Agosto 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Prezzi al consumo in prospettiva: peggio di quanto non fossero negli anni ’70: gli esperti affermano che l’inflazione è più drammatica di quanto mostrano i dati ufficiali | newsletter

La Federal Reserve si è trovata in bilico tra l’inflazione elevata e una recessione incombente
Esperto: La Fed ha agito troppo tardi
La situazione dell’inflazione è più drammatica del previsto

John Mauldin, esperto e analista finanziario, è molto critico sullo stato dell’inflazione. In un articolo su Advisor Perspectives, l’esperto di mercato spiega anche il dilemma che deve affrontare la Federal Reserve statunitense.

La reazione della Fed è stata troppo tardiva?

Gli alti tassi di inflazione hanno messo in allerta i detentori di valuta di tutto il mondo. La Federal Reserve statunitense ha avviato da tempo uno spostamento dei tassi di interesse e di recente ha persino osato fare un grande salto nei tassi di interesse. Anche la Banca nazionale svizzera si è improvvisamente fatta avanti e ha alzato il tasso di interesse chiave, e l’aumento del tasso è stato annunciato dalla Banca centrale europea alla prossima riunione ufficiale delle autorità valutarie ed è considerato un affare concluso.

Ma le autorità monetarie camminano su una linea sottile: mentre l’aumento dei tassi di interesse è visto come un modo collaudato per combattere i prezzi al consumo in fuga, comportano anche il rischio di una recessione. Anche l’esperto finanziario John Mauldin vede questo dilemma, come ha menzionato in un articolo per Advisor Perspectives. Guardando indietro, Mauldin ritiene che la Fed abbia iniziato il cambiamento dei tassi di interesse troppo tardi. “La mia opinione – con il senno di poi – è che l’inflazione fosse già fuori controllo prima dell’inizio della controversia”, ha scritto l’esperto di mercato. A suo avviso, i responsabili delle politiche monetarie avrebbero dovuto “riprendere le loro politiche” normali “alla fine del 2020 o all’inizio del 2021, quando i vaccini stavano mitigando l’impatto del COVID. Avrebbero potuto accumulare 25 punti a ogni riunione e ritirare $ 10 miliardi di allentamento quantitativo”. Mauldin continuò… Se la Federal Reserve americana avesse agito prima, oggi avrebbe avuto più opzioni. Ma ora non hanno altra scelta che gettarsi nell’inflazione.

READ  Sospetta salmonella: richiamo di uova grandi nel nord della Germania

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell sta consapevolmente rischiando una recessione, sebbene di recente fosse convinto che l’economia statunitense fosse abbastanza forte da resistere ai tassi di interesse più elevati. Tuttavia, una recessione è ancora uno scenario possibile: “Questa è sicuramente una possibilità. Questo non è il risultato che vogliamo, ma è sicuramente una possibilità”, ha affermato il più grande governatore valutario degli Stati Uniti.

La situazione è peggiore di quella degli anni Settanta?

Tuttavia, Mauldin non crede che le azioni della Fed saranno in grado di contenere l’inflazione nel prossimo futuro; È stato preso troppo tardi per quello. “Penso che sia improbabile che l’inflazione scenda dai suoi attuali livelli elevati fino al prossimo anno”. [die Inflation, Anm. d. Red.] “Verrà a ondate di varia intensità, come è successo negli anni ’70, ma la tendenza generale è definita”, ha affermato l’esperto finanziario, che non era ottimista.

In effetti, vede segnali che la situazione attuale potrebbe essere peggiore di quella degli anni ’70. Sebbene i grafici CPI mostrino che l’inflazione è attualmente ben al di sotto del suo picco, la situazione dei dati è oggi diversa. Se osservi l’evoluzione dei prezzi al consumo nelle quattro categorie su cui la famiglia tipica ha scarso controllo, vale a dire energia, benzina, generi alimentari ed elettricità, puoi vedere che l’inflazione è già “sgradevolmente vicina alla miseria della fine degli anni ’70. ” Nessun miglioramento in vista nel prossimo futuro.

Altre basi di calcolo

L’economista Larry Summers è d’accordo, coautore di uno studio che ha rilevato che l’inflazione oggi è più vicina ai livelli degli anni ’70 di quanto la maggior parte delle persone pensi. Mauldin scrive a questo proposito che è particolarmente importante “confrontare le mele con le mele”. Nello specifico, si tratta del calcolo dei costi abitativi nei prezzi al consumo. Fino al 1983 nel calcolo era compreso il costo dell’acquisto di una casa con mutuo, ora i costi abitativi sono calcolati considerando quanto deve pagare il proprietario della casa per affittare la propria casa. Lo studio ha concluso che “negli anni ’70 e all’inizio degli anni ’80, i tassi di interesse alle stelle hanno fatto aumentare i tassi di inflazione segnalati perché i tassi ipotecari più elevati rendevano più costoso l’acquisto di una casa”.

READ  Conferma delle aspettative: il titolo Siemens Energy chiude al ribasso: nonostante le perdite significative, Siemens Energy vuole raggiungere i suoi obiettivi operativi annuali | newsletter

Quindi gli autori dello studio hanno concluso che “l’inflazione attuale, e in particolare l’inflazione core, è molto più vicina ai picchi precedenti” di quanto suggeriscano i dati ufficiali. “L’inflazione core ufficiale ha raggiunto il picco del 13,6% nel giugno 1980, mentre stimiamo che l’inflazione core per lo stesso mese sia stata del 9,1%, considerando il modo in cui sono stati inclusi i costi delle abitazioni. Le nostre stime indicano anche che” il minimo interno dell’inflazione dell’indice I prezzi al consumo core in 1983 sono stati molto più alti di quanto originariamente riportato.

Resta da vedere se le autorità monetarie statunitensi saranno effettivamente in grado di frenare l’attuale tasso di inflazione con le loro azioni o se il picco degli aumenti dei prezzi al consumo non sarà visibile fino al prossimo anno, afferma Mauldin. A maggio, l’inflazione negli Stati Uniti è sorprendentemente salita all’8,6 per cento, il livello ufficiale più alto dal 1981. Tra pochi giorni sono attesi nuovi dati sull’inflazione per giugno.

redazione finanzen.net

Fonti immagine: Rehab Mark/Shutterstock.com, B Calkins/Shutterstock.com