Febbraio 25, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Pericolo”: Elezioni a Taiwan: la Cina spara forte sul candidato preferito da Lai

“Pericolo”: Elezioni a Taiwan: la Cina spara forte sul candidato preferito da Lai

“Pericolo”
Elezioni di Taiwan: la Cina attacca duramente il candidato favorito Lai

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

In vista delle elezioni a Taiwan, la Cina stava gettando le basi per ulteriori tensioni e fomentando il sentimento contro il candidato favorito Lai Ching-te. Si dice che sia pericoloso e provochi conflitti. Questa è una retorica familiare alla Russia, che, prima dell’invasione dell’Ucraina, aveva sempre accusato l’Occidente di provocazione.

Prima delle elezioni presidenziali di Taiwan, la Cina aveva descritto la potenziale vittoria del candidato favorito Lai Ching-ti come un “grave pericolo”. Le autorità cinesi di Taiwan hanno affermato che il candidato del Partito Democratico Progressista al potere sta fomentando un “conflitto” con la Cina continentale. L'agenzia ha espresso la speranza che il popolo di Taiwan consideri questo come un “grave pericolo” e che la posizione del DPP sull'”indipendenza di Taiwan” possa portare a un “grave danno”.

L’attuale candidata del Partito Democratico Progressista, Tsai Ing-wen, non può più candidarsi alle elezioni presidenziali dopo due mandati. L'autorità cinese di Taiwan ha affermato che se l'attuale vicepresidente Lai vincesse le elezioni di sabato, incoraggerebbe “attività separatiste” per l'indipendenza di Taiwan. Ciò porterebbe a “disordini nello Stretto di Taiwan”, il nome dato allo stretto tra Taiwan e la Cina continentale.

Pechino vede Taiwan come una provincia separatista che deve essere riunita alla terraferma, se necessario con la forza militare. L’esito elettorale è considerato cruciale per il futuro rapporto tra Taipei e una Pechino sempre più aggressiva, ed è quindi atteso con impazienza a livello internazionale.

Il ministro degli Esteri di Taiwan Joseph Wu ha criticato la Cina per le sue “ripetute interferenze” nelle prossime elezioni. “Francamente, Pechino dovrebbe smettere di interferire nelle elezioni di altri paesi e tenere le proprie elezioni”, ha scritto Wu in un post sulla piattaforma online X.

Il partito di opposizione sostiene il riavvicinamento, ma niente di più

Il partito d’opposizione Kuomintang (KMT), il cui principale candidato è Yu-A, è favorevole al riavvicinamento alla Cina. Tuttavia, Hu ha sottolineato di non essere “filo-Cina” e di non cederà Taiwan a Pechino. “Taiwan è un paese democratico e libero”, ha detto ai giornalisti stranieri.

La “riunificazione” con la Cina non è una questione importante, lo “status quo” dovrebbe essere mantenuto. Vuole anche espandere la “cooperazione militare” con il suo alleato, gli Stati Uniti d'America, e acquistare più attrezzature militari.

La delegazione americana rischia di suscitare rabbia

Intanto il governo americano ha annunciato che invierà una “delegazione non ufficiale” a Taiwan dopo le elezioni presidenziali. Un funzionario del governo americano ha affermato che questo approccio è stato comune negli ultimi 20 anni.

Tali delegazioni con ex funzionari governativi garantirebbero “che comunicheremo chiaramente con il presidente eletto, ma anche con gli altri candidati, sull'importanza di un forte partenariato informale”.

Il rappresentante del governo ha continuato dicendo che ciò è legato anche alla politica della Cina unica e alla questione di cosa include e cosa non include. Tali contatti contribuirebbero a raggiungere “pace e stabilità”. Nell’ambito della politica “One China”, gli Stati Uniti riconoscono il governo di Pechino come rappresentante della Cina. Negli ultimi anni, la leadership di Pechino ha ripetutamente risposto con rabbia alle visite dei politici americani a Taiwan.