Maggio 16, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché il pancreas fallisce nel diabete di tipo 1?

Nel diabete di tipo 1, il corpo attacca il pancreas. Formando anticorpi, i cosiddetti autoanticorpi e autoanticorpi, distruggono specifiche cellule del pancreas.

La distruzione di queste cellule beta impedisce la produzione di insulina nel corpo e questo a sua volta impedisce il trasferimento di zucchero dal sangue alle cellule. Quali sono i fattori di rischio noti che possono favorire lo sviluppo del diabete di tipo 1.

Diabete di tipo 1: il corpo combatte se stesso

Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune e di solito si verifica durante l’infanzia e l’adolescenza. Il sistema immunitario del corpo è mal indirizzato contro le cellule del corpo, in questo caso le cellule beta del pancreas (pancreas) e l’insulina che produce. Le persone colpite devono quindi assumere insulina ogni giorno in modo che possano elaborare il cibo che mangiano e abbassare i livelli di zucchero nel sangue.

Fattori di rischio per il diabete di tipo 1

È ancora in gran parte sconosciuto il motivo per cui il corpo classifica erroneamente le cellule beta del pancreas e l’insulina che produce come cellule “ostili” e le danneggia. Tuttavia, sono noti alcuni fattori di rischio che, allo stato attuale delle conoscenze, aumentano la probabilità di sviluppare il diabete di tipo 1:

  • influenze genetiche
  • Alcuni geni di rischio
  • Malattie infettive
  • Tossine dall’ambiente
  • Nascita per taglio cesareo
  • Dare ai bambini cibi contenenti glutine troppo presto

influenze genetiche di diabete di tipo 1

La predisposizione genetica aumenta significativamente il rischio di sviluppare malattie. Il diabete di tipo 1 è frequente in alcune famiglie. Se tua madre, tuo padre, tuo fratello o tua sorella hanno il diabete di tipo 1, il tuo rischio di sviluppare la malattia è circa 15 volte maggiore di quello di un’influenza familiare. I bambini nati da padri con diabete di tipo 1 hanno il doppio delle probabilità di avere una malattia metabolica rispetto ai bambini nati da madri con diabete di tipo 1. Se entrambi i genitori sono malati, il rischio di sviluppare la malattia è di circa il 25%. Ma: avere una predisposizione genetica non significa automaticamente che il diabete di tipo 1 si diffonderà in ogni caso.

READ  Sei tu la mente? Risolvi questo compito per gli alunni di quinta elementare

“È importante sapere che non è un singolo fattore a causare il diabete di tipo 1. Di solito ci sono diversi fattori che giocano un ruolo. E la predisposizione genetica è il più importante. Oltre ad alcuni fattori ambientali, il rischio di sviluppare la malattia aumenta”, spiega il dott. Martin Scherm, uno scienziato dell’Institute for Diabetes Research (IDF) di Helmholtz-Zentrum Monaco di Baviera. “Una volta formati gli autoanticorpi contro specifici antigeni pancreatici, come l’insulina, il diabete è inevitabile. Tuttavia, non è chiaro quando si manifesti la malattia metabolica. Questo può essere qualche mese dopo lo sviluppo degli autoanticorpi, ma a volte solo molti anni dopo”.

(Fonte: privato)
Medico. re.r. bagnato. Martin Sherm
È uno scienziato nel gruppo di lavoro sulla tolleranza immunitaria presso l’Institute for Diabetes Research (IDF) di Helmholtz-Zentrum Monaco di Baviera. L’IDF si concentra sullo sviluppo e la prevenzione del diabete di tipo 1. L’IDF lavora per ritardare o addirittura prevenire la malattia.

fattori di rischio Per il diabete di tipo 1

Le persone con una storia familiare che portano anche geni di rischio hanno un rischio maggiore di sviluppare il diabete di tipo 1. Secondo il Centro tedesco per la ricerca sul diabete (DZD), il diabete di tipo 1 è una malattia poligenica. Ciò significa che molti geni diversi sono coinvolti nello sviluppo del “diabete”.

