Febbraio 6, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Parigi: tre morti per colpi di arma da fuoco – disordini durante una manifestazione

nDopo la sparatoria mortale vicino a un centro culturale curdo a Parigi, venerdì sono scoppiati scontri tra manifestanti curdi e polizia. Le riprese televisive mostravano la polizia che usava gas lacrimogeni. “Un gruppo di persone ha aggredito le forze dell’ordine e ha lanciato contro di loro dei proiettili. La manifestazione, fino a quel momento pacifica, si è intensificata”, ha riferito il corrispondente del quotidiano francese Le Parisien.

Venerdì, un uomo ha aperto il fuoco contro un vicino centro della comunità curda, un ristorante e un parrucchiere. Tre persone sono morte e tre sono rimaste ferite. Il presunto colpevole è stato arrestato ed è rimasto anche ferito. Secondo il ministro dell’Interno Gerald Darmanin, voleva attaccare gli alieni. Non è chiaro se volesse esplicitamente attaccare i curdi. D’altra parte, il presidente francese Emmanuel Macron ha parlato di un attacco deliberato ai curdi. “I curdi in Francia sono stati l’obiettivo di un ignobile attentato nel centro di Parigi”, ha scritto in serata il capo dello Stato su Twitter. I suoi pensieri sono con le vittime e le loro famiglie.

Qui troverai i contenuti di Twitter

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

La Francia vuole proteggere i luoghi di ritrovo curdi dopo l’attacco. Il ministro dell’Interno francese Darmanin ha affermato che le guardie dovrebbero essere dispiegate nei luoghi in cui la comunità curda si riunisce in tutto il paese. Anche le missioni diplomatiche turche nel Paese devono essere protette per evitare contrattacchi. Dopo il crimine di venerdì, i manifestanti curdi hanno incolpato la Turchia.

Gli agenti di polizia in una nuvola di gas lacrimogeno

Fonte: dpa / Lewis Joly

Secondo le informazioni della Procura della Repubblica, l’indiziato arrestato è un francese di 69 anni. Si dice che abbia ferito due migranti con un coltello e distrutto diverse tende a Parigi circa un anno fa. “I potenziali motivi razziali dell’autore saranno oggetto di indagine”, ha dichiarato il procuratore Lori Pekwaw.

Le notizie di colpi di arma da fuoco sparati per strada evocano ricordi oppressivi degli attacchi jihadisti del 2015 a Parigi. Tuttavia, in questo caso, l’autore è stato accusato di aver commesso violenze xenofobe in passato. Il pubblico ministero ha detto che è stato recentemente scarcerato. Non è nella lista delle persone vulnerabili dei servizi segreti locali.

Parigi: morti per arma da fuoco (23.12.2022)

Fonte: dpa / dpa-infographic GmbH

Il primo ministro Elizabeth Borne ha descritto l’attacco come un “atto orribile” e ha espresso le sue condoglianze alle famiglie delle vittime. Il sindaco Anne Hidalgo ha scritto su Twitter che il sospettato era un estremista di destra. “La comunità curda, e attraverso di essa tutti i parigini, sono stati l’obiettivo di queste uccisioni da parte di un attivista di estrema destra”, ha detto Hidalgo. “I curdi, ovunque si trovino, dovrebbero poter vivere in pace e sicurezza. Parigi è al loro fianco più che mai in queste ore buie”.

La Procura indaga su omicidi e gravi violenze. Responsabile iniziale è la brigata antiterrorismo della polizia giudiziaria, non la Procura della Repubblica per il terrorismo, che inizialmente si è recata sul luogo del delitto.

“Ci sono stati sette o otto colpi, c’è stato il panico”.

Secondo le informazioni ricevute dal Centro curdo per le pubbliche relazioni con sede a Berlino, al momento del crimine si stava svolgendo un incontro preparatorio per una manifestazione presso il Centro curdo di Parigi. All’inizio non era chiaro se ci fosse effettivamente una connessione.

I colpi sono stati esplosi in una stradina del 10° arrondissement. “Abbiamo visto un vecchio bianco che è andato al centro curdo e ha sparato lì”, ha detto ad AFP uno chef di un ristorante vicino. Poi l’uomo è scappato dal parrucchiere della porta accanto. “Ci siamo rivolti al personale del ristorante”, ha detto.

La polizia ha transennato la strada dopo il delitto

La polizia ha transennato la strada dopo il delitto

Fonte: Getty Images / Kiran Ridley

Gli investigatori hanno esaminato la scena del crimine

Gli investigatori hanno esaminato la scena del crimine

Fonte: Reuters

“Ho visto due poliziotti entrare in un parrucchiere dove due persone giacevano a terra con ferite alle gambe”, ha detto uno dei residenti. “Ci sono stati sette o otto colpi e c’è stato il panico”, ha detto un testimone oculare.

Emmanuel Gregoire, che lavora con il sindaco di Parigi, ha ringraziato le forze di sicurezza per la loro rapida azione. I suoi pensieri sono con le vittime ei testimoni dell’attacco. Il sindaco del distretto voleva andare sul posto. Anche il sindaco di Parigi Anne Hidalgo ha reso omaggio alle vittime e alle loro famiglie. Un servizio di supporto psicologico sarà istituito nell’edificio municipale del decimo arrondissement.

Dieci anni fa, i curdi a Parigi subirono un attentato

I colpi mortali sparati contro un centro comunitario curdo hanno riportato alla memoria un attentato contro i curdi nella capitale francese dieci anni fa. Il 10 gennaio 2013, tre attivisti curdi sono stati uccisi presso il Kurdistan Information Center di Parigi, tra cui Sakin Kansiz, membro fondatore del fuorilegge Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK).

“Dieci anni dopo l’uccisione di tre attivisti curdi nel 10° arrondissement, il Centro Culturale Ahmed Kaya e la comunità curda nella nostra regione sono stati ancora una volta vittime di un attacco mortale”, ha scritto su Twitter il senatore francese Remy Feraud. “Ricorda le vittime e mostra la tua solidarietà ai curdi. Restiamo uniti”.

Dopo l’attentato di dieci anni fa, Turki era l’unico sospettato sotto processo a Parigi. È morto in prigione nel 2016 prima che fosse emesso un verdetto. I risultati dell’epoca indicavano che gli agenti turchi del MIT erano coinvolti nella preparazione dell’assassinio.

READ  Aumento improvviso: i casi Corona raddoppiano in Sudafrica