Novembre 26, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Pagare in rubli solo per la prima volta: la Russia è sulla buona strada per un fallimento nazionale “artificiale”.

Il primo pagamento è solo in rubli
La Russia è sulla via del fallimento nazionale “artificiale”.

Nonostante la guerra e le sanzioni occidentali, finora la Russia ha servito puntualmente i suoi creditori esteri in dollari USA, anche oggi. Per la prima volta, il Ministero delle Finanze paga una tranche in rubli, che è considerata un’inadempienza. La Russia ha riserve di valuta estera più che sufficienti.

Per la prima volta, la Russia ha saldato il debito estero solo in rubli invece che in dollari USA. In totale, si riferisce a pagamenti di Eurobond per oltre $ 649,2 milioni (€ 595,3 milioni). Questa volta, il ministero delle Finanze russo ha convertito l’importo, che doveva già essere pagato in dollari, in rubli dopo che una banca corrispondente americana si è rifiutata di eseguire l’ordine di pagamento in valuta statunitense. Sullo sfondo ci sono le sanzioni occidentali contro la guerra russa in Ucraina.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che non vi è alcun motivo per il fallimento nazionale. “La Russia ha tutte le risorse di cui ha bisogno per ripagare il suo debito estero”, ha detto. Tuttavia, la Banca centrale russa non ha accesso a una parte significativa delle riserve. Peskov si è lamentato del fatto che “grandi quantità delle nostre riserve” erano state congelate e bandite all’estero. Peskov ha affermato che se questa situazione persiste, la Russia dovrà passare ai pagamenti in rubli. E un “fallimento artificiale” può essere realizzato solo se sono vietati anche i pagamenti in rubli.

Mercoledì, la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki ha affermato che Mosca aveva la possibilità di scegliere tra esaurire le preziose riserve di valuta estera a cui aveva ancora accesso o dichiararla bancarotta nazionale. Dato l’accesso estremamente limitato alle riserve valutarie e auree, esperti e agenzie di rating hanno avvertito per settimane di un imminente default del debito estero della Russia. Questo è anche spesso indicato come fallimento dello stato, ma non deve essere compensato dall’insolvenza nazionale dello stato.

A causa della situazione eccezionale causata dalle sanzioni, la Russia si occupa inizialmente solo di insolvenza tecnica o parziale e non di insolvenza statale nel senso stretto del termine. Nei mercati finanziari si tiene conto del rischio di default russo, ma a causa del livello relativamente basso delle relazioni internazionali, i rischi per il mercato nel suo insieme possono essere controllati. La maggior parte degli analisti non si aspetta uno shock per i mercati finanziari. Il capo del Fondo monetario internazionale Kristalina Georgieva ha descritto la partecipazione delle banche internazionali in Russia a marzo come “certamente non significativa dal punto di vista sistemico”.

Secondo gli ultimi dati diffusi dalla Deutsche Bundesbank nel novembre 2021, i crediti delle banche tedesche nei confronti della Russia ammontavano a circa 6 miliardi di euro. Includendo i crediti verso controllate e collegate estere, è stato di circa 7,5 miliardi di euro. Secondo la banca tedesca, questo è poco meno dello 0,4 per cento del totale dei crediti esteri delle istituzioni tedesche. Il valore dei titoli di case pubbliche in Russia, che comprende anche titoli di stato, nelle banche tedesche è stato di 119 milioni di euro.

L’ultimo default della Russia è stato nel 1998 a causa dei bassi prezzi del petrolio e della crisi asiatica, ma a quel tempo ha colpito solo il debito interno in rubli. Se il paese non riesce a pagare le bollette ai creditori internazionali, sarà la prima volta dalla rivoluzione russa del 1917 che il suo debito estero va in default. Tuttavia, come regola generale, ai titoli di Stato si applica un periodo di default di 30 giorni prima che le agenzie di rating determinino formalmente il default.

READ  Le figlie di Putin: l'Unione Europea vuole mettere Maria e Katerina nella lista delle sanzioni