“Non esiste un solo gene di rischio. Ad oggi sono stati identificati molti geni correlati a malattie. Il rischio di sviluppare il diabete di tipo 1 può essere determinato con l’aiuto dello screening, in cui viene prelevata una piccola goccia di sangue dai bambini, per esempio come parte di una visita medica “‘Se da tale screening viene stabilito che un bambino è a maggior rischio di malattia o addirittura di autoanticorpi nel sangue”, dice Scheer, “il bambino può essere curato e curato in modo ottimale fin dal inizio. Questo può prevenire l’iperglicemia pericolosa per la vita, che può verificarsi in tempi relativamente brevi e senza preavviso. Anche i bambini e i genitori colpiti ricevono informazioni e consigli dettagliati. Ci sono anche nuovi tentativi di trattamento per prevenire la progressione della malattia. Le famiglie interessate possono partecipare a tali studi”.

READ  Meißen: l'incidenza scende sotto la soglia del 2000

processi immunitari di diabete di tipo 1

L’effettivo sviluppo della malattia dipende dai processi immunitari. Il diabete di tipo 1 è indicato come una malattia autoimmune perché il sistema immunitario attacca e distrugge le cellule del pancreas che producono insulina nel corpo – più precisamente le cellule beta nelle isole di Langerhans -. attacchi cellule T Porta a un processo infiammatorio cronico, che porta alla morte di alcune o tutte le cellule beta. La produzione di insulina si interrompe. Se la quantità di insulina scende a un certo livello, la malattia si diffonde. Alcune variabili esterne influenti possono favorire una cattiva gestione.

L’effetto degli enterovirus sul rischio di diabete

“Il sistema immunitario svolge un ruolo importante nello sviluppo del diabete di tipo 1. Tra le altre cose, è possibile che le difese dell’organismo siano mal indirizzate a causa di malattie infettive. Gli studi attuali indicano un rischio per gli enterovirus, in particolare i Coxsackievirus”, spiega Ricercatore sul diabete. “Nei topi, l’iperglicemia può essere indotta da un’infezione mirata con questi virus. I meccanismi sottostanti non sono stati delucidati in modo definitivo, compresa la misura in cui il virus stesso porta all’infiammazione e al danno tissutale nel pancreas, che a sua volta può innescare il sistema immunitario . “sistema di rispondere in modo eccessivo.”

La maggior parte delle infezioni causate dagli enterovirus sono asintomatiche e non vengono notate dalle persone infette. Tuttavia, gli enterovirus possono anche causare malattie febbrili non specifiche, che a volte sono associate a eruzioni cutanee. Possono anche causare una serie di malattie, come malattie respiratorie come “influenza estiva”, meningite asettica (meningite) o miocardite virale (infiammazione del muscolo cardiaco).

READ  Segnali di pericolo di arterie ostruite: come riconoscere l'aterosclerosi

Ruolo fattori ambientali nello sviluppo del diabete di tipo 1

Oltre ai virus, si sospetta che altre influenze ambientali aumentino il rischio di sviluppare il diabete di tipo 1. “Questi fattori includono l’inquinamento atmosferico, alti livelli di ozono, solfati nell’aria e nitrosammine. Tuttavia, non ci sono prove conclusive”, spiega Scherm. “Si è discusso anche del fumo passivo come fattore accelerante”.

Ci sono anche prove che un parto cesareo può aumentare il rischio di diabete di tipo 1 nei bambini che hanno una predisposizione genetica. Anche l’alimentazione di cibi contenenti glutine prima dei tre mesi è considerata un fattore di rischio. Ma anche qui mancano studi scientifici che lo dimostrino al di là di ogni ragionevole dubbio. “Non è inoltre chiaro se il glutine svolga un ruolo, come avere un alto livello di attivazione immunitaria, o se una dieta ipercalorica possa mettere sotto stress il pancreas”, afferma Schirm. “C’è ancora molta ricerca da fare, anche in termini di misure preventive. Finora non è possibile prevenire l’insorgenza della malattia. Anche il diabete di tipo 1 non è ancora curabile”.

nota importante: Le informazioni non sostituiscono in alcun modo la consulenza o il trattamento professionale da parte di medici qualificati e riconosciuti. Il contenuto di t-online non può e non deve essere utilizzato per fare diagnosi o iniziare un trattamento in modo indipendente.