Aprile 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Piani di guerra russi: Putin ora andrà all-in?

Piani di guerra russi: Putin ora andrà all-in?

La regione di Kharkiv potrebbe presto diventare il centro dell’attacco russo. Questo è ciò che hanno detto coloro che hanno familiarità con il rapporto del Cremlino. L'Ucraina si sta preparando.

Dopo la vittoria dichiarata nelle elezioni farsa per la presidenza russa, Vladimir Putin ritiene di mantenere saldamente la sella del potere. Ha chiaramente un obiettivo in mente: che il leader del Cremlino voglia vincere la sua guerra di aggressione contro l’Ucraina, a qualunque costo.

Tuttavia, anche a più di due anni dall’inizio dell’invasione, non è del tutto chiaro quale vittoria Putin possa ottenere. Vuole annettere l'intero paese o il presidente russo è soddisfatto della completa conquista delle regioni illegalmente annesse di Kherson, Zaporizhia, Donetsk e Luhansk? Un rapporto del media russo indipendente Meduza suggerisce che Putin potrebbe avere due opzioni per porre fine alla guerra.

Questo metodo si basa su fonti del Cremlino divise sulla questione dei piani di Putin. Una fazione sembra presumere che il presidente russo – incoraggiato dalla fallita offensiva ucraina dello scorso anno e dalla carenza di munizioni tra le forze di Kiev – sia ora pronto ad “arrivare fino alla vittoria, anche a Kiev”. Si dice che Putin non eviterà una rinnovata mobilitazione, un ulteriore passaggio all’economia di guerra e un’escalation con l’Occidente. Il sito web Meduza ha citato una fonte anonima che ha affermato: “Si attiene ai suoi principi”.

video | La televisione statale russa pubblica un video falso

Fonte: T Online

A Putin basta l’invasione di Kharkiv?

Alcuni addetti ai lavori del Cremlino ritengono che Putin abbia “obiettivi più realistici”: il leader del Cremlino avrebbe potuto puntare sull’occupazione di Kharkiv. Se ciò avrà successo, Putin “porrà fine gradualmente” alla sua guerra di aggressione, ha detto Meduza. Ciò è coerente con le dichiarazioni di Putin di metà marzo sul suo desiderio di creare una “zona di sicurezza” lungo il confine russo-ucraino. Anche l'invasione di Kharkiv sarebbe una “vittoria simbolica”: prima dell'invasione russa nella città vivevano circa 1,4 milioni di persone, gran parte delle quali parlava russo. Kharkiv si trova a circa 30 chilometri dal confine russo.

Secondo fonti dell’amministrazione presidenziale, il secondo scenario è “altamente probabile”, scrive Meduza. Tuttavia, non è noto se l'ordine sia stato effettivamente emesso per un attacco su larga scala alla città di milioni di abitanti. Ciò potrebbe anche richiedere una nuova ondata di mobilitazione. Il presidente russo aveva già annunciato una mobilitazione parziale nel settembre 2022. Decine di migliaia di russi hanno poi lasciato il Paese per paura della coscrizione. Successivamente Putin si astenne da ulteriori ondate di mobilitazione e fece affidamento principalmente su incentivi finanziari per reclutare soldati per prestare servizio al fronte.

Alla Russia potrebbero mancare 300.000 nuovi soldati

Ovviamente anche l'attacco terroristico di venerdì scorso alla sala concerti Crocus City Hall vicino a Mosca non dovrebbe avere alcun impatto sui piani di Putin, come riporta il quotidiano Meduza. Tutto è infatti già pronto per una nuova ondata di mobilitazione. Si dice che i tempi della sua attuazione siano “semplicemente una questione della situazione sul fronte”.

Inoltre, l’approccio adottato da Putin nel reclutare nuove forze per il fronte non sembra più avere successo. Il media indipendente russo “Verstka” ha riferito, citando un dipendente di un centro di reclutamento a Mosca, che il numero dei volontari è diminuito drasticamente. Fino a settembre 2023, fino a 600 uomini entravano in ufficio ogni giorno, e da allora il numero ha cominciato a diminuire: recentemente solo circa 30 persone al giorno. Secondo Verstka questo sviluppo si riscontra a livello nazionale.

Verstka ha inoltre riferito, citando fonti dell'amministrazione presidenziale russa, che alla luce di ciò e dei possibili piani di lanciare un attacco in direzione di Kharkiv, un'ondata di mobilitazione è diventata imminente. Mancherebbero 300.000 uomini per attaccare la città ucraina. La mobilitazione mira a liberare per l'offensiva soldati esperti precedentemente schierati a protezione del confine. Invece, nuovo personale dovrebbe essere stazionato al confine meridionale della Russia.