Febbraio 24, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché il prezzo del carburante è improvvisamente diventato un freno all’inflazione

Perché il prezzo del carburante è improvvisamente diventato un freno all’inflazione

Aggiornato il 07/03/2023 13:40

  • Un anno fa, i prezzi del carburante hanno scioccato gli automobilisti tedeschi.
  • Ora fungono da freno all’inflazione, semplicemente perché la situazione si è in una certa misura normalizzata.
  • E potrebbero scendere ulteriormente nei prossimi mesi.

Altre notizie sull’economia

Dopo un anno di aumento significativo all’inizio della guerra in Ucraina, i prezzi del carburante sono parzialmente tornati alla normalità. Anche se rimane a un livello elevato in un confronto a lungo termine, è probabile che riduca l’inflazione nei prossimi mesi. Perché quello che attualmente viene spinto alle pompe sembra quasi un affare rispetto ai valori di un anno fa.

Nel marzo 2022, sotto l’influenza della guerra, tutti i record del prezzo del carburante vengono battuti. Secondo i dati dell’Abu Dhabi Airports Company, il 7 marzo, il valore di 2 euro al litro di Super E10 e diesel è stato superato per la prima volta nella media giornaliera nazionale. Il 10 marzo il gasolio ha toccato il massimo storico di 2,321 euro al litro sulla media giornaliera nazionale. Il record E10 è stato raggiunto il 14 marzo con 2.203€.

I prezzi del carburante sono attualmente molto più bassi

© Marijane Mourad/DPA

I prezzi sono attualmente ben al di sotto dei livelli del 2022

I prezzi sono attualmente molto più bassi di quello. A febbraio, la benzina E10 premium e il diesel costano ciascuno 1.754 euro al litro sulla base di una media mensile nazionale, come determinato dall’ADAC. Se i prezzi fossero gli stessi a marzo, il diesel costerebbe circa il 18% in meno e la benzina premium circa il 15% in meno rispetto allo stesso mese dell’anno scorso.

Questo sarà così evidente che si rifletterà nel tasso di inflazione. Dopo la nuova ponderazione dell’IPC recentemente introdotta, è stato calcolato un effetto di smorzamento di circa mezzo punto percentuale.

Leggi anche: Inflazione in Germania: da dove vengono gli aumenti dei prezzi e cosa si può fare al riguardo

Juergen Albrecht, esperto del mercato dei carburanti presso l’Abu Dhabi Airports Company, afferma che dall’autunno c’è stata una graduale normalizzazione della benzina. “Se lo confronti con il prezzo del petrolio e il tasso di cambio dell’euro, è ancora abbastanza alto, ma la rottura con i prezzi estremi è finita”.

Tuttavia, il diesel non è da meno, anche se il carburante è più economico della benzina almeno da metà febbraio. “Ma la differenza di prezzo tra diesel e benzina è ancora molto piccola”, sottolinea Albrecht. “Qui c’è più aria che benzina.”

L’esperto ADAC vede ancora il potenziale di ribasso dei prezzi

Nel complesso, Albrecht vede ancora un potenziale al ribasso per entrambi i carburanti. “A differenza di parti dello scorso anno, i prezzi del carburante sono ancora una volta più correlati al prezzo del petrolio”, afferma. “Non credo che sia molto probabile che salirà bruscamente. Se le forze della concorrenza entrano in gioco e non accade nulla di straordinario, il carburante potrebbe diventare più economico nei prossimi mesi”.

Questo vale soprattutto per il gasolio, da un lato perché i prezzi sono ancora piuttosto alti rispetto al carico fiscale, e dall’altro perché la fine della stagione di riscaldamento spesso rende il gasolio un po’ più economico. Tuttavia, le riduzioni dei prezzi devono essere imposte attraverso la concorrenza, sottolinea Albrecht e sostiene un rifornimento consapevole a basso costo.

“Le compagnie petrolifere non comprometteranno volontariamente i propri margini”. È ancora difficile prevedere come si manterranno i prezzi del carburante nella seconda metà dell’anno. Probabilmente dipenderà principalmente dal prezzo del petrolio, come prima.

Nel 2022, nonostante i prezzi più alti, viene utilizzata la stessa quantità di carburante di prima

A proposito, nonostante i prezzi più alti, il consumo di carburante nel 2022 non sarà inferiore a quello degli anni precedenti. I dati annuali per le consegne di carburante recentemente riportati dall’Ufficio federale per l’economia e il controllo delle esportazioni (BAFA) mostrano un aumento della benzina rispetto ai due anni di pandemia 2020 e 2021.

Per il diesel, il livello è sostanzialmente invariato. In particolare nel caso della benzina, le conseguenze dell’allentamento del coronavirus e dell’aumento dei viaggi hanno chiaramente compensato gli effetti dei prezzi più alti. Ma prima di Corona, il consumo di entrambi i carburanti era molto più alto.
© dpa

Immagine teaser: © Marijane Murad / dpa