Aprile 17, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quali sono i primi segni premonitori e sintomi della malattia

Quali sono i primi segni premonitori e sintomi della malattia
  1. Pagina iniziale
  2. consumatore

creatura:

a partire dal: Carolina German

La demenza è in aumento in tutto il mondo. Gli esperti prevedono che il numero di casi aumenterà in modo esponenziale nei prossimi decenni. Come riconoscere i primi segni di demenza e quali sono le sue forme e cause.

Brema – È uno sviluppo che non riguarda solo gli esperti: la demenza è in aumento. Secondo uno studio pubblicato su The Lancet Public Health, il numero di casi di demenza in tutto il mondo dovrebbe triplicare. Anche in Germania Ci sono sempre più persone affette da demenza, anche tra i giovani. Lo ha recentemente riferito l’Associazione tedesca per l’Alzheimer. È probabile che l’evoluzione demografica faccia sì che i numeri continuino ad aumentare nei prossimi tre decenni, il che, tuttavia, è dovuto anche a diagnosi migliori. Ma cosa caratterizza esattamente la demenza? Quali sono i primi segni della malattia?

Sintomi di demenza: come riconoscere i primi segni

Ci sono una serie di segni che indicano che la demenza è stata diagnosticata fin dall’inizio. A questo punto, è particolarmente importante differenziare i sintomi da altre malattie neurologiche come la depressione, poiché a volte causano sintomi e disabilità simili. dementia (dal latino dementia “senza mente”) secondo Società Federale Tedesca di Psichiatria e Neurologia “Una perdita acquisita correlata alla malattia del funzionamento cerebrale superiore”. Di conseguenza, le capacità cognitive vengono gradualmente perse. Sta diventando sempre più difficile per le persone colpite riconoscere persone e luoghi familiari, nonché orientarsi, abilità linguistiche, pensiero pianificato e abilità emotive e sociali.

I cambiamenti improvvisi di personalità e gli sbalzi d’umore sono comuni all’inizio della malattia. La distinzione tra altre malattie è particolarmente importante qui, perché anche la depressione, ad esempio, può manifestarsi in modo simile. Qui c’è il rischio di confondere i sintomi della malattia tra loro. Tuttavia, in tutti i casi, se noti cambiamenti di umore o disturbi cognitivi in ​​te stesso o negli altri, è particolarmente importante consultare un medico. Perché tali sintomi richiedono un’attenta visita medica e dovrebbero essere trattati di conseguenza se necessario.

All’inizio della demenza, i sintomi rimangono lievi e non sono permanenti

Inizialmente, cioè nelle fasi iniziali della malattia, compaiono i primi sintomi lievi, che possono indicare la demenza. Sono anche per lo più temporanei, quindi sono spesso trascurati. Ciò comprende:

  • Dimenticare
  • Sta diventando sempre più difficile navigare nel tempo, spesso ci si “blocca” e si dimentica l’ora corrente
  • Una persona non può più orientarsi in luoghi familiari e spesso si perde
  • (Fonte: Organizzazione Mondiale della Sanità OMS)

I sintomi della demenza e i cambiamenti comportamentali spesso si insinuano presto e sono quindi associati alla malattia solo col senno di poi. Con il progredire della malattia, i sintomi peggiorano e diventano più evidenti. Quindi il paziente dimentica eventi, riunioni o conversazioni recenti. Non ricordano i nomi o si perdono nelle loro case. La comunicazione sta diventando sempre più difficile per loro e spesso hanno bisogno di aiuto per prendersi cura di se stessi. Quindi il comportamento cambia in modo più evidente. Le persone colpite spesso vagano senza meta o fanno ripetutamente le stesse domande.

Cos’è la demenza e come si sviluppa?

All’inizio, la memoria e la ritenzione a breve termine sono spesso compromesse. In un altro contesto, scompaiono anche i contenuti della memoria a lungo termine, che sono impressi più profondamente. Di conseguenza, i malati perdono sempre di più le abilità che hanno acquisito nel corso della loro vita. La maggior parte delle demenze è attualmente incurabile. Pertanto, il trattamento di questa demenza “irreversibile” è principalmente finalizzato a migliorare il più possibile la qualità della vita dei malati e dei loro familiari.

Circa 1,6 milioni di persone in Germania soffrono di demenza. La compromissione dell’udito aumenta il rischio di malattia. © Ute Grabowsky / imago-images

In uno stadio molto avanzato della malattia, le capacità dei pazienti sono così limitate da dipendere completamente dagli altri. Anche amici e parenti non li riconoscono più e il loro senso del tempo e del luogo è completamente perso. Quindi spesso agiscono in modo aggressivo nei confronti degli altri e il loro movimento è fortemente limitato.

La demenza può avere varie cause, con il morbo di Alzheimer che è il più comune, con un tasso dal 60 al 65%.

I sintomi della demenza dipendono dal tipo di malattia. Poiché esistono diverse forme di demenza, ognuna ha una causa diversa. Il più comune è il morbo di Alzheimer. Rappresenta dal 60 al 65 percento di tutte le demenze. Questo la rende la forma primaria più comune di demenza.

L’età è il più grande fattore di rischio per la demenza di Alzheimer. Aumenta costantemente dall’età di 65. Ne è colpita una persona su cinque di età superiore a 85. In casi molto rari, può verificarsi anche in persone di età inferiore ai 65 anni, nel qual caso è una forma primaria della malattia di Alzheimer. Il trattamento non è attualmente possibile. Tuttavia, la progressione della malattia può almeno essere fermata con i farmaci.

Segni e sintomi di demenza: anche la calcificazione dei vasi sanguigni può portare alla demenza

La demenza si verifica relativamente frequentemente, circa dal 10 al 15 percento, perché vasi sanguigni a causa della calcificazione sono danneggiati. A lungo termine, questo porta a disturbi circolatori nel cervello, che a loro volta causano sintomi di demenza. Questa è demenza vascolare. Soprattutto le persone che sono sotto diabetico o alta pressione sanguigna sono particolarmente a rischio. Pertanto, queste malattie sottostanti devono essere sempre trattate in modo coerente e stile di vita Sono regolati di conseguenza.

Le persone con diabete e ipertensione in particolare sono a maggior rischio di sviluppare demenza

Le forme miste di demenza vascolare e demenza di Alzheimer si verificano in circa il 20% dei casi. Altre forme di demenza sono meno comuni, ad esempio la demenza a corpi di Lewy, in cui si formano altri depositi nei neuroni della corteccia cerebrale, chiamati corpi di Lewy, oltre ai depositi tipici della demenza. È anche una caratteristica della malattia di Parkinson.

La cosiddetta demenza frontotemporale è meno comune del morbo di Alzheimer con il cinque per cento dei casi. È causato dal restringimento del lobo frontale del cervello. Ciò che è notevole qui è che i giovani di età inferiore ai 50 anni hanno maggiori probabilità di essere infettati. I segni tipici sono i cambiamenti nella personalità e l’elaborazione di emozioni difficili. A volte può esserci anche una perdita progressiva della parola.

Alcune demenze possono essere invertite se la malattia di base viene trattata

Tuttavia, una percentuale minore di demenze, circa il dieci per cento, può essere curata perché sono il risultato di altre malattie sottostanti. Queste sono le forme secondarie di demenza. Questi includono Ministero Federale della Salute Secondo malattie metaboliche, carenze vitaminiche o sintomi di intossicazione cronica causati da alcol o droghe. Se queste malattie sottostanti vengono trattate in modo appropriato, anche i sintomi della demenza regrediscono e quindi la malattia è “reversibile” in questi casi.

Qual è la differenza tra demenza e Alzheimer?

Demenza (dal latino demens = “senza mente”, “lontano dalla ragione”) è il termine generico per le malattie neurologiche che di solito provocano la perdita o il grave deterioramento di molte capacità mentali. Può essere causato da varie malattie che danneggiano il cervello. Si verifica spesso a causa di disturbi circolatori nel cervello.

La malattia di Alzheimer è una delle cause della demenza. circa il 60 percento, è il più comune. Durante la malattia, i neuroni muoiono e la connessione tra loro viene distrutta. Non si sa molto sulle cause esatte della malattia. C’è una diminuzione della massa cerebrale e dei depositi proteici nel cervello, le cosiddette placche. I fattori genetici giocano solo un ruolo minore nel suo sviluppo.

Chiunque conosca le cause ei fattori di rischio della demenza può prevenirla in modo mirato

Anche se nella maggior parte dei casi la demenza non può essere prevenuta, l’insorgenza dei sintomi può almeno essere ritardata. Per fare questo, non solo bisogna conoscere i fattori di rischio, ma soprattutto evitarli. Ma puoi anche fare molto più attivamente per rimanere senza sintomi il più a lungo possibile. Un gruppo di ricerca finlandese ha stabilito che il personal Lo stile di vita ha un impatto significativo sull’insorgenza della demenza lei ha.

Prima di tutto, una dieta malsana è associata a molti pasti prontiderivato zuccheroE alcool E i grassi sbagliati hanno un effetto negativo. Le persone che mangiano frequentemente cibi trasformati e cotti al forno hanno maggiori probabilità di sviluppare la demenza. Anche chi fa poco esercizio ha maggiori probabilità di perdere le proprie facoltà mentali. Uno stile di vita attivo combinato con un regolare esercizio fisico e una dieta di ispirazione mediterranea può prevenire la demenza.

Questo può anche aumentare il rischio di molte altre malattie come: attacco cerebraleE diabeticoE Infarto o cancro Ridurre, perché gli studi hanno dimostrato che solo il consumo minimo di Lo zucchero e la carne sono la chiave per una lunga vita lui. Anche l’attività mentale, l’educazione e il mantenimento dei contatti sociali proteggono dalla demenza – ed è anche divertente.