Maggio 19, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Ora è un momento critico”.

“Ora è un momento critico”.

cosa dovrebbe essere fatto? La BCE dovrebbe continuare ad alzare i tassi di interesse e poi mantenerli per un periodo più lungo per combattere l’inflazione a lungo termine? O può iniziare a prendere in considerazione la riduzione dei tassi di interesse ora che l’inflazione è già in calo nell’eurozona? Nel disegno vediamo l’evoluzione. L’inflazione (in arancione) è tornata da oltre il 10% al 7,0% l’ultima volta e ci sono segnali che il tasso di inflazione dei prezzi al consumo potrebbe diminuire ulteriormente. Allo stesso tempo, dal luglio 2022, la Banca centrale europea ha alzato il suo tasso di interesse principale dallo 0% al 3,75% (Di seguito i tassi di interesse nel dettaglio). Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea, ha recentemente parlato.

Secondo il presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde, ora è un momento critico

La Banca centrale europea si trova in un momento cruciale, secondo il presidente della banca Christine Lagarde, poiché deve continuare a lottare contro l’inflazione mentre la crescita dei prezzi al consumo mostra segni di rallentamento. “Ora è un momento critico perché l’inflazione sta iniziando a scendere”, ha detto in un’intervista alla TV di stato spagnola trasmessa oggi, secondo Bloomberg. Stiamo cominciando a vedere l’efficacia delle misure Ma abbiamo ancora bisogno di tassi di interesse elevati e sostenibili. “

Dopo aver rallentato il ritmo degli aumenti dei tassi a 25 punti base questo mese, la Banca centrale europea ha affermato che è necessario un ulteriore inasprimento per riportare l’inflazione al suo obiettivo del 2% nel medio termine. “È un momento in cui dobbiamo davvero impegnarci e guardare all’obiettivo che abbiamo e raggiungerlo”, ha affermato Christine Lagarde. Prenderemo tutte le misure per riportare l’inflazione al 2%. Senza dubbio lo faremo”.

I mercati monetari prevedono una probabilità del 90% di un aumento di un quarto di punto a giugno e prezzano pienamente tale aumento del volume a luglio prima che il prezzo dei depositi raggiunga il picco al di sotto del 3,70%. “Abbiamo opzioni più complesse davanti a noi, ma saremo coraggiosi e prenderemo le decisioni necessarie per riportare l’inflazione al 2%”, ha affermato Christine Lagarde. Ha continuato, “Man mano che ti avvicini alla fine del viaggio, non siamo ancora arrivati, ma più ti avvicini, più sfumato e difficile diventa ottenere i tempi, il ritmo, il livello giusto e arrivare a un consenso”.

FMW/Bloomberg/Grafico TradingView

Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea. Fotografo: Alex Kraus/Bloomberg

Leggi e scrivi commenti, clicca qui