Luglio 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Per la prima volta in 90 anni: GM non è più leader nel mercato statunitense

Per la prima volta in 90 anni
General Motors non è più all’avanguardia nel mercato statunitense

La crisi dei chip colpisce alcune case automobilistiche più di altre. Ad esempio, General Motors dovrà accettare un forte calo delle vendite negli Stati Uniti nell’ultimo trimestre del 2021. Durante l’intero anno, il più grande produttore statunitense ha perso la sua posizione ai vertici del mercato nazionale.

La persistente carenza di chip e i problemi nelle catene di approvvigionamento hanno rallentato le vendite di auto negli Stati Uniti entro la fine dell’anno. Il più grande produttore statunitense General Motors (GM) ha subito una recessione particolarmente grave e per la prima volta in 90 anni ha perso la sua posizione di fornitore più venduto nel suo mercato interno. Con circa 2,3 milioni di veicoli venduti in tutto il 2021, il colosso giapponese Toyota ha venduto circa 114.000 nuove auto ai clienti negli Stati Uniti rispetto a General Motors, conquistando così la leadership di mercato.

Motori Generali (GM) 65,74

Secondo le sue stesse dichiarazioni di martedì, GM ha dovuto fare i conti con un calo del 43% delle vendite nell’ultimo trimestre. Nel complesso, il gruppo ha venduto circa 2,2 milioni di veicoli negli Stati Uniti nel 2021, il 13% in meno rispetto all’anno precedente. Toyota ha gestito meglio la crisi dei chip e ha aumentato le sue vendite negli Stati Uniti nel 2021 di circa il dieci percento anno su anno. Secondo i dati della rivista di settore statunitense Automotive News, questa è la prima volta dal 1931 che un altro produttore statunitense ha venduto più auto di General Motors in un anno solare.

Tra le case automobilistiche tedesche, solo la BMW ha riportato finora i risultati del quarto trimestre e dell’intero anno. L’azienda con sede a Monaco di Baviera ha aumentato le vendite del suo marchio principale con le tre lettere nel mercato statunitense nel 2021 di quasi il 21% a 336.644 nuovi veicoli. Ma negli ultimi tre mesi dell’anno c’è stato un calo delle vendite di quasi il 6%. La Mini di BMW ha registrato un aumento del 6,4% delle vendite nell’intero anno scorso, anche se è sceso dell’8% nell’ultimo trimestre.

Il chiaro vincitore è Tesla

Non tutti i produttori hanno ancora pubblicato i loro numeri, ad esempio Ford vuole farlo mercoledì e Volkswagen venerdì. Quello che è certo è che molte case automobilistiche hanno lottato nel mercato statunitense lo scorso anno. L’industria spera in una rapida fine della crisi dei chip, che sta ostacolando gravemente gli affari nonostante la buona domanda. Tuttavia, gli esperti ritengono che i problemi potrebbero durare un po’ più a lungo. “È improbabile che le vendite accelerino fino alla seconda metà del 2022”, afferma Chris Hobson della società di analisi IHS Markit.

Ma c’è anche un chiaro vincitore nella crisi del 2021: Tesla. E mentre la concorrenza è in ritardo tra i colli di bottiglia nella fornitura di chip, la società di auto elettriche ha aumentato le sue vendite mondiali rispetto all’anno precedente dell’87 percento. Complessivamente, il gruppo dell’imprenditore superstar Elon Musk ha consegnato 936.000 buone auto elettriche secondo le informazioni di domenica: una crescita impressionante, ma il numero assoluto rispetto a concorrenti noti come Toyota, Volkswagen, General Motors o Ford è ancora molto basso.

READ  Massiccia inversione di tendenza per i clienti: le azioni Netflix scendono ulteriormente