Febbraio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Onda influenzale: ha senso vaccinare rapidamente i bambini adesso?

Onda influenzale: ha senso vaccinare rapidamente i bambini adesso?

La prossima ondata influenzale arriverà sicuramente. Immagine: Bigstock

Ora, cari genitori, tenete duro, perché stiamo davvero prendendo velocità. L’ondata influenzale annuale inizia a gennaio Ciò significa che hai solo una piccola finestra di tempo per decidere se fare o meno il vaccino antinfluenzale.

È troppo tardi per fare il vaccino antinfluenzale?

Secondo il Robert Koch Institute (RKI), negli ultimi anni l’ondata influenzale annuale è iniziata generalmente a gennaio ed è durata dai tre ai quattro mesi. Poiché il sistema immunitario ha bisogno di circa 14 giorni per creare una protezione contro gli agenti patogeni, Quindi ora è la massima priorità se vuoi proteggere te stesso o tuo figlio dall’influenza.

La protezione vaccinale termina dopo circa sei mesi. In linea di principio, l’Istituto Robert Koch (RKI) raccomanda di vaccinarsi meglio in ottobre o novembre. Questo è il momento ideale per proteggersi al culmine di un’ondata influenzale, ovvero in caso di maggiore attività influenzale. Ma la vaccinazione ha ancora senso adesso.

Devo vaccinare mio figlio contro l’influenza?

A volte parliamo colloquialmente di influenza quando in realtà abbiamo il raffreddore. Raffreddore, tosse e naso che cola sono del tutto normali e fanno parte dello sviluppo del sistema immunitario del bambino. Ma che dire della vera influenza? Non è meglio vaccinarsi? In definitiva, l’influenza provoca un ristagno del sistema immunitario degli adulti per diverse settimane e, in rari casi, può essere fatale.

I bambini generalmente non soffrono di malattie potenzialmente letali come gli anzianiMa a causa della diversità dei loro contatti, hanno maggiori possibilità di entrare in contatto con il virus e di contrarre l’infezione rispetto agli anziani.

Per i quali RKI consiglia la vaccinazione antinfluenzale

Il comitato permanente per le vaccinazioni (STIKO) dell