Maggio 20, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Questi alimenti aiutano a liberarsi della stanchezza e della caduta dei capelli

  • Carenza di vitamina D in inverno: Molte persone soffrono di carenza di vitamina D durante la stagione oscura
  • poca luce solareQuesto è il motivo per cui il corpo non può produrre vitamina D naturale Prodotto dalla pelle
  • possibile Sintomi di carenza di vitamina D: fatica, tristezza invernale o La perdita di capelli
  • con questo delizioso drogheria L’inverno passa in buona salute

La carenza di vitamina D può avere gravi conseguenze, che vanno dalle ossa deboli alla morte. I risultati dello studio mostrano anche che la famiglia della vitamina D è sana Tasso di mortalità per cancro Può essere notevolmente ridotto. La vitamina D è una di quelle liposolubile vitamine e metabolismo osseo incluso. materia biologica Rafforza lo scheletro Colpisce il nostro Paese muscoli.

Perché la vitamina D è particolarmente importante in inverno

a Da marzo a ottobre La vitamina D non è in realtà un problema: durante questo periodo, la pelle ne costituisce l’80-90 percento Necessitano Il corpo di solito può immagazzinare un po’ di vitamina D nel grasso e nel tessuto muscolare, e questo varia da persona a persona ed è influenzato da diversi fattori. La carenza di vitamina D di solito si verifica perché la pelle non è sufficientemente danneggiata il Sole aprire. Il Il corpo ha bisogno della luce UV per la produzione propria di vitamina D3. La carenza può anche essere causata da malattie.

In inverno lo farà Equilibrio della vitamina D Per molti un problema: il esposizione al sole Così deboli, siamo meno fuori e mostriamo meno pelle.

Quindi, potresti ritrovarti improvvisamente in inverno tiepido, stanco o triste Senti – che potrebbe indicare una carenza.

Carenza di vitamina D: questi sono i sintomi più comuni

La salute delle ossa è uno dei ruoli principali della vitamina. La vitamina D supporta anche il sistema immunitario, i muscoli e i capelli, ad esempio.

Vedi le gocce di vitamina D qui

possibile sintomi di carenza Secondo la guida alla vitamina D:

  • fatica
  • esaurimento
  • esaurimento
  • Aumento della suscettibilità alle infezioni
  • Sbalzi d’umore
  • Buio d’inverno (o buio d’inverno)
  • La perdita di capelli
  • debolezza muscolare
  • dolore muscolare

Ad alto contenuto di prebiotici: questi alimenti sono fonti naturali di vitamina D

La Società tedesca per l’alimentazione infantile raccomanda ca 10 microgrammi al giornoTutti dovrebbero 20 mcg Prendi la vitamina D ogni giorno quando il corpo non si produce da solo, cioè in inverno. Ci sono due opzioni per questo: o prendi preparativi – Ma dovresti sempre discuterne con un dottore! perché uno overdose Provoca anche danni al corpo.

READ  Influenza o raffreddore: la differenza

Un’altra opzione è mangiare più spesso determinati alimenti nella tua lista esistente Per riequilibrare la vitamina D Migliora può essere. Assorbimento della vitamina D dal cibo Copre solo una piccola parte del nostro fabbisogno di vitamina D.

Tuttavia, è necessario seguire regolarmente gli alimenti che contengono la vitamina del sole e quindi fonti naturali di vitamina d Ehi, prendi.

1. Pesce e frutti di mare

I pesci sono assolutamente portatori di vitamina D. Guarda la tabella dei nutrienti Dimostra che l’aringa dell’Atlantico è il leader assoluto. Una porzione da 100 grammi contiene 25 microgrammi (mcg) di vitamina D.

Anche il salmone (16 mcg per 100 g) e l’anguilla (20 mcg per 100 g) sono adatti per riempire il tuo serbatoio vitaminico.

Panoramica sui nutrienti:

  • Aringa atlantica (25 microgrammi per 100 grammi)
  • sardina (25 microgrammi per 100 grammi)
  • anguilla (20 mcg per 100 g)
  • salmone (16 microgrammi per 100 grammi)
  • Halibut in Groenlandia (15 mcg per 100 g)

Inoltre, il pesce è anche ricco di acidi grassi omega-3 sani, che supportano il nostro sistema nervoso, la pressione sanguigna e la vista. Omega-3 protegge anche dai problemi cardiovascolari. Pertanto, pesce e frutti di mare sono i fornitori ideali di nutrienti e fanno parte di qualsiasi dieta sana ed equilibrata.

2 uova

Le uova contengono anche una buona quantità di vitamina D. Tuttavia, i tuorli d’uovo sono particolarmente ricchi di vitamina D.

Panoramica sui nutrienti:

  • tuorlo d’uovo puro (5,6 microgrammi per 100 grammi)
  • uova di gallina (circa 2,9 microgrammi per uovo)

Le uova sono anche ricche di proteine ​​e, secondo un nuovo studio, dovrebbero ridurre il rischio di infarti e ictus. Puoi trovare una panoramica dello studio qui.

3. Fungo

Le fonti botaniche o vegetali di vitamina D sono i funghi. Il contenuto di biomateriali varia da una varietà di funghi a una varietà di funghi. I funghi porcini sono i più nutrienti, seguiti dai finferli e dai funghi champignon.

READ  Preoccupato per Omikron: Drosten: 'Tutti da rinforzare subito'

Panoramica sui nutrienti:

  • fungoCrudo (3,1 microgrammi per 100 grammi)
  • finferliCrudo (2,1 mcg per 100 g)
  • fungoCrudo (1,9 mcg per 100 g)

Presentazione delle capsule di vitamina D

Con questi valori i funghi sono l’eccezione assoluta nel settore ortofrutticolo, quindi vegetariani e vegani hanno difficoltà a rifornire di cibo le scorte di vitamina D. Pertanto, i preparati vengono spesso utilizzati. Ma pochi integratori sono davvero efficaci. Qui troverai i risultati dell’Öko-Test su vari preparati di vitamina D.

4. Latticini e margarina

I latticini contengono anche vitamina D. Qui dipende dal contenuto di grassi. Gli alimenti particolarmente grassi, come il formaggio fuso o il burro, sono adatti a colmare almeno il fabbisogno residuo della dose giornaliera necessaria. Quest’ultimo vale anche per la margarina, che è dominata dal grasso vegetale.


Sano grazie alla vitamina D: consulta la guida alla vitamina D su Amazon


Panoramica sui nutrienti:

  • Formaggio fuso 45% di grasso (3,1 microgrammi per 100 grammi)
  • boh (2,5 microgrammi per 100 grammi)
  • Burro (da 1,5 a 2,5 microgrammi per 100 grammi)
  • formaggio gouda (1,3 microgrammi per 100 grammi)
  • Emmentale (1,1 microgrammi per 100 grammi)

Tuttavia, le quantità di vitamina D sono troppo piccole per raggiungere i 20 microgrammi in modo sano.

5. Olio di fegato di merluzzo

Questo rimedio supera tutti gli altri valori nutrizionali: è stato preso in considerazione l’olio di fegato di merluzzo colui il quale Alimenti ricchi di vitamina D per eccellenza. Ho vinto da Fegato di merluzzo ed eglefino. Il suo gusto richiede un po’ di tempo per abituarsi, ma il contenuto di vitamina D non ha eguali a 250 mcg. Questo è dieci volte il prossimo miglior cibo, l’aringa dell’Atlantico.

Panoramica sui nutrienti:

  • olio di fegato di merluzzo (250 microgrammi per 100 grammi)

Tuttavia, l’olio di fegato di merluzzo occupa solo il quinto posto in questa lista, perché oggi è usato raramente e il consumo non è proprio piacevole. Ma se vuoi stare bene, devi soffrire. Oltre ad essere ricchi di vitamina D, i grassi sono anche ricchi di acidi grassi omega-3, vitamina A, vitamina E, fosforo e iodio.

READ  Aggressivere HIV-Variante in den Niederlanden entdekt

Puoi overdose di vitamina D?

Uno Sovradosaggio di vitamina D in esecuzione Il modo naturale difficilmente possibile. Tuttavia, se assumi un sacco di lozioni e integratori, potresti consumare troppa vitamina D.

Il Istituto Robert Koch ScriveL’assunzione eccessiva di vitamina D aumenta il livello di calcio, che può portare a grave nausea, perdita di appetito, crampi addominali, vomito o, nei casi più gravi, danni ai reni. Poiché la vitamina D è immagazzinata nel corpo, è possibile un sovradosaggio acuto e graduale.

Si consigliano 800 UI al giorno se non ci sono altre fonti di vitamina D. IE è un’unità di vitamine, 1 microgrammo corrisponde a circa 40 unità internazionali e ciò significa che il fabbisogno giornaliero di 20 microgrammi corrisponde a 800 unità internazionali. Ma ce n’è uno overdose Possono verificarsi danni alla salute, uno deve prima di assumere integratori di vitamina D Sempre con il dottore Mettiti in contatto.

Avocado: quanta vitamina D contiene? L’immissione errata del database crea confusione

Quando hai a che fare con cibi che contengono vitamina D, lo trovi qua e là avocado – ma con Informazioni nutrizionali varie. Da zero a sei microgrammi per 100 grammi, tutto è incluso. Sei microgrammi sarebbero sorprendentemente alti per un alimento a base vegetale.

Secondo Baliza, azienda che produce app per intolleranze alimentari, l’unico articolo professionale su una Alto contenuto di vitamina Dal 1930. Il valore 0 è stato dato ovunque nelle banche dati nazionali, e anche questo è vero. La confusione è stata causata da una voce errata in un diffuso database alimentare tedesco, che è stato poi corretto.

L’articolo contiene link di affiliazione

* Nota: in redazione siamo sempre alla ricerca di prodotti utili per i nostri lettori. I link forniti in questo articolo e contrassegnati dall’icona del carrello o da un asterisco sono chiamati link di affiliazione/link sponsorizzati. Se clicchi su uno di questi link ed effettui un acquisto tramite esso, riceviamo una commissione dal rivenditore. Questo non cambia il prezzo per te. I nostri rapporti editoriali sono principalmente indipendenti dalla presenza o dall’importo della commissione.