Giugno 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quanto è mortale il vaiolo delle scimmie: esiste una cura e può essere curata?

annunci

Monkeypox si sta ora diffondendo in tutto il mondo, con oltre 80 casi confermati in 12 paesi diversi.

È noto che l’infezione da virus tropicale si diffonde attraverso uno stretto contatto, ma le autorità sanitarie stanno ora cercando di scoprire se si diffonde anche attraverso reti sessuali.

Si ritiene che esistano due tipi di vaiolo delle scimmie, le tribù dell’Africa occidentale e dell’Africa centrale. Si pensa che quelli diagnosticati di recente nel Regno Unito abbiano la variante più lieve in Africa occidentale.

Il virus prende il nome dai macachi da laboratorio mangiatori di aragoste del 1958 che avevano il vaiolo. Poi, 12 anni dopo, nel 1970, nella Repubblica Democratica del Congo fu scoperto il primo caso umano di vaiolo delle scimmie.

Leggi altri articoli correlati Quanto è letale Monkeypox?

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il tasso di mortalità del ceppo temperato che si è diffuso in tutto il mondo è di circa il 3-6%. Questo è in confronto al ceppo più pericoloso, che è noto per avere un tasso di mortalità del 10%.

Le lesioni cutanee sono un segno rivelatore del vaiolo delle scimmie (Immagine: via Reuters)

Il vaiolo delle scimmie viene solitamente trasmesso all’uomo attraverso uno stretto contatto con una persona o un animale infetto. Ciò può includere mangiare carne e/o toccare la pelliccia o la pelle di un animale che indossa.

Il nome del virus è alquanto fuorviante perché le scimmie non sono il vettore principale; Invece sono roditori. Ciò è dimostrato dall’epidemia del 2003 negli Stati Uniti, che è stata fatta risalire a furetti importati dal Ghana.

READ  Nuovo metodo che rivoluziona la diagnosi del cancro Max Planck Society

Puoi curare il vaiolo delle scimmie?

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, non esiste una cura per il vaiolo delle scimmie, ma può essere curata.

Il trattamento per l’infezione comprende il vaccino contro il vaiolo, i farmaci antivirali e le immunoglobuline vaccinali, ottenute dal sangue raccolto di persone che sono state vaccinate con il vaccino contro il vaiolo.

I pazienti con vaiolo delle scimmie vengono solitamente portati in ospedale o isolati per evitare la diffusione (Immagine: via Reuters)

I pazienti che sviluppano il vaiolo delle scimmie di solito guariscono e vengono trattati entro due o quattro settimane.

Le persone infette devono autoisolarsi e vengono spesso portate in ospedale in modo che i funzionari medici possano monitorare i sintomi e fermare la diffusione del virus.

I sintomi del vaiolo delle scimmie

L’Agenzia sanitaria britannica riferisce che i primi sintomi del vaiolo delle scimmie includono febbre, mal di testa, dolori muscolari, linfonodi ingrossati, affaticamento e brividi.

Un trattamento efficace dovrebbe significare che i sintomi si attenuano dopo due o quattro settimane (Immagine: Getty Images)

L’agenzia afferma che “può svilupparsi un’eruzione cutanea, che spesso inizia sul viso e poi si diffonde ad altre parti del corpo, compresi i genitali”.

“L’eruzione cutanea cambia e attraversa diverse fasi e può sembrare varicella o sifilide prima di formare una crosta che in seguito cade”.

Quando si ottiene il vaiolo delle scimmie, di solito ci vogliono dai cinque giorni alle tre settimane prima che compaiano i primi sintomi.

Leggi altri articoli correlati Leggi altri articoli correlati

annunci