Settembre 30, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perdite enormi: Wall Street è in fondo al rosso


Rapporto di mercato

Stato: 17/02/2022 22:24

I mercati azionari statunitensi non si calmano. Le preoccupazioni per i tassi di interesse e il peggioramento della situazione in Ucraina hanno causato nuovamente pesanti perdite al mercato azionario. Anche il DAX è caduto nel corso dell’anno.

I mercati azionari statunitensi hanno chiuso in ribasso tra una serie di preoccupazioni. “Hai un’inflazione che sembra essere diffusa, e c’è un cambiamento incombente nella politica della Fed, e poi c’è quello Tensioni continue con Russia e Ucrainaha affermato Terry Sandvin, uno stratega azionario del direttore della ricchezza della US Bank Wealth Management.

Questa difficile situazione ha spesso colpito Wall Street ultimamente e sta causando molta incertezza. Gli investitori si sono completamente ritirati e hanno spinto il Dow Jones Leading Index in ribasso dell’1,78% a 34.312 punti. Anche altri importanti indicatori sono stati sottoposti a forti pressioni. L’indice Standard & Poor’s 500 è sceso a livello di mercato del 2,12% a 4380 punti. La borsa tecnologica Nasdaq è stata la più debole, scendendo di 2,88 punti a 13.716 posizioni. L’indice di selezione è sceso del 2,96% a 14.171 punti.

Mark Chandler, chief strategist della società di trading Bannockburn Global Forex, ha osservato l’imminente lungo weekend a causa della festività bancaria negli Stati Uniti lunedì: “Non vi è alcun incentivo per nessun partecipante al mercato a combattere il sentimento di rischio prima del fine settimana quando tutto è possibile”.

I banchieri federali alzeranno drasticamente i tassi di interesse

Anche il tema dei tassi di interesse è un argomento attualmente discusso più e più volte. Giovedì, il presidente del distretto federale di Louis, James Bullard, ha dichiarato alla CNN che il tasso di interesse chiave dovrebbe aumentare di un intero punto percentuale entro la metà dell’anno. Il prezzo base è attualmente ancora compreso tra lo zero e lo 0,25%.

Bullard ha osservato che la Fed manca il suo obiettivo di inflazione e sta ancora acquistando titoli: “Questo è il momento in cui dobbiamo ridurre lo stimolo economico”. Pollard si è già pronunciato a favore di ampi aumenti dei tassi di interesse nel recente passato.

“Penso che la guerra all’inflazione avrà un impatto maggiore della guerra in Ucraina”, ha affermato Sam Stovall, analista degli investimenti di CFRA Research, in merito allo sviluppo del mercato. La Fed è sotto pressione per aumentare i tassi di mezzo punto percentuale con il primo passo e quindi più di quanto inizialmente previsto.

Il mercato del lavoro statunitense è più debole del previsto

I dati del mercato del lavoro non hanno spostato l’attività del mercato oggi. Complessivamente, ben 248.000 americani hanno presentato domanda di sussidio di disoccupazione iniziale. Gli esperti hanno previsto solo 219.000. Gli Stati Uniti continuano ad affrontare una carenza di manodopera, con 10,9 milioni di posti di lavoro vacanti registrati a fine dicembre.

Veronica Clark, analista di Citigroup a New York, ha affermato che mentre è probabile che ci sia una certa volatilità nel mercato del lavoro nel breve termine, le richieste di assistenza dovrebbero scendere ulteriormente al di sotto dei livelli pre-pandemia nei prossimi mesi. “Ciò rifletterebbe un livello complessivamente basso di licenziamenti”. Dopotutto, le aziende avranno problemi anche nel raggiungere il livello di lavoro desiderato.

READ  Edeka, Rewe, Aldi e Netto: i pagamenti con carta non sono più possibili

L’indicatore DAX diventa rosso

Il DAX ha chiuso la giornata con pesanti perdite su tutta la linea. Solo alcune notizie aziendali sono state accolte positivamente e gli investitori hanno finito per privilegiare i titoli difensivi sul lato positivo. Tuttavia, questo non può compensare le perdite. Il DAX ha chiuso in ribasso dello 0,67% a 15.267 punti e il mercato azionario statunitense è stato ulteriormente indebolito negli ultimi scambi.

Inizialmente, i forti guadagni che hanno portato l’indice al suo massimo giornaliero di 15.440 punti sono stati completamente persi. Pertanto, il mercato si sta basando sulla precedente tendenza volatile del fine settimana, che ha fatto precipitare gli investitori in una raffica di emozioni. Il prezzo più basso di oggi è stato di 15206 punti.

