Novembre 29, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Prende il via la Conferenza mondiale sul clima: ascolterai il grido di sveglia?

A partire dal: 31.10.2021 02:19

Le previsioni climatiche sono fosche e il tempo è essenziale: quindi vengono riposte grandi aspettative sulla conferenza sul clima delle Nazioni Unite a Glasgow, che inizia oggi. Tuttavia, è incerto se sarà soddisfatto.

Scritto da Imke Koehler, ARD-Studio London, attualmente Glasgow

È stato un momento importante ed emozionante per molti dei partecipanti quando è stato firmato l’Accordo di Parigi sul clima nel 2015. È stato il primo accordo legalmente vincolante in cui tutte le nazioni si sono impegnate a proteggere il clima. Il contratto stabilisce che il riscaldamento globale dovrebbe essere limitato a meno di 2 gradi e, se possibile, a 1,5 gradi rispetto all’era preindustriale.

Emky Koehler
ARD-Studio Londra

Per raggiungere questo obiettivo, i paesi devono sviluppare nuovi piani con obiettivi più ambiziosi dopo cinque anni. Poiché la conferenza dell’anno scorso ha dovuto essere rinviata a causa della pandemia, è giunto il momento. Questo è un altro motivo per cui la COP26 è così importante, perché c’è tanto lavoro da fare e le previsioni sono fosche.

Alok Sharma, il presidente eletto della Global Climate Change Conference, che aprirà oggi la COP26 a Glasgow, parla di un campanello d’allarme. Se il cambiamento climatico non sarà controllato ora, l’umanità dovrà affrontare una catastrofe.

Greenpeace chiede più ambizione all’Unione europea

Mentre oggi alla conferenza saranno all’ordine del giorno più questioni procedurali, come la definizione dell’ordine del giorno e l’elezione formale di Sharma a presidente della conferenza delle Nazioni Unite, domani e martedì sono attesi circa 120 capi di stato e di governo. Quindi dovrebbe mostrare fino a che punto è stata effettivamente ascoltata la sveglia. L’esperta del clima di Greenpeace Lisa Goldner ha detto in anticipo:

Sono positivamente sorpreso, per esempio degli Stati Uniti. È un segnale molto importante per il mondo che Joe Biden stia ora affrontando con fermezza la protezione del clima, dopo anni persi sotto l’amministrazione Trump. La Cina e l’India, i maggiori produttori di emissioni al mondo, devono ancora apportare miglioramenti, ma l’UE deve anche fare un ulteriore passo avanti quando si tratta di protezione del clima”.

Emissioni elevate anziché basse

Infatti, come adesso, le emissioni continueranno ad aumentare fino al 2030. Per raggiungere l’obiettivo di 1,5 gradi, gli Stati dovranno dimezzare le emissioni rispetto al 2010.

READ  Crisi in Bielorussia: "Trascinare famiglie e bambini nella tragedia"

Prima di affrontare questo problema, molti visitatori che vogliono venire a Glasgow devono risolvere un altro problema: devono trovare un alloggio. Kate Jones ha organizzato le famiglie che desiderano ospitare gli ospiti in privato. 1000 famiglie partecipano, ma si scopre che questo non basta:

Abbiamo creato il COP Homestay in modo che i visitatori del sud del mondo, i giovani e quelli con pochi soldi possano venire alla conferenza. Ma in realtà, tutti quelli che vogliono venire alla conferenza ora vanno su questa pagina perché non ci sono altre opzioni. Siamo totalmente sorpassati. Abbiamo una lista d’attesa di 3000 persone”.

Anche i delegati non trovano alloggio

Di recente, anche centinaia di delegati sono stati apparentemente colpiti dal problema di ieri sera. Poiché i loro paesi erano originariamente nella lista rossa, si aspettavano di alloggiare negli hotel forniti dal governo per servire la quarantena lì. Improvvisamente i loro paesi non sono più nella lista rossa, ma non ci sono più camere d’albergo libere a Glasgow.

Almeno una preoccupazione ora è fuori discussione: la minaccia di uno sciopero ferroviario in Scozia può ancora essere evitata. In caso contrario, molti partecipanti potrebbero non essere riusciti a raggiungere il sito della conferenza.