Aprile 17, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché l’autoinganno non è un problema con la negazione?

Perché l’autoinganno non è un problema con la negazione?

26 febbraio 2024, 9:21

La scienza è d’accordo – in tutto il mondo. Tuttavia, alcune persone negano il cambiamento climatico. Come potrebbe essere? Allora, ancora? La ricerca attuale mostra che la ragione ovvia non è più applicabile.

Quindi, con Galileo Galilei, ci sono voluti quattrocento anni prima che gli ultimi grandi dubbi fossero dissipati – e nel 1992, la Chiesa cattolica ha finalmente riconosciuto ufficialmente che il nostro pianeta è una sfera e ruota attorno al sole anno dopo anno. Ma forse presto la Terra tornerà ad essere piatta. Il modo in cui l'umanità li sta schiacciando adesso non durerà a lungo.

Oppure anche gli ultimi scettici riusciranno ad accettare il consenso scientifico moderno. Perché quattrocento anni, come il periodo compreso tra gli anni della creatività di Galileo e la resa della Chiesa, purtroppo non mancano finché non prevalgano le temperature medie in Germania come nella Toscana natale di Galileo. La mancanza di lungimiranza non accelera la protezione del clima. Tuttavia, permangono dubbi sul cambiamento climatico e per spegnere le aspettative: nei prossimi paragrafi non saremo in grado di spiegare in modo conclusivo perché le persone negano il cambiamento climatico. Ad un certo punto vuoi farla finita.

Questo testo è apparso per la prima volta nell’MDR Climate Update n. 129💌 GRATUITO: iscriviti all'MDR Climate Update e rimani sempre un passo avanti quando si tratta di questioni climatiche!

Ma proviamo ad avvicinarci ad esso attraverso un processo di eliminazione. Un'occasione più moderna È un'indagine Che ha condotto un interessante esperimento per scoprire quali processi svolgono un ruolo nel minimizzare la crisi climatica. La ricerca è tedesca, ma i soggetti del test provengono da un paese con una tradizione di negazione del cambiamento climatico: gli Stati Uniti.

Minimizzare il cambiamento climatico attraverso la politica, l’economia, la paura e la bolla dei filtri

Ci sono ragioni di ogni tipo che potrebbero costituire la base per qualsiasi ambiziosa minimizzazione del cambiamento climatico. Interessi politici ed economici, per esempio. C’è la sofisticata industria petrolifera, nota fin dagli anni ’70 e che ha effettivamente ridotto gli effetti della combustione di combustibili fossili. Ma anche la paura e la repressione ad essa associata possono svolgere un ruolo – oppure può esserci una vera e propria banale disinformazione. La conclusione è che in molti casi può essere una combinazione di diversi fattori a portare al rifiuto del consenso scientifico globale.

Negli Stati Uniti ce n’è almeno il 15-20% che lo fa e nega il cambiamento climatico o almeno lo minimizza notevolmente. In Germania Ne emerge un quadro un po’ più rilassato, se non del tutto unitario: nel 2019 la ARD Germany Trend Foundation è giunta alla conclusione che l’86% dei tedeschi è convinto che il cambiamento climatico sia causato dall’uomo. Anche il 60% dei sostenitori dell’AfD era d’accordo con questo, anche se all’epoca il partito nella sua piattaforma elettorale europea dubitava che l’uomo fosse la causa del riscaldamento globale. In un altro sondaggio di Deutschlandtrend della primavera del 2023, la crisi climatica è stata identificata come il problema più importante della politica tedesca. Allo stesso tempo lo ha dimostrato Studio condotto dalla Fondazione Friedrich Ebert Nell’estate del 2022, un quarto dei 2.000 tedeschi intervistati era favorevole all’idea cospirativa secondo cui i ricercatori stavano esagerando sul cambiamento climatico per ottenere più soldi e riconoscimento.


Credito immagine: MDR WISSEN

Questo trimestre è coerente con i risultati di un sondaggio YouGov relativo al rifiuto del cambiamento climatico dovuto all’attività umana (vedi grafico). Da un sondaggio rappresentativo condotto dall'Agenzia federale dell'ambiente è emerso che il 91% degli intervistati è favorevole in linea di principio a una ristrutturazione dell'economia rispettosa dell'ambiente e del clima. Ma il 9% mancante è una percentuale significativa nella Germania densamente popolata.

Di nuovo fuori. Negli Stati Uniti, dove il trasporto interno a lunga distanza è assicurato principalmente dall’aviazione e il rubinetto viene lasciato deliberatamente aperto quando ci si lava i denti, una nuova ricerca suggerisce un’altra ipotesi oltre a quella menzionata all’inizio sul perché le persone non pensano molto sulla scienza del clima: autoinganno. “È più facile per me guidare un grande SUV se non credo davvero nel cambiamento climatico. Quindi è fondamentalmente una scusa per giustificare meglio il mio comportamento.” Questo è ciò che afferma Florian Zimmermann, che studia il comportamento delle persone in determinati scenari economici presso l'Università di Bonn. Zimmerman e il suo team volevano sapere come questo autoinganno potesse portare alla negazione del cambiamento climatico.

Protezione del clima: donare denaro o paghetta?

Più specificamente, quando le persone agiscono in modo dannoso per il clima, dovrebbero usare l’autoinganno come strumento per giustificare il proprio comportamento – e in definitiva convincersi che il cambiamento climatico non esiste? Questa ipotesi era almeno all'inizio della ricerca alla quale hanno partecipato 4.000 americani. I soggetti del test hanno dovuto affrontare un compito, ad esempio, piuttosto complesso: avevano a disposizione quaranta dollari. Ora è il momento di decidere quale delle due organizzazioni per la protezione del clima molto simili riceverà questa donazione di 40 dollari. I soggetti del test sono stati divisi in due gruppi, uno dei quali è riuscito a disegnare un clown in più: raccogliere denaro da soli.


Molte persone negano ancora il cambiamento climatico
Credito immagine: imago/Westend61

esattamente. Alcuni soggetti del test potevano sovvertire la loro intenzione di donare già dichiarata. Zimmerman: “L'idea alla base è che possono farlo in buona coscienza solo se hanno una scusa per farlo. Una scusa che minimizzi il cambiamento climatico o in qualche modo neghi che il cambiamento climatico sia effettivamente causato dall'uomo.” I ricercatori ora volevano scoprire se la prospettiva di donare crea quella che viene chiamata dissonanza cognitiva nella stanza al piano superiore. Esempio dall'inizio: “Prendi qualcuno a cui piace davvero guidare un grande SUV. Questa persona è assolutamente convinta che il cambiamento climatico sia causato dall'uomo.” Ma c'è proprio questa grande voglia di guidare questa grande macchina, anche se la persona sa che non è una buona idea quando si parla di cambiamento climatico. A questo punto diventa dissonante nella mia testa: “Il modo in cui posso ridurre questa dissonanza ora è dire a me stesso: OK, chi conosce esattamente il cambiamento climatico”.

Creare il proprio interesse non significa negare il cambiamento climatico

Invece di un SUV in garage, l'esperimento ha dato in mano quaranta dollari. (Negli Stati Uniti, un paese con carburante a buon mercato, questo è quasi sufficiente per riempire il serbatoio di un SUV!) Ora dovevamo scoprire, confrontando con il secondo gruppo, se l’autoinganno è uno strumento comune per giustificare comportamenti distruttivi per il clima. Se stesso – Se stesso. Per determinarlo, Zimmerman e il suo team avevano bisogno di un qualche tipo di misurazione e hanno utilizzato uno studio che esaminava la misura in cui alcuni ricercatori climatici ritengono che il cambiamento climatico sia causato dall’uomo. Primo: lo studio conferma che non ci sono dubbi. Ma forse con soggetti di prova. Non conoscevano i risultati dello studio e ora devono stimare quanti ricercatori ne fossero davvero sicuri. Se avevano ragione, ricevevano una piccola ricompensa, una ricompensa, per così dire, per aver fornito risposte basate sui fatti. Questa era una misura di quante persone dubitavano veramente del cambiamento climatico causato dall’uomo.

È più facile per me guidare un grande SUV se non credo davvero nel cambiamento climatico.

Florian Zimmermann | Università di Bonn

Eccolo: confrontando i risultati dei due gruppi significa che i ricercatori non sono riusciti a confermare la loro ipotesi sull'autoinganno. “Non abbiamo trovato prove che le persone che hanno deciso di danneggiare il clima a proprio vantaggio fossero più propense a negare il cambiamento climatico”, afferma Florian Zimmermann, che inizialmente ne è rimasto sorpreso. Ciò non significa che non esista una percezione errata del cambiamento climatico, “ma tale percezione errata non sembra ora essere il risultato di persone che cercano una scusa per il loro comportamento distruttivo per il clima”.

Ridurre la polarizzazione politica anziché aumentarla

Ma se l’autoinganno è in realtà un fattore molto importante nella negazione del cambiamento climatico, allora la politica e la società avranno un grosso problema, e quindi un altro problema. Zimmerman afferma che le persone sono molto brave a ingannare se stesse. Invece, lui e il suo team sono riusciti a vedere che la negazione del cambiamento climatico è legata alle preferenze politiche, quindi può far parte dell’identità politica. Un’opinione fissa che fa parte dell’identità politica non può essere cambiata. Lo sappiamo anche da altri campi, ad esempio dal rifiuto di nuove procedure di modifica del genoma (ingegneria genetica verde) tra le persone con un’identità verde di sinistra o dal rifiuto del limite di velocità sulle autostrade tedesche tra le persone con un’identità liberale conservatrice.

“C’è molto da dire a favore della riduzione della polarizzazione politica come società piuttosto che del suo aumento”, afferma Florian Zimmermann. Perché la polarizzazione a sua volta porta al rafforzamento delle diverse identità, il che non sembra molto utile. Prevenire la negazione del cambiamento climatico inizia con l’imparare a mitigare i fronti politici. È così semplice o così complicato.

Lo studio: un esperimento rappresentativo di negazione motivata del cambiamento climatico è stato pubblicato il 2 febbraio 2024 sulla rivista Nature Climate Change.

ID digitale: 10.1038/s41558-023-01910-2

Questo argomento nel programma:MDR attuale | 24 febbraio 2024 | 14:00

Mostra tutto

Mostra tutto