La crisi in Ucraina non è ancora finita

Inoltre, la crisi ucraina ha causato molte tensioni sul terreno, soprattutto perché la NATO non ha ancora confermato il ritiro delle forze russe. La Russia ha anche espulso da Mosca un diplomatico statunitense di alto rango e chiede il ritiro di tutte le forze statunitensi dall’Europa centrale e orientale.

“Il mercato rimarrà ostaggio dei titoli imminenti fino a quando non ci sarà un po’ di chiarezza sulla situazione”, ha affermato l’analista degli investimenti Marius Hadjikyriakos del broker online XM sulla situazione in Ucraina.

Le preoccupazioni geostrategiche sono state esacerbate dai verbali inconcludenti della riunione della Federal Reserve di ieri sera, che hanno sollevato preoccupazioni sui tassi di interesse tra gli investitori su entrambe le sponde dell’Atlantico. In particolare, si aspettavano maggiori informazioni sul ritmo al quale la forte Federal Reserve (Fed) statunitense inasprirà i tassi di interesse in futuro. Ma nel migliore dei modi per la banca centrale, questo lascia tutte le porte aperte.

Domanda di oro e titoli di Stato durante la crisi

Il fatto che gli investitori vedano ragioni per essere prudenti è dimostrato dall’attuale sviluppo di prezzo dell’oro. È salito a un massimo di otto mesi di $ 1.899 l’oncia. Gli esperti di materie prime di Commerzbank hanno riassunto che la nebulosa situazione delle notizie che circonda la crisi ucraina sembra guidare la forte domanda di oro come porto sicuro.

Anche i prezzi dei titoli di Stato sono aumentati, mentre il rendimento dei Treasury USA a dieci anni è sceso a meno del 2%. Anche le obbligazioni della Fed con lo stesso termine hanno avuto un andamento positivo e hanno guadagnato lo 0,22% dopo lo 0,27% in precedenza. L’euro è stato poco cambiato negli scambi negli Stati Uniti a $ 1,1361. La Banca Centrale Europea ha fissato il tasso di riferimento a 1,1370 (mercoledì: 1,1372).

Il petrolio sta diventando più conveniente

Continuano le fluttuazioni dei prezzi nel mercato del greggio. Dopo i forti rialzi del giorno precedente, oggi i prezzi sono tornati al ribasso. Un barile (159 litri) di Brent North Sea e WTI di qualità americana costa circa il 2% in meno.

READ  Aumento record dei titoli tecnologici: i timori di Corona pesano sul Dow Jones

Il mercato petrolifero è intrappolato tra la crisi ucraina e le notizie dell’Iran, afferma Carsten Fritsch, esperto di materie prime presso Commerzbank.

Un disastro da miliardi e un anno record per Allianz

Un disastro che ha coinvolto investimenti finanziari rischiosi negli Stati Uniti ha messo in ombra un anno record per Allianz, il più grande assicuratore europeo. Gli investitori americani hanno perso miliardi con gli hedge fund AllianzGI all’inizio della crisi del Corona e hanno citato in giudizio il gruppo per oltre sei miliardi di dollari. Dopo le trattative di transazione con i maggiori investitori, il colosso assicurativo prevede che DAX paghi oltre 3,7 miliardi di euro di commissioni ante imposte, è stato annunciato in serata dopo la chiusura dello scambio.

Con il boom delle attività operative più del previsto, Allianz può gestirlo bene. I profitti sono scesi solo del 3% lo scorso anno a 6,6 miliardi di euro, nonostante gli accantonamenti netti per perdite di hedge fund di 2,8 miliardi di euro.

Nel complesso, questo è stato l’utile più basso dal 2013. Tuttavia, il dividendo aumenterà notevolmente di 1,20 euro a 10,80 euro per azione. Inoltre, anche quest’anno Allianz vuole riacquistare le sue azioni, restituendo così agli azionisti fino a 1 miliardo di euro di capitale in eccedenza. Ore dopo, il titolo ha tenuto testa a livello Xetra. La carta era più leggera dell’1,29% a 222,50 euro.

RWE aumenta le aspettative

RWE Energy Group è più ottimista di prima riguardo al nuovo anno finanziario. Oggi il consiglio ha alzato le sue aspettative. Di conseguenza, RWE 2022 prevede un risultato compreso tra € 3,6 miliardi e € 4,0 miliardi di EBITDA rettificato a livello di gruppo. Finora, la società ha promesso un range compreso tra 3,3 e 3,6 miliardi. RWE ha fissato 90 centesimi per azione come obiettivo di dividendo. Gli investitori hanno reagito con entusiasmo e i titoli dei giornali sono saliti al livello più alto dal 2011 e sono stati in cima all’indice DAX.

Profitto record per Airbus

Il più grande produttore di aeromobili al mondo Airbus Nel secondo anno Corona 2021, è stato raggiunto il profitto più alto della sua storia. Grazie all’aumento delle consegne e dei risparmi di aeromobili, l’eccedenza di 4,2 miliardi di euro ha superato i precedenti profitti record per il 2018. Nel 2019 e nel 2020, Airbus ha subito perdite per miliardi di dollari, prima a causa di una multa per accuse di corruzione, e poi a causa del Corona crisi e il costo del taglio di migliaia di posti di lavoro.

Voci divise hanno motivato la partecipazione di Conte

Contrariamente alla tendenza, oggi le azioni continentali di DAX sono aumentate di oltre il tre percento. Secondo un comunicato stampa, le idee del fornitore di auto sulla divisione del gruppo vanno oltre le idee circolate di recente. Ci sono già piani per dividere il gruppo in quattro sottodivisioni indipendenti, ha riferito oggi “Manager Magazin” (“MM”), citando circoli aziendali.

READ  Le negoziazioni in borsa iniziano giovedì 10 marzo 2022

Si tratta di passi più ambiziosi di quelli segnalati da Handelsblatt, che ha affrontato la potenziale autonomia dell’unità per la guida autonoma e un’eventuale offerta pubblica iniziale parziale. Il rapporto fornisce nuovo carburante alla speculazione su misure più drastiche. L’obiettivo della direzione e supervisore principale Wolfgang Reitzle è aumentare significativamente il valore del mercato azionario.

Commerzbank torna sul mercato nero

il Commerzbank È tornato tra i leoni nel 2021 nonostante gli alti costi di ristrutturazione del gruppo. La linea di fondo è stata un utile di 430 milioni di euro nel 2021, dopo una perdita di 2,87 miliardi di euro l’anno precedente.

La banca vuole aumentare il suo profitto combinato a oltre 1 miliardo di euro quest’anno. “Miriamo a pagare un dividendo per l’anno fiscale 2022”, ha spiegato il CEO Manfred Knauf.

Walmart ne è sicuro

La quota del più grande rivenditore al mondo, che è incluso nell’indice Dow Jones, è in controtendenza del 2,0 percento, fornendo così un raggio di speranza. Perché la forte domanda rende il colosso del commercio al dettaglio statunitense fiducioso che crescerà più fortemente del previsto nell’anno fiscale in corso da febbraio.

Nonostante l’interruzione delle catene di approvvigionamento e l’aumento dei costi, si prevede che l’utile per azione rettificato aumenterà dal cinque al sei percento e le vendite simili di poco più del tre percento. Gli analisti si aspettavano che l’utile per azione aumenterebbe del 4,4% e le entrate del 2,8%. Nel quarto trimestre dello scorso anno fiscale, le vendite di Walmart sono aumentate dello 0,5% a 152,8 miliardi di dollari, battendo le aspettative del mercato per un calo dello 0,4% a 151,53 miliardi di dollari.

Amazon espande il suo servizio cloud in Germania

Il cloud AWS di Amazon si sta espandendo in Germania con un’infrastruttura per tempi di risposta particolarmente brevi, necessari per i videogiochi cloud, lo streaming video live o la simulazione tecnologica. AWS fornisce servizi dati reattivi in ​​ulteriori “aree locali” vicino a grandi centri abitati o industriali. I primi due sono stati aperti in Germania a Berlino e Monaco di Baviera. Finora, queste “aree locali” esistevano solo in 16 città degli Stati Uniti. Ora è stato annunciato per un totale di 32 città in 26 paesi.

Numeri da record su Nvidia

Nonostante i buoni numeri commerciali, le azioni Nvidia sono scese. La necessità di chip e schede grafiche AI ​​sta portando il business dei semiconduttori di Nvidia a livelli record. Le vendite nel quarto trimestre commerciale, terminato a gennaio, sono aumentate del 53% a 7,6 miliardi di dollari. Il risultato finale è stato di 3 miliardi di dollari, poco più del doppio rispetto allo stesso trimestre dell’anno scorso.

Nel segmento dei giochi, le vendite di schede grafiche di Nvidia sono aumentate del 37% a 3,42 miliardi di dollari lo scorso trimestre. Il business dei data center è quasi altrettanto grande, con un balzo del 72% a 3,26 miliardi di dollari.