Aprile 17, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Polemica sull’uranio russo: “La Francia promuove indirettamente la strategia della Russia”

Polemica sull’uranio russo: “La Francia promuove indirettamente la strategia della Russia”


sfondo

Stato: 26/04/2023 16:43

L’uranio dalla Russia non fa parte del pacchetto di sanzioni dell’UE. La Germania vorrebbe cambiare la situazione e la Francia sta rallentando. Perché tali restrizioni commerciali danneggeranno gravemente l’intero ramo dell’industria.

Giulia Borota

Il sito ai margini dei grandi capannoni grigi di produzione di Tricastin, una centrale nucleare a nord di Avignone, rimane una terra desolata. Ma tra qualche anno dovrebbero nascere nuovi impianti di arricchimento dell’uranio.

Qui verranno costruite in totale altre quattro unità, spiega l’ingegnere Christophe Mei, che guida il progetto. E il suo capo, François Lorraine, direttore del gruppo di tecnologia nucleare Urano, ritiene che in Francia ci sia un’enorme domanda di uranio arricchito.

Investire in Tricastin risponde alle esigenze dei clienti di tutto il mondo: “Vogliono diventare meno dipendenti dall’uranio arricchito in Russia. Soprattutto negli Stati Uniti. E noi vogliamo fornire una risposta a questa domanda”.

Senza l’uranio russo, molte centrali nucleari nell’Unione europea non possono continuare a funzionare.
Di più

L’entità della dipendenza rimane poco chiara

Questo investimento è vantaggioso anche per la produzione di energia nucleare francese. Il paese acquista uranio arricchito e naturale dalla Russia. Fino a che punto, anche gli esperti non possono dirlo. Yves Marignac è ​​un esperto di energia nucleare presso il think tank négaWatt, che è critico nei confronti dell’energia nucleare. Inversione ARD Spiega questa lacuna informativa dicendo che l’industria nucleare si rifiuta di pubblicare i numeri:

C’è una legge del silenzio da parte del governo e dell’industria nucleare. Si sostiene sempre che la Francia non dipenda dalla Russia, ma chiedere i numeri non ci dà le informazioni di cui abbiamo bisogno per valutare il grado di dipendenza.

L’uranio è già in fase di arricchimento presso l’impianto George Base II – tra qualche anno verrà creata più capacità presso la centrale nucleare di Tricastine

Il ministro ha rassicurato

Ma ci sono segnali: l’agenzia europea per l’energia nucleare, Euratom, riferisce che nel 2021 quasi il 20 per cento dell’uranio naturale consegnato all’Unione europea proveniva dalla Russia. C’è anche il 23% dall’Uzbekistan e il 25% dal Kazakistan, due paesi che la Russia sta cercando di influenzare.

Agnes Pannier-Ronacher, ministro francese della transizione energetica, non nega che la Russia rifornisca la Francia. Ma ha sottolineato, parlando alla commissione economica del parlamento francese lo scorso settembre:

Per quanto riguarda la nostra dipendenza dalla Russia, permettetemi di ricordarvi che esportiamo uranio naturale da paesi molto diversi e che siamo tecnicamente in grado di arricchire l’uranio noi stessi.

E ha confermato in un’intervista alla Frankfurter Allgemeine Zeitung di marzo che “non avrebbe alcun impatto” sul funzionamento dei reattori nucleari se i contratti con la Russia scadessero domani.

Più cooperazione

Ci sono ancora stretti legami con la società statale russa Rosatom, ad esempio nella costruzione di turbine. Anche il gruppo francese GEAST produce principalmente le sue turbine per Rosatom, uno dei maggiori esportatori mondiali di reattori nucleari. L’esperto di energia nucleare Marignac critica questo:

La Francia non solo fa affidamento sul dinamismo dell’industria nucleare russa per mantenere i profitti del suo impianto di turbine, ma promuove anche indirettamente la strategia geopolitica della Russia. Perché Mosca si assicura la sua influenza in altri paesi esportando e facendo funzionare i reattori.

Joint venture con impatto

E in Francia, secondo il produttore di energia nucleare statale EDF, circa 2.400 posti di lavoro dipendono dalla produzione di turbine. Lo stato francese in realtà voleva dare alla russa Rosatom una partecipazione del 20% nel produttore di turbine GEAST. Ma la guerra fermò quel piano. Quando è stato chiesto, EDF ha detto: Questo post non è attualmente aggiornato.

D’altra parte, la cooperazione nella produzione di elementi combustibili è un argomento di grande attualità. La divisione centrali elettriche di EDF Framatome ha creato una joint venture con Rosatom con una quota russa del 25%. In Germania, a Lingen, in Bassa Sassonia, tra tutti i luoghi, entrambe le società vorrebbero produrre barre di combustibile per i reattori russi, se il governo federale dovesse dare il via libera.

L’editore del rapporto sullo stato dell’industria nucleare globale, Mikkel Schneider, osserva che ci sono 19 reattori di progettazione russa nell’Unione europea che funzionano utilizzando questi elementi combustibili. Inoltre, teoricamente ci saranno 15 reattori in Ucraina che funzioneranno utilizzando questi elementi combustibili.

La Germania sta gradualmente eliminando l’energia nucleare, mentre altri paesi stanno costruendo nuove centrali elettriche.
Di più

Più dipendenza?

Quindi, una logica joint venture, per poter produrre in un prossimo futuro elementi combustibili di progettazione russa nell’Unione europea e quindi essere in grado di coprire noi stessi il fabbisogno nell’Europa orientale? Il critico dell’energia nucleare Marignac avverte: con questa cooperazione, Framatome non riduce la sua dipendenza da Rosatom, ma al contrario: Framatome consente al gruppo russo di penetrare più a fondo nell’industria nucleare francese. Sarebbe moralmente necessario tagliare tutti i ponti con Rosatom.

Chiesto ARD Il Framatome all’inizio rimase senza risposta. Ma la joint venture di fuel pooling è pienamente in linea con l’accordo Framatome e Rosatom firmato solo nel dicembre 2021. Dice che vogliono una cooperazione “strategica” e “a lungo termine”.