Novembre 26, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Prossimo passo contro la Russia: la UEFA vuole sbarazzarsi del donatore Gazprom

Prossimo passo contro la Russia
La UEFA vuole sbarazzarsi del donatore Gazprom

La Gazprom, di proprietà statale russa, è uno dei partner più importanti della UEFA dal 2012. Proprio l’anno scorso, la partnership si è estesa dalla Champions League ad altri tornei, incluso l’EM 2024 in Germania. Ora la UEFA sta per separarsi da uno dei suoi donatori più importanti.

Secondo i media inglesi, la UEFA porrà fine alla sua cooperazione con la Gazprom, di proprietà statale russa, operativa dal 2012. Il gigante del gas è stato parte integrante del circuito calcistico in Europa. È sponsor della UEFA Champions League dal 2012. Nell’ultimo anno, la partnership è andata avanti anche EM 2024 viene ampliato in Germania. Secondo i rapporti, Gazprom trasferisce ogni anno tra i 40 ei 48 milioni di euro alla UEFA.

Al termine di una giornata ricca di eventi sportivi, la separazione da Gazprom è ormai all’ordine del giorno. In precedenza, la UEFA aveva già bandito la Russia dalla finale di Champions League. Questa decisione è stata presa dal Comitato Esecutivo UEFA in una riunione di emergenza a seguito dell’invasione russa dell’Ucraina. A margine di questo incontro, è stato anche concordato di terminare l’accordo con Gazprom, secondo il rapporto. Di conseguenza, il giorno dopo la Champions League, l’8 marzo, nessun altro cartellone con su scritto Gazprom apparirà.

Così, la finale di Champions League, la più grande partita mondiale di calcio per club, non si giocherà alla Gazprom Arena di San Pietroburgo, città natale di Vladimir Putin, il 28 maggio 2022, ma allo Stade de France di Parigi. “Riteniamo che la decisione di posticipare la finale di Champions League sia stata dettata da ragioni politiche. (La federazione) ha sempre aderito al principio di tenere lo sport fuori dalla politica e quindi non può sostenere questa decisione”, ha affermato il presidente della Federcalcio russa. È stato seguito da Alexander Dyukov, CEO di Gazprom Neft. Gazprom Neft è nella lista delle sanzioni statunitensi.

Il 54enne è attualmente ancora membro del comitato UEFA. Dati gli sviluppi attuali e alla luce delle sanzioni statunitensi, la sua ubicazione in questo momento appare altamente discutibile. Il Cremlino è stato meno colpito dalla decisione. “Certo, è un peccato che abbia preso questa decisione”, ha citato il portavoce di Putin, Dmitry Peskov, dall’agenzia di stampa russa TASS.

La FIFA non risponde ancora

Inoltre, la UEFA ha deciso che i club russi e ucraini nell’attuale competizione di Coppa dei Campioni dovrebbero ospitare le partite casalinghe in campo neutro. L’ultima squadra russa rimasta, lo Spartak Mosca, ha firmato subito dopo nella Lega Europea contro la rappresentante tedesca dell’RB Lipsia. È ancora completamente aperto con la gara di ritorno del 17 marzo 2022. Il passaggio in campo neutro vale anche per le squadre delle due nazioni nella Nations League dall’estate. Le qualificazioni ai Mondiali in Qatar, in programma a marzo, sono tornei FIFA e sono di competenza dell’organo di governo globale. In una valutazione preliminare giovedì, il presidente della FIFA Gianni Infantino non presumeva che la guerra in Ucraina sarebbe continuata il 24 marzo. Quel giorno, la Russia ospiterà la Polonia a Mosca per una partita di playoff come parte delle controverse qualificazioni ai Mondiali invernali in Qatar.

Le federazioni calcistiche di Polonia, Svezia e Repubblica Ceca hanno annunciato il loro rifiuto di ospitare le qualificazioni ai Mondiali in Russia a fine marzo. “I firmatari di questo appello non prendono in considerazione l’idea di recarsi in Russia e di giocare lì partite di calcio”, si legge in una lettera al segretario generale della FIFA Fatma Samora, pubblicata su Twitter dalla Federazione polacca. Per le qualificazioni europee ai Mondiali in Qatar (21 novembre – 18 dicembre), a fine marzo verranno assegnati tre biglietti. Sulla strada per le semifinali, la Polonia giocherà in Russia il 24 marzo con la stella della Bundesliga tedesca Robert Lewandowski. Se i russi raggiungeranno la finale, il 29 marzo la loro avversaria sarà la Svezia o la Repubblica Ceca. Allora avrai di nuovo i diritti sulla casa. L’Ucraina affronterà la Scozia in semifinale il 24 marzo.

Altre conseguenze per la Russia

Nei giorni scorsi, Gazprom e la sua controllata tedesca Gazprom Germania hanno suscitato scalpore nella squadra di calcio di seconda divisione FC Schalke 04. Il club tradizionale della regione della Ruhr è sponsorizzato dalla società statale russa dal 2007, ma in risposta a dopo l’invasione russa dell’Ucraina, giocheranno una partita Weekend a Karlsruhe senza il nome della società sul petto. Sulla maglia è invece visibile la scritta “Schalke 04”. Il club carico di debiti sta attualmente lavorando a scenari alternativi per porre fine alla partnership, che porta i Royal Blues a circa 10 milioni di euro l’anno nella seconda Bundesliga. Alexander Warnig aveva precedentemente lasciato il consiglio di Schalke 04. Il 66enne è stato inviato dal principale sponsor russo dei Royal Blues come membro selezionato del consiglio di sorveglianza nel luglio 2019. Nato a Lusatian Warnig, è l’amministratore delegato di Nord Stream 2 AG È considerato vicino al presidente russo Vladimir Putin.

Il campione del record inglese Manchester United ha anche tracciato le conseguenze dell’invasione russa di venerdì e si è separato dalla compagnia aerea di stato russa Aeroflot. Il contratto, in vigore fino al 2023, ha portato al club della Premier League inglese un reddito annuo di circa 36 milioni di euro.

Sempre venerdì, la serie di corse di Formula 1 ha cancellato il Gran Premio di Sochi previsto per il 25 settembre. Formula 1, [Motorsport-Weltverband, Anm.d.Red.] La FIA e le squadre di gara hanno discusso e deciso che sarebbe stato impossibile ospitare il Gran Premio di Russia nelle condizioni attuali”. Annessione della Crimea. Nel frattempo, l’organizzatore di Sochi Rosgosky, un po’ sorprendentemente, ha scritto a coloro che avevano già acquistato i biglietti: “Non sarà la cancellazione dei biglietti acquistati – non è necessario richiedere un rimborso in quanto il tour può comunque svolgersi e rimanere come previsto.”

READ  Il capitano Sebastian Roode rischia la fine della sua carriera