Febbraio 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Proteste di massa in Israele: il premier chiede di fermare la ristrutturazione della magistratura

Proteste di massa in Israele: il premier chiede di fermare la ristrutturazione della magistratura

Stato: 25/03/2023 22:27

Il primo ministro israeliano Netanyahu vuole ristrutturare in fretta la magistratura, nonostante tutte le proteste di massa. Il segretario alla Difesa Gallant è stato il primo membro del governo a chiedere un cessate il fuoco. Vede in pericolo la sicurezza del Paese.

Il ministro della Difesa israeliano Joao Gallant ha invitato il primo ministro Benjamin Netanyahu a sospendere la controversa ristrutturazione della magistratura. Gallant ha detto in un discorso programmato sorprendentemente: “Dobbiamo interrompere il processo di avvio del dialogo”. Ha parlato di un lasso di tempo fino al Giorno dell’Indipendenza di Israele, il 26 aprile.

resistenza nelle forze armate

La mossa del governo ha anche scatenato disordini all’interno dell’esercito israeliano e ha rappresentato una chiara e imminente minaccia alla sicurezza dello stato, ha detto Gallant, che nelle ultime settimane ha sentito dichiarazioni inquietanti da parte dei comandanti dell’esercito.

Ha parlato di “rabbia, dolore e delusione con un’intensità che non avevo mai provato prima”. Nel suo discorso, il ministro della Difesa ha fatto riferimento a numerosi casi di riservisti che non si sono presentati al servizio per protestare contro la riforma giudiziaria. “Dobbiamo fermare ogni forma di disobbedienza”, ha chiesto.

“Questa riforma giudiziaria ha richiesto un arresto immediato”, ha commentato Christoph Lempert, ARD Tel Aviv, sulla dichiarazione del ministro della Difesa Gallant.

Tagesshaw 24 19:00, 25.3.2023

Gallant insiste sul dialogo

Le manifestazioni di massa devono cessare. Il ministro ha chiesto il dialogo con l’opposizione e ha affermato che il governo non dovrebbe procedere con i suoi piani fino a quando il parlamento non si riunirà dopo una pausa ad aprile. “Le minacce intorno a noi sono grandi”, ha avvertito Gallant. Si riferiva al conflitto in corso con i palestinesi e al programma nucleare iraniano.

Galant, come Netanyahu, appartiene al partito Likud. Giovedì il primo ministro ha convocato il ministro per un colloquio. Gallant ha poi affermato di aver informato il primo ministro sulle implicazioni per la sicurezza nazionale del cambiamento di legge. I media avevano già riferito che Gallant aveva chiesto a Netanyahu di cancellare il progetto. Dopo l’incontro, Netanyahu ha dichiarato di essere determinato a portare avanti la riforma.

200mila manifestanti a Tel Aviv

Il focus della riforma è sulle procedure di selezione dei giudici. Il governo vuole aumentare la sua influenza e limitare i poteri della Corte Suprema. Lo ha giustificato accusando i giudici di interferire nella politica. I critici del governo Netanyahu accusano conservatori, fondamentalisti religiosi e nazionalisti di estrema destra di voler limitare l’indipendenza della magistratura.

Netanyahu vuole attuare gli elementi fondamentali della riforma nei prossimi giorni. I critici vedono in pericolo la separazione dei poteri e avvertono di una crisi nazionale. Le proteste di massa vanno avanti da tre mesi. Secondo i resoconti dei media, quasi 200.000 manifestanti si sono riuniti di nuovo oggi nella città costiera di Tel Aviv. A Gerusalemme, migliaia di manifestanti hanno sfilato davanti alla residenza del presidente Isaac Herzog.

La violenza in Cisgiordania è in aumento

In Israele, dove le preoccupazioni per la sicurezza giocano un ruolo molto importante, c’è grande preoccupazione che le proteste possano contribuire alla destabilizzazione del Paese. La violenza è in costante aumento anche nella Cisgiordania occupata. L’esercito israeliano ha detto che sabato due soldati israeliani sono stati feriti da colpi di arma da fuoco palestinesi nella città di Hawara. Nella città, case e auto palestinesi sono state date alle fiamme dai coloni israeliani dopo un attacco mortale contro altri coloni a febbraio.