Novembre 26, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Pianificazione dello sviluppo: la Russia vuole espandersi alle Isole Curili

sviluppo pianificato
La Russia vuole espandersi alle Isole Curili

Quasi 80 anni dopo la fine della seconda guerra mondiale, la disputa tra Giappone e Russia sulle Isole Curili non è stata risolta. Per settimane, la faida ha ripreso slancio. Mosca ora dichiara di voler diventare ampiamente attiva nell’arcipelago.

La Russia vuole sviluppare completamente le Isole Curili. Lo ha annunciato il vice primo ministro Yuri Trutnev, secondo l’agenzia di stampa russa TASS, durante una visita di lavoro nel territorio di Khabarovsk in Estremo Oriente. La dichiarazione potrebbe mettere a dura prova le relazioni con il Giappone, che ha anche pretese sulle quattro isole più meridionali della catena. Già nell’agosto 2021, i media riportavano che la Russia stava espandendo la sua presenza militare sulle isole.

Il Giappone rivendica le quattro Isole Curili meridionali come suoi territori settentrionali. Il conflitto risale alla fine della seconda guerra mondiale, quando le isole furono annesse all’Unione Sovietica. Il conflitto ha finora impedito la firma di un trattato di pace che pone ufficialmente fine alla guerra tra Mosca e Tokyo.

Le relazioni tra Tokyo e Mosca si sono deteriorate dall’invasione russa dell’Ucraina. Il Giappone, paese del G7, si è unito alle sanzioni occidentali contro la Russia. Di conseguenza, il governo russo ha annunciato che non avrebbe continuato i negoziati di pace per risolvere formalmente il conflitto. Il ministero degli Esteri russo ha affermato che il Giappone vuole “danneggiare” gli interessi di Mosca con la sua posizione sull’operazione militare russa nel paese vicino.

Il governo giapponese ha rinnovato le sue rivendicazioni territoriali solo all’inizio di marzo. Il ministro degli Esteri Yoshimasa Hayashi ha descritto le quattro isole contese come una “parte inseparabile” del Giappone, ha riferito il quotidiano giapponese Sankei Shimbun. Il primo ministro Fumio Kishida ha già utilizzato questa formula.

READ  La Grecia si arma: combattenti francesi contro la Turchia