020.

Il cosiddetto regolamento per l’attuazione tecnica dell’accordo di Parigi non è ancora pronto e anche il periodo di tempo in cui verrà rivista l’attuazione delle misure di protezione del clima nei paesi è controverso.

READ  Xi segue le orme di Mao: CPC consiglia "soluzione storica"

Quando avrà successo la COP26?

Alla fine c’è una sorta di dichiarazione finale. Questo dovrebbe spiegare in modo comprensibile esattamente come la comunità internazionale vuole percorrere il percorso di 1,5 gradi. Un altro problema è il denaro, ovvero quanta assistenza finanziaria i paesi poveri dovrebbero ricevere specificamente per la protezione del clima. Finora, i paesi ricchi e le banche di sviluppo hanno fornito circa 79,6 miliardi di dollari, secondo un’analisi dell’OCSE del 2019. Tuttavia, l’obiettivo per il 2020 era di 100 miliardi di dollari. Quindi mantenere quella promessa a Glasgow sarebbe un passo avanti.

Chi partecipa?

Si prevede l’arrivo di circa 25.000 persone. Questi includono non solo rappresentanti del governo, ma anche migliaia di giornalisti e attivisti per il clima. La regina britannica ha cancellato dopo la sua degenza in ospedale, ma sono attesi altri ospiti illustri. L’attivista svedese per il clima, ad esempio, viaggia Greta Thunberg Con una delegazione, per la prima volta il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden incluso. Il cancelliere Angela Merkel è il suo possibile successore Olaf Schulz accompagnato.

Tuttavia, si teme che i rappresentanti dei paesi poveri in particolare non si rechino a Glasgow, perché non sono ancora stati vaccinati contro il virus Corona. Il presidente della COP Sharma sta cercando di placare queste preoccupazioni osservando che ci sono accreditamenti da tutto il mondo e che più di un centinaio di capi di stato e di governo stanno viaggiando.

Quali sono i segnali provenienti dagli Stati contraenti?

Primo Ministro britannico Boris Johnson Ha formulato le sue previsioni con “carbone, automobili, denaro, alberi”, in altre parole l’abbandono delle centrali elettriche a carbone e dei motori a combustione, l’assistenza finanziaria per il clima per i paesi particolarmente vulnerabili e la riforestazione su larga scala. Lui stesso vuole fare della Gran Bretagna il “Regno dell’energia eolica”.

READ  L'Etiopia è diventata molto pericolosa: la Gran Bretagna invita i suoi cittadini a lasciare il Paese

Il governo degli Stati Uniti ha già promesso di raddoppiare gli aiuti per il clima ad altri paesi. La Cina ha annunciato di non voler più costruire centrali elettriche a carbone all’estero. Anche il ministro federale dell’Ambiente Svenja Schulze (Partito socialdemocratico) ha sollecitato obiettivi più ambiziosi.

Poco prima della COP26, alcuni paesi sono stati in grado di aumentare i propri obiettivi. L’Australia, il più grande esportatore di carbone, ha annunciato di voler diventare climaticamente neutra entro il 2050 e l’Arabia Saudita il più grande esportatore di petrolio al mondo entro il 2060.

Perché c’è una conferenza globale sul clima?

Le prime conferenze globali sul clima si sono tenute alla fine degli anni ’70 e ’80. La prima “Conferenza delle parti” sotto l’egida della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici si è tenuta a Berlino nel 1995. La negoziatrice tedesca all’epoca era Angela Merkel, in qualità di ministro dell’ambiente sotto il cancelliere. Helmut Kohl. Più di 25 anni fa, il vertice si è posto l’obiettivo di stabilire disposizioni obbligatorie vincolanti su quando e quanto sarebbero state le emissioni globali di gas serra dannosi per il clima.