Dicembre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Politica migratoria: come l’Italia fa pressione sull’UE

Stato: 25.11.2022 07:30

I ministri dell’Interno dei Paesi Ue discutono oggi sul tema della migrazione. Il nuovo governo italiano preme particolarmente qui: chiede più solidarietà agli altri Paesi e punta sul confronto.

Elisabeth Bongratz, ART Studio Roma

Alla sessione del Senato italiano di novembre, Matteo Piantedosi ha letto il suo discorso principalmente su carta. Viene come un funzionario, e fino alla fine lo è rimasto: ha presieduto la provincia a Roma. Ma ora, da ministro degli Interni, dichiara guerra ai soccorritori in mare.

Elisabetta Bongratz
Studio ARD Roma

“Gli immigrati non possono essere soggetti privati ​​che scelgono più o meno arbitrariamente il Paese di sbarco e decidono di applicare le regole di Dublino”, dice Plantedosi. Perché secondo la procedura di Dublino, i rifugiati devono presentare domanda di asilo la prima volta che mettono piede sul suolo europeo.

L’Italia vuole ritenere responsabili gli Stati di bandiera

Ma la capacità di assorbimento dell’Italia si è esaurita, Piantossi ha confermato ai parlamentari la linea dura del governo. Chiede che i paesi partner dell’UE facciano di più. “Secondo il diritto del mare e la Convenzione europea dei diritti dell’uomo, la responsabilità degli Stati di bandiera è discutibile: proteggere i diritti fondamentali delle persone soccorse e determinare un luogo di sicurezza appropriato”.

Gli Stati sotto la cui bandiera volano le navi di soccorso sono responsabili delle persone soccorse, vale a dire della loro ammissione. L’esperto di asilo Christopher Hein, che insegna alla LUISS di Roma, crede fermamente che la tassa non sia legalmente accettabile. Secondo le norme europee in materia di diritto d’asilo, non si può chiedere asilo in alto mare.

READ  La campagna di Russia in Italia, l'odio di Medvedev

“Se la nave è entrata nelle acque costiere, cioè all’interno della zona delle dodici miglia, a quale paese appartengono queste acque costiere”, dice Hayne. “Poi si può fare domanda di asilo attraverso il capitano, che sarà inoltrato alle autorità competenti nel paese che possiede questa zona dietro la costa”.

Brutale esibizione muscolare da parte del nuovo governo

Tuttavia, l’Italia ha preferito La lotta per la nave di salvataggio in mare “Humanity 1”. Metti la responsabilità sulla Germania perché la nave naviga sotto bandiera tedesca. All’inizio di novembre, all’equipaggio non è stato permesso di entrare nel porto sicuro per diversi giorni, quindi le autorità hanno consentito solo a poche persone salvate di sbarcare. Si diceva che altri fossero molto sani. Dopo ore estenuanti, tutti furono finalmente in grado di lasciare la nave. Ma il nuovo governo ha mostrato come mostrare i muscoli.

Ha anche affrontato la Francia. La nave “Ocean Viking” non è stata autorizzata ad entrare in un porto italiano ed è passata alla Francia. Il governo di Parigi si è lamentato del comportamento irresponsabile dell’Italia. L’Italia potrebbe aver respinto i migranti dopo che erano stati soccorsi. Come allora la Francia, dice Hein. “Sarebbe stato perfettamente ragionevole lasciare prima a terra i naufraghi e poi vedere cosa succede loro. Una volta sbarcati, l’obbligo previsto dal diritto internazionale del salvataggio in mare è scaduto”.

Molti migranti continuano a viaggiare

Ma il primo ministro Georgia Meloni ei suoi colleghi si preoccupano soprattutto di fermare le persone che fuggono verso l’Europa e che non ci sia più “immigrazione clandestina”. E l’Italia, dice, non può più sopportarne il peso. “L’Italia dovrebbe essere l’unico porto di scalo per gli immigrati dall’Africa se tutti lo vogliono? Non credo sia giusto”, dice Meloni.

READ  Proteste in Italia e Portogallo - e la Germania hanno trovato lo sconto sui carri armati

Dall’inizio dell’anno, infatti, sono arrivati ​​in Italia più di 94.000 migranti, ma il numero dei richiedenti asilo rimane molto basso. Secondo Heine, un ricercatore sulla migrazione, molte persone continuano a viaggiare in altri paesi dell’UE anche se non gli è permesso. L’anno scorso, l’Italia si è classificata al quarto posto per numero di domande di asilo, dietro a Germania, Francia e Spagna. Ma con una retorica tagliente e un corso duro, il governo di Maloney ha raggiunto il suo obiettivo: la politica migratoria è tornata in cima all’agenda dell’UE.