Marzo 4, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Paura di ritorsioni statunitensi?: Sembra che gli ufficiali iraniani stiano lasciando i loro posti in Siria

Paura di ritorsioni statunitensi?: Sembra che gli ufficiali iraniani stiano lasciando i loro posti in Siria

Teme ritorsioni da parte degli Stati Uniti?
Sembra che gli ufficiali iraniani stiano lasciando i loro posti in Siria

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

L’attacco mortale di droni contro una base americana in Giordania mette in allerta anche la Guardia rivoluzionaria iraniana di stanza in Siria. Secondo l’Osservatorio per i diritti umani, i comandanti militari stanno riducendo la loro presenza nella regione. Le operazioni saranno coordinate da remoto.

Secondo gli attivisti, in previsione di un attacco americano, gli ufficiali della Guardia rivoluzionaria iraniana di stanza in Siria hanno evacuato le loro posizioni. L’Osservatorio siriano per i diritti umani con sede a Londra ha affermato che gli alti comandanti hanno lasciato le loro posizioni lungo il confine siriano-iracheno. Alcuni di loro si sono trasferiti nella capitale siriana, Damasco. Alcuni di loro sono andati a Teheran, in Iran. I membri di grado inferiore della Guardia rivoluzionaria iraniana sono ancora di stanza nel governatorato di Deir al-Sour, nella Siria orientale, o hanno cambiato posizione all’interno delle loro regioni.

Il governo di Teheran non prevede di ritirarsi completamente dalla Siria, come ha appreso l'agenzia di stampa Reuters da un totale di cinque persone informate dei fatti. Tuttavia non vuole essere coinvolta direttamente nel conflitto nella regione. Anche in questo caso, fonti informate indicano che i comandanti di alto rango si sono ritirati, insieme a dozzine di ufficiali di medio rango. Non è stato fornito alcun numero specifico.

Secondo un insider, le restanti guardie hanno lasciato i loro uffici e stanno evitando il pubblico. Ha aggiunto: “Gli iraniani non rinunceranno alla Siria, ma hanno ridotto il più possibile la loro presenza e i loro movimenti”. Le operazioni in Siria saranno ora gestite a distanza con l’aiuto delle milizie libanesi Hezbollah alleate.

Secondo l’Osservatorio, i siti nella regione di confine siro-irachena sono stati consegnati alle milizie alleate con l’Iran. Hanno ricevuto l'ordine di non lanciare attacchi alle basi americane nella regione. Attivisti locali di Deir al-Sour hanno riferito all'agenzia di stampa tedesca che vi è uno stato di massima allerta nelle posizioni delle milizie filo-iraniane nella regione. Al momento queste informazioni non possono essere verificate in modo indipendente. L’Iran non ha rilasciato dichiarazioni ufficiali al riguardo.

Biden minaccia ritorsioni

Lo sfondo è un attacco di droni in Giordania, vicino al confine siriano, in cui domenica tre soldati americani sono stati uccisi e molti altri sono rimasti feriti. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha accusato dell’attacco “gruppi armati estremisti sostenuti dall’Iran” e ha minacciato ritorsioni. L’Iran ha negato qualsiasi coinvolgimento.

L’Iran è stato il principale sostenitore del presidente siriano Bashar al-Assad dallo scoppio della guerra civile siriana nel 2011. La Guardia rivoluzionaria iraniana arrivò in Siria dieci anni fa per sostenere il presidente Bashar al-Assad nella guerra civile. Da dicembre, più di sei dei suoi membri sono stati uccisi nei raid israeliani, compreso un generale di alto rango dell'intelligence.