Aprile 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quando si sono formati i pianeti simili alla Terra?

Quando si sono formati i pianeti simili alla Terra?

Ci sono molti pianeti rocciosi nello spazio. Sembra che per formarlo siano sufficienti anche piccole quantità di elementi pesanti. Gli scienziati lo hanno ora scoperto osservando la vicinanza di giovani stelle nella Piccola Nube di Magellano. Secondo il gruppo di ricerca sulla rivista Nature Astronomy, pianeti come la Terra potrebbero essersi formati nel giovane universo, circa tre miliardi di anni dopo il Big Bang.

A differenza di idrogeno, elio e litio, gli elementi più pesanti non si sono formati durante il Big Bang, ma solo successivamente attraverso la fusione nucleare nelle stelle. Questi elementi come silicio, magnesio, alluminio e ferro stanno diventando sempre più comuni nel tempo. Alla fine hanno contribuito alla formazione dei pianeti rocciosi. Tuttavia, non è ancora chiaro quando la proporzione di materia nello spazio sia sufficiente per questo. È vero, la polvere può già formarsi sulla base dei primi elementi pesanti. Ma solo quando una quantità sufficiente di polvere ha vorticato attorno a una giovane stella può iniziare il processo di formazione del pianeta roccioso: minuscoli granelli di polvere si aggregano per formare strutture sempre più grandi. Infine si formano le prime rocce solide che, scontrandosi tra loro, formano corpi celesti più grandi e, infine, pianeti.

Strumento simile a un satellite nello spazio

Tuttavia, in prossimità di giovani stelle con pochi elementi pesanti, la polvere potrebbe non sopravvivere alla formazione stellare. Quindi, Olivia Jones del Royal Observatory di Edimburgo e il suo team hanno studiato i dintorni delle giovani stelle. Usando il telescopio James Webb, hanno preso di mira la regione di formazione stellare NGC 346 nella Piccola Nube di Magellano. La Piccola Nube di Magellano è una galassia vicina e che accompagna la Via Lattea. Da un totale di 45.000 oggetti, i ricercatori hanno filtrato 500 giovani stelle che si stanno appena formando ed hanno esaminato la radiazione infrarossa dall’ambiente circostante. Perché la polvere riscaldata dalla stella è esposta alle radiazioni in questa regione. Risultato: tutte le stelle esaminate sono avvolte dalla polvere. Per gli astronomi, questo dimostra che la polvere è ancora viva dalla formazione stellare ed è qui che i pianeti rocciosi hanno davvero iniziato a formarsi.

Rispetto ad altre regioni di formazione planetaria, la Piccola Nube di Magellano contiene molti meno elementi pesanti. Ad esempio, la regione della nostra galassia Via Lattea in cui normalmente si formano il Sole ei suoi pianeti ha una proporzione di elementi pesanti cinque volte superiore. Pertanto, la giovane galassia non è paragonabile alle condizioni attuali nel nostro sistema solare, ma piuttosto alle galassie nel giovane universo, circa tre miliardi di anni dopo il Big Bang. Quell’era è stata l’apice in termini di formazione stellare. Apparentemente, anche in questa significativa epoca cosmica, potrebbero già essersi formati pianeti simili alla Terra, secondo Jones e il suo team.