Maggio 29, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Profughi tra Italia e Francia: dispersi a Ventimiglia

Profughi tra Italia e Francia: dispersi a Ventimiglia

Stato: 21/08/2023 17:16

Ventimiglia in Italia è un punto di transito per i rifugiati che vengono attratti in Francia. La città vuole sbarazzarsi di loro, non l’unico motivo per cui così tanti migranti cercano instancabilmente di attraversare il confine.

Questo è il risultato del primo tentativo di Saru. Intorno alle 7:30, un gruppo di circa 20 giovani uomini e donne lascia la stazione di frontiera francese di Mentone, sulla costa ligure, e fa ritorno sul versante italiano. Sara è una di loro. Lei e suo marito Mohamed – che preferiscono tenere per sé il proprio cognome – sono stati prelevati dalla polizia di frontiera francese in montagna.

Adesso un’assistente di Medici Senza Frontiere le regala una tazza di tè e un indirizzo nella cittadina di confine di Ventimiglia, a pochi chilometri di distanza. Controllala là fuori.

Sarah ha lasciato la Guinea incinta di sei mesi. Poche settimane fa è arrivato nell’isola italiana di Lampedusa ed è stato registrato lì. Ma la coppia vuole andare in Francia perché lì vive suo zio.

Senza permesso di soggiorno, il tentativo della coppia di entrare in un altro paese dell’UE, come la Francia, è illegale. Secondo la normativa europea, può chiedere asilo solo in Italia da quando è arrivato qui. Chiunque sia arrestato al di fuori del paese ospitante deve essere rimpatriato nel paese da cui è entrato nel territorio dell’UE.

Per molti, il trasporto è l’unico paese

Eppure, come Sara e Mohammed, ogni anno decine di migliaia cercano di passare dall’Italia alla Francia e all’Europa centrale. Secondo il sindaco di Ventimiglia, solo in Francia si recano ogni anno 20.000 migranti. Secondo l’Ufficio federale per la migrazione e i rifugiati, la Germania ha presentato più di 14.000 richieste di rimpatrio all’Italia nel 2022 e 362 persone sono state infine rimandate indietro in quel periodo.

Attraversare il confine italo-francese è difficile. Le ben note vie di fuga attraverso le montagne lungo la costa sono ora bloccate da recinzioni sul lato francese.

La Francia ha sospeso l’accordo di Schengen e dal 2015 ha reintrodotto 30 chilometri di valichi alle frontiere interne, adducendo il rischio terrorismo. I migranti irregolari arrestati vengono immediatamente deportati in Italia senza alcuna formalità.

L’Italia chiede l’unità

D’altra parte, l’Italia ha chiesto una maggiore cooperazione e solidarietà europea di fronte al crescente numero di rifugiati. La destra italiana altrimenti nazionalista chiede la fine dei controlli alle frontiere francesi e una migliore distribuzione dei rifugiati.

Ma sta fallendo per una serie di motivi, tra cui il rapporto teso tra il primo ministro Giorgia Meloni e il presidente Emmanuel Macron. Macron vede la Meloni come un imitatore della sua rivale Marine Le Pen e non è interessato a incontrare la Meloni.

Il sindaco ha inasprito le condizioni

Situata a pochi chilometri dal valico di frontiera, Ventimiglia è l’ultima tappa per i migranti prima di tentare di attraversare il confine – un collo di bottiglia. Secondo il comune, circa 200 rifugiati sono attualmente in città, dormono sulla spiaggia o alla stazione dei treni, radunandosi per iniziare un altro tentativo di raggiungere la Francia.

La città risponde con misure drastiche. Il neoeletto sindaco di Ventimiglia, Flavio De Muro della Lega, si è insediato proprio con questa promessa. Ora ha accesso a ponti appuntiti in modo che nessuno possa dormire sotto di essi.

Ci sono guardie davanti al cimitero poiché spesso i profughi vi si accalcano. Tuttavia, non ci sono servizi di lavanderia alternativi e posti sicuri dove dormire. La precedente struttura di servizio è stata dismessa nel 2020 e dovrebbe essere chiusa. Di Muro sostiene che l’Italia non è responsabile per i rifugiati che non vogliono restare in Italia.

Poiché lo stato di Ventimiglia non offre alcun aiuto, le ONG intervengono. “Medici senza frontiere”, Caritas, comunità valdese – parlano tutti di “emergenza umanitaria” a Ventimiglia. Ci sono sempre migranti che vanno lì, e Jacopo Colombo dell’organizzazione umanitaria WeWorld chiede che anche l’Italia si faccia carico di loro.

Il prossimo tentativo è già pianificato

Un ginecologo di “Medici senza frontiere” visita Sarah incinta in un ospedale mobile – la prima volta che un medico l’ha visitata.

L’ostetrica Calypso Leila Trevisol spiega che molte donne che lasciano “Medici senza frontiere” hanno bisogno di assistenza medica. Va tutto bene con Sarah e il suo feto. Sarah prende degli antidolorifici, poi lei e Mohammed vanno alla stazione dei treni. Trovano un angolo davanti, dormono un po’ e cercano di tornare in Francia. Questa volta avrebbe potuto essere nascosto sul treno.

Il fatto che Sarah abbia davvero bisogno di una pausa e che ci siano sempre vittime al confine: non le importa. Il marito di Sarah racconta che la fuga attraverso il Sahara e la traversata dalla Tunisia a Lampedusa è stata terribile. D’altra parte, la strada per la Francia è banale. Bersaglio: Sembra ancora vicino a loro.