Maggio 22, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Patrono della cultura turca: Kavala dovrebbe andare in prigione a vita

A partire da: 25/04/2022 21:01

Un tribunale di Istanbul ha condannato Kavala, promotore della cultura, all’ergastolo per aver tentato di rovesciare il governo. Kavala era stato precedentemente incarcerato senza pena per più di quattro anni, nonostante le proteste internazionali.

Un tribunale di Istanbul ha condannato all’ergastolo il promotore culturale turco Osman Kavala. I tre giudici hanno emesso una sentenza contro la donna di 64 anni per aver tentato di rovesciare il governo senza possibilità di libertà condizionale.

Altri sette imputati, comparsi in tribunale contemporaneamente all’editore e al miliardario, sono stati condannati a 18 anni di carcere. Sono stati accusati di sostenere Kavala.

Kavala è stato imprigionato nel carcere di massima sicurezza di Sivreli vicino a Istanbul senza una condanna per più di quattro anni. L’uomo d’affari è stato originariamente arrestato nel 2017 per aver finanziato e organizzato le proteste di Gezi del 2013 a Istanbul contro il governo del presidente Recep Tayyip Erdogan.

Arresto 2020, poche ore dopo la sua assoluzione

Nel febbraio 2020, un tribunale lo ha assolto dall’accusa e Kavala è stato rilasciato dal carcere, ma è stato nuovamente arrestato poche ore dopo, questa volta in connessione con il tentato colpo di stato contro Erdogan nel 2016 e con l’accusa di spionaggio.

Secondo l’accusa, le accuse nel procedimento erano un tentativo di colpo di stato in connessione con le proteste di Gezi del 2013 e “spionaggio politico e militare” in connessione con il tentativo di colpo di stato del 2016. Kavala è stato assolto dall’accusa di spionaggio. Lo stesso Kavala ha sempre negato tutte le accuse.

Turbativa diplomatica tra Turchia e Unione Europea

Il caso ha suscitato aspre critiche internazionali nei confronti della Turchia. Per questo il Paese rischia l’espulsione dal Consiglio d’Europa. La Corte europea dei diritti umani aveva già ordinato il rilascio dell’attivista per i diritti umani nel 2019 e classificato la detenzione come motivata politicamente.

Alla fine del 2021 è scoppiato uno scandalo diplomatico dopo che dieci ambasciatori in Turchia – compreso quello tedesco – hanno scritto una lettera chiedendo il rilascio di Kavala. Il presidente Recep Tayyip Erdogan ha visto questa come un’interferenza inaccettabile e ha minacciato l’espulsione dei diplomatici.

temere il centro della penna

La società tedesca degli autori PEN-Zentrum ha risposto con orrore al verdetto. “Questo processo è stato e rimane un processo politico privo dello stato di diritto, con accuse sorprendentemente ridicole anche per gli standard turchi”, ha affermato il cancelliere Deniz Yucel.

Il governo federale è molto critico nei confronti della sentenza

Il ministro degli Esteri tedesco Annalena Barbock ha affermato che la sentenza “contraddice palesemente gli standard dello stato di diritto e gli obblighi internazionali che la Turchia ha in quanto membro del Consiglio d’Europa e candidato all’adesione all’UE”. Berlino si aspetta il rilascio immediato di Kavala.

Il ministro della Cultura Claudia Roth ha definito la decisione del tribunale di Istanbul “assurda, ingiustificata sotto tutti gli aspetti e chiaramente motivata politicamente”. Si tratta di “una combinazione di vendetta personale contro Osman Kavala e una dichiarazione di guerra a qualsiasi forma di potenziale cultura democratica in Turchia”.

READ  Come Kim Jong Un si aggrappa al potere in Corea del Nord

Secondo Amnesty International, la sentenza mostra “che i principi dello stato di diritto non contano in Turchia”. Attivisti per i diritti umani hanno descritto la sentenza come “puro arbitrario”. Kavala è stato accusato per la prima volta di presunta responsabilità per le proteste di Gezi nell’estate del 2013. Dopo essere stato assolto da queste accuse all’inizio del 2020, i pubblici ministeri hanno presentato nuove accuse di presunto coinvolgimento nel tentativo di colpo di stato del 2016 e nello spionaggio.