Piccola lacuna nel sistema

Date:

Share post:

Ersilia Toscani
Ersilia Toscani
"Tipico pioniere della birra. Appassionato del web adatto agli hipster. Fanatico dell'alcol certificato. Amante di Internet. Amante degli zombi incredibilmente umile."
  1. Home page
  2. panorama

Insiste

Heinz Honig all’aeroporto di Francoforte a gennaio, poco prima di partire per il campo nella giungla. Immagini Imago © Immagini Imago

Il caso Heinz Honig ha portato l’attenzione sulla questione degli artisti che non hanno un’assicurazione sanitaria. Ma davvero ti ritrovi senza protezione così in fretta?

Da diverse settimane i media e i social network parlano della lacuna del social network tedesco, nella quale potrebbero cadere soprattutto attori e attrici. Come si suol dire, se gli obblighi non vengono rispettati e i contributi per l’assicurazione sanitaria non possono più essere pagati, c’è il rischio di perdere l’assicurazione sanitaria. Il motivo delle segnalazioni è la richiesta di donazioni da parte dell’attore Heinz Hoenig (72 anni), che soffre di una grave malattia e non è più in grado di pagare i costi delle sue operazioni. Secondo i promotori era escluso dall’assicurazione sanitaria privata. L’appello per le donazioni è stato ora aumentato dall’importo iniziale di 100.000 euro a 500.000 euro.

Quando si tratta del tema “assicurazione malattia per gli attori”, è importante distinguere innanzitutto tra due gruppi: gli attori con un impegno permanente e quelli che lavorano in proprio.

Continua a leggere

Prestiti in vecchiaia: le banche possono escludere i pensionati dai prestiti?

La maggior parte degli attori lavora in teatro e chiunque abbia un ruolo nel cinema o in televisione è, come ogni dipendente, membro dell’assicurazione sanitaria, pensionistica e di assistenza infermieristica durante il periodo di lavoro. Il datore di lavoro e il rappresentante si dividono equamente l’importo. L’importo dipende dal reddito: salari alti e tasse elevate. Commissioni basse, tasse basse.

Tuttavia, quando termina l’obbligo, termina anche l’obbligo di previdenza sociale. Se non c’è un nuovo contratto, gli attori hanno la possibilità di registrarsi come disoccupati. Oltre alle indennità di disoccupazione, il centro per l’impiego versa anche i contributi previdenziali. Dopo più di un anno, il denaro dei cittadini è in pericolo. Fino ad allora, l’assicurazione sanitaria è coperta, ma l’assicurazione pensionistica non lo è più.

Ma per gli artisti c’è un vantaggio particolare: se non possono lavorare, possono diventare lavoratori autonomi e rimanere coperti dalle assicurazioni sociali come i dipendenti. Se gli attori richiedono performance come ospiti, apparizioni pubblicitarie o supervisione a pagamento, possono registrarsi presso il Fondo sociale degli artisti (KSK). Questa organizzazione per artisti e giornalisti freelance esiste da oltre 40 anni. Si tratta di una delle leggi più sostenibili introdotte dall’Alleanza Social-Liberale guidata da Helmut Schmidt (SPD). L’obiettivo era proteggere il più possibile gli artisti indipendenti dalla povertà in età avanzata o dalla mancanza di protezione in caso di malattia.

Secondo il portavoce del KSK Andreas Kiesling sono attualmente assicurati 191.000 liberi professionisti nei settori della musica, della grafica, dei media e della recitazione. Il requisito fondamentale è che guadagnino almeno 3.900 euro all’anno; Questo non è un grosso ostacolo. Inoltre, il limite di reddito può scendere al di sotto di tale limite nei primi tre anni. Anche in questo caso l’importo dei contributi all’assicurazione sanitaria, alle pensioni e all’assistenza infermieristica dipende dal reddito annuo e gli assicurati pagano la metà di quello che pagano tutti i dipendenti. Anche con i frequenti cambiamenti nella professione di attore tra impegno permanente e indipendenza, un ritorno al KSK è possibile, secondo il portavoce di Kiesling.

Ma se passate dall’assicurazione sanitaria pubblica a quella privata, forse avete preso la strada sbagliata. Questo perché gli individui non adeguano i propri contributi al reddito; Generalmente aumenta con l’età. KSK paga però solo l’importo dell’assicurazione sanitaria richiesto dalla legge. Il ritorno al lavoro legale non è possibile a partire dai 55 anni.

Heinz Hoenig avrebbe lavorato per un fondo privato e non poteva più permettersi i grandi contributi, quindi è stato licenziato, dicono i titolari del ricorso. Secondo Finanzstep, dal 2013 non è più possibile un’espulsione totale e quindi si applica la “tariffa d’emergenza”. Secondo il portale privato, i servizi successivi si limitano al trattamento di malattie acute e condizioni dolorose. Se l’assicurato non paga i premi assicurativi, la copertura assicurativa verrà ripristinata. Hoenig ha partecipato a gennaio al RTL Jungle Camp e ha ricevuto un onorario. Non è noto se siano stati versati contributi aggiuntivi.

Non è chiaro se Honig fosse al KSK. Quando è stato chiesto, il team di raccolta fondi ha detto di non poter rispondere a questa domanda perché non avevano mai rappresentato l’attore prima. Secondo la Bild, la moglie di Honig ha affermato di aver richiesto “un’assicurazione successiva obbligatoria” presso l’ex compagnia di assicurazione sanitaria privata di sua proprietà. Ciò che ne verrà fuori è ancora “nel limbo”.

Ma ciò che sembra chiaro è che per riuscire a entrare nei social media come attore, devi aver inciampato molto prima. Dal 2009, le aziende private sono costrette ad offrire una tariffa base che può costare al massimo 844 euro al mese, ma che con lo sconto arriva a circa la metà. Inoltre, dalla rendita che Honig dice di ricevere, all’assicurazione sanitaria privata viene versato un piccolo sussidio. Tuttavia, il settore privato è più costoso in età avanzata rispetto al settore legale. Tuttavia, il passaggio ad un’assicurazione privata è gratuito per ciascun individuo.

Related articles

Spagna – Italia: Disgustosa provocazione dei tifosi! Ecco perché lo Schalke viene fischiato

Ecco come domina il favorito! Nella finale preliminare, la Spagna ha vinto 2-0 contro un'altra contendente al...

Questo cavo USB-C a doppia porta condivide in modo intelligente l’alimentazione

Alimentatori e cavi: la maggior parte dei nostri lettori probabilmente ne ha alcuni a casa. I cavi...