Dicembre 10, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Possibilità di truppe?: Cina e Isole Salomone decidono una cooperazione controversa

È possibile la concentrazione delle forze?
La Cina e le Isole Salomone prendono una decisione sulla cooperazione controversa

La Cina starebbe cooperando con lo stato delle Isole Salomone per garantire la sicurezza lì. Tuttavia, i paesi vicini dell’Australia e della Nuova Zelanda sono sospettosi di altri piani e considerano persino fattibile lo stazionamento delle forze. Né l’accordo impedisce l’intervento degli Stati Uniti.

Il gruppo delle Isole Salomone nel Pacifico meridionale ha concluso un controverso accordo di cooperazione in materia di sicurezza con la Cina, nonostante l’opposizione dei suoi vicini Australia e Nuova Zelanda. Come ha detto alla stampa il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin a Pechino, il ministro degli Esteri Wang Yi e il suo omologo Jeremiah Manele hanno “recentemente” firmato un accordo quadro simile.

Il portavoce ha affermato che la cooperazione include il mantenimento dell’ordine sociale, la protezione della sicurezza e delle proprietà delle persone, l’assistenza umanitaria e la risposta ai disastri naturali. Anche il governo delle Isole Salomone dovrebbe essere assistito nello sviluppo delle proprie capacità di sicurezza. Il portavoce non ha fornito dettagli specifici. “La cooperazione in materia di sicurezza tra la Cina e le Isole Salomone mira a promuovere la stabilità sociale e la calma a lungo termine nelle isole”, ha affermato il portavoce. Wang Wenbin ha affermato che la cooperazione non riguarda nemmeno altri paesi, apparentemente in risposta alle preoccupazioni dei vicini Australia, Nuova Zelanda e Stati Uniti, che hanno chiesto alle Isole Salomone di non firmare l’accordo.

Il governo degli Stati Uniti invierà questa settimana una delegazione di alto livello alle Isole Salomone, guidata dal coordinatore indo-pacifico Kurt Campbell. Il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price ha avvertito a Washington che la natura ampia dell’accordo “lascia la porta aperta al dispiegamento delle forze militari della Repubblica popolare”. Ha anche espresso preoccupazione per il fatto che la cooperazione possa destabilizzare le Isole Salomone.

Dopo che l’arcipelago ha rinunciato al riconoscimento diplomatico di Taiwan e ha stabilito relazioni con Pechino, a novembre sono scoppiati gravi disordini, diretti anche contro uomini d’affari cinesi. L’Australia ha anche inviato soldati e agenti di polizia nelle Isole Salomone sulla scia dei disordini. I leader cinesi non consentono ai loro partner diplomatici di mantenere relazioni sia con Taipei che con Pechino perché vedono la Taiwan democratica come parte della Repubblica popolare cinese.

READ  Ucraina- Notizie ++ La Russia apparentemente attacca di nuovo con i droni kamikaze ++