Maggio 18, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Progetto scientifico: questo professore striscia in tutta Europa | regionale

Nuoto, nuoto, nuoto…

A marzo, BILD ha riferito sull’audace progetto di Andreas Fath, professore di chimica (57) dell’Università di Furtwangen (Ba.-Wü.). Per due mesi ha voluto attraversare a nuoto il Danubio, 2.700 chilometri, da Ulm al Mar Nero. Per studiare le tossine nei nostri fiumi.

Ora è il momento – e BILD ha nuotato per alcuni chilometri nell’acqua fredda di 11 gradi vicino a Kelheim (Baviera) in direzione di Ratisbona.

In acqua fredda: un impegno completo dal reporter BILD Hans Kollmayer

Foto: Robert Jongul

Il professore indossa una tuta di neoprene con una membrana sulla gamba. In questo modo raccoglie tossine e microplastiche e diventa un laboratorio galleggiante. Gli studenti sulla barca di supporto valutano i campioni.

Dice: “Ogni giorno quattro tonnellate di microplastica entrano nel mare dal Danubio. Il Danubio, con i suoi ciottoli di fiume, è un gigantesco mulino di plastica! “Fath copre fino a 70 chilometri al giorno.

Si spalma il collo di grasso in modo che le clip in velcro non gli irritino la pelle. Ogni mezz’ora, il suo assistente gli porge una tazza di tè caldo o qualcosa da mangiare. “Prendo cibo liquido qui perché i movimenti masticatori sono difficili con le temperature”.

Infografica/mappa: galleggiante da Ulm al Mar Nero

Durante l’intervista, Fateh continua a muoversi, dicendo: “Le microplastiche hanno un effetto magnetico e accumulano materiale. I pesci li inghiottono e finiamo per nutrirci di loro”.

Il suo appello: “Non gettare rifiuti di plastica nella natura!” Per Fateh, il progetto è anche una questione di cuore e una sorta di meditazione. “Quando sono in acqua, mi sento quasi a mio agio.”

Dovrebbe essere di qualche grado più caldo.

È così che il professore raccoglie i veleni

Ogni giorno il professore installa i cosiddetti dischi di estrazione nella caviglia destra.  Raccolgono tracce di microplastiche nella loro membrana di tessuto sottile

Ogni giorno il professore installa i cosiddetti dischi di estrazione nella caviglia destra. Raccolgono tracce di microplastiche nella loro membrana di tessuto sottile

Foto: Robert Jongul

Ogni giorno, prima di nuotare, il professore posiziona una nuova placca che si apre in una scatoletta sulla caviglia destra. Le cosiddette pastiglie di estrazione raccolgono tracce di microplastiche nella loro sottile membrana di tessuto, che agiscono come magneti per attirare le tossine (come il refrigerante dell’industria o i mezzi di contrasto delle cliniche) dall’acqua.

In serata, le piastrelle vengono analizzate nel laboratorio della nave, in modo che durante la spedizione venga creata una mappa tossica dell’intero Danubio.

READ  In che modo la vitamina D agisce contro l'infiammazione nel COVID-19 e può smorzare una risposta immunitaria iperattiva