Maggio 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Putin annulla l’assalto all’acciaieria Mariupol, è una scusa?

Il presidente russo Putin ha ordinato di non prendere d’assalto le acciaierie a lungo in conflitto a Mariupol. buone notizie? Gli esperti militari temono esattamente il contrario.

Il presidente russo Vladimir Putin e il ministro della Difesa Sergei Shoigu hanno inviato due messaggi in una conversazione trasmessa in diretta dalla televisione di stato. In primo luogo, l’esercito russo prese finalmente il controllo del porto assediato di Mariupol, nel sud-est assediato dell’Ucraina. Si dice che migliaia di soldati e civili ucraini si siano nascosti solo nel sito industriale di Azovstal.

Il secondo messaggio: non più assaltare il sito industriale. Questo è ciò che ha ordinato Putin. L’ordine corrispondente deve essere ritirato. Il nuovo ordine: “Chiudere questa zona industriale così non esca nessuna mosca”.

Vladimir Putin (a sinistra) e il ministro della Difesa Sergei Shoigu (a destra): lo hanno detto Mariupol alla TV di stato. (Fonte: Russian Look Images / imago)

I combattenti nelle catacombe devono deporre le armi. “La parte russa garantisce le loro vite”, ha detto Putin. Ha parlato del successo e della “liberazione di Mariupol” e ha ordinato la decorazione delle medaglie degli ufficiali militari partecipanti.

Gli esperti temono un attacco chimico

Una mossa per evitare inutili spargimenti di sangue? Subito dopo l’annuncio, gli esperti militari sono stati critici. Carlo Masala dell’Università della Bundeswehr di Monaco ha twittato: “Sto traducendo: lui (Putin, nota d. editoreNon vuole perdere più della sua gente. “Ecco perché combattenti e civili nel sito industriale vengono lasciati morire di fame e di sete.

Gli esperti temono anche un altro scenario: l’uso di armi chimiche. “Se è previsto un attacco chimico al sistema di tunnel dell’Azovstal, questo annuncio sarebbe il primo passo”, ha twittato l’esperta russa Janis Kluge della Fondazione tedesca per la scienza e la politica. Masala crede anche che questo sia possibile.

READ  Ucraina-Konflikt: USA machen Russland schwere Vorwürfe - Politik

Sono possibili anche ragioni strategiche

Soldati e civili sono rintanati nel sistema di tunnel per giorni. Gli esperti temono da tempo l’uso di armi chimiche nel sito industriale. Con loro, la Russia sarà in grado di trasformare la situazione in un vicolo cieco giorni fa a suo favore. Già il 12 aprile ci sono state segnalazioni sull’uso di armi chimiche a Mariupol – A quel tempo, l’esperto di armi chimiche Mark Michael Bloom ha affermato in un’intervista con T Online che “non cambia le regole del gioco in modo significativo”.

L’esperto Masala motiva anche strategicamente la dichiarazione: “Lo è (Putin, ndr) L’esercito russo ha bisogno delle sue truppe nell’est”. Secondo le informazioni ucraine, l’esercito russo è recentemente riuscito a guadagnare un po’ di terreno nelle aree frontali di Donetsk, Luhansk e Kharkiv.

Ad esempio, sebbene gran parte di Luhansk sia già sotto il controllo russo, non sono stati compiuti ulteriori progressi nonostante gli intensi attacchi di questa settimana. Le informazioni non possono essere verificate in modo indipendente, ma sono coerenti con la valutazione dei servizi di intelligence occidentali. Secondo le informazioni provenienti dagli Stati Uniti, l’attesa offensiva russa su larga scala nel Donbass non si è ancora concretizzata. Ciò potrebbe anche richiedere forze aggiuntive.

Tornando alla situazione a Mariupol: secondo il ministro della Difesa Shoigu, le unità ucraine sono state completamente bandite. Ha sottolineato che anche la fabbrica sarebbe stata rilevata in tre o quattro giorni. Ci sono anche mercenari stranieri. Il ministro ha detto che nessuno ha lasciato la fabbrica attraverso i corridoi umanitari in mostra. In precedenza, la parte ucraina aveva suggerito di condurre negoziati sulla sorte dei combattenti e il salvataggio dei civili che si erano rifugiati nell’impianto.

READ  Confine con la Bielorussia: la crisi migratoria porta a un'escalation di violenza - calma "relativa" in serata

Le forze russe hanno assediato Mariupol poco dopo l’inizio della guerra aggressiva contro l’Ucraina ordinata da Putin il 24 febbraio. La città fu in gran parte distrutta durante i combattimenti.