POSIX 1003.1-2024 aggiornato con nuovi strumenti e funzionalità

Date:

Share post:

Giampaolo Lettiere
Giampaolo Lettiere
"Esperto di birra per tutta la vita. Appassionato di viaggi in generale. Appassionato di social media. Esperto di zombi. Comunicatore."

Dopo sette anni di sviluppo, la IEEE Computer Society e l’Open Group Consortium hanno approvato una nuova versione dello standard POSIX 1003.1-2024, che mira a garantire la portabilità tra sistemi operativi simili a UNIX. Lo standard POSIX (Portable Operating System Interface) definisce le interfacce software tra sistemi operativi e programmi applicativi.

annuncio


POSIX è diviso in quattro parti. Le definizioni di base sono un elenco di convenzioni, definizioni e concetti utilizzati nello standard. L’interfaccia di sistema descrive le chiamate di sistema C con file di intestazione associati. La terza parte contiene una definizione di interpreti e utilità della riga di comando, ovvero funzioni di shell e relative utilità. Infine, una sezione fornisce chiarimenti sulla norma. Nell’epoca d’oro delle varianti commerciali UNIX reciprocamente incompatibili, la conformità POSIX era un criterio importante nella scelta del sistema operativo per il software desiderato. Poiché le attuali varianti Linux e BSD sono in gran parte compatibili con POSIX, lo standard ora pubblicato segue e unifica molte aggiunte che sono già state implementate.

I comitati hanno ampliato la portata del trattamento delle faccette per includere i due strumenti readlink Per visualizzare il contenuto dei collegamenti simbolici e realpath Per risolvere il nome del percorso del file. Altre novità nello strumento sono: find Opzioni -print0 Per restituire il nome del percorso con il byte null finale e –iname La ricerca non fa distinzione tra maiuscole e minuscole. In xargs La quantità massima di argomenti è zero byte sull’opzione -0 Adesso anche lì. In read Può essere fatto tramite -d impostazione del limite, sed è usato attraverso -E Espressioni regolari avanzate e set Conosce l’opzione -o pipefail.

Il firmware è ora disponibile per i programmi C SIGWINCH E strumenti per creare oggetti condivisi. Sono state aggiunte anche alcune nuove funzionalità:

  • tcgetwinsize (Determinare la dimensione della finestra del terminale)
  • gettext (organizzazione delle interfacce multilingue)
  • asprintf (Formattare una stringa e allocare un buffer tenendo conto della dimensione dell’output)
  • strlcpy E strlcat (simile strncpy E strncatche aggiunge un byte zero alla fine per proteggere dall’overflow del buffer)

Definizione di make Ora contiene macro nidificate, consentite in un file include– Una direttiva che definisce più file definisce, tra le altre cose, nuovi obiettivi .NOTPARALLEL, .PHONY E .WAIT. Macro CURDIR Punta alla directory corrente e con "::=", "::=", "+=", "?=" E "!=" Sono disponibili nuovi operatori di assegnazione per macro e variabili.

Il testo della norma è attualmente disponibile In formato PDF sul sito IEEE Solo per clienti paganti, istituti scolastici e utenti registrati che dispongono di un account. Si prevede che il testo dello standard sarà pubblicato sul sito web di Open Group “nel prossimo futuro”. Finora solo la versione precedente di POSIX 1003.1-2017 è disponibile pubblicamente qui.


(Afr)

Alla home page

Related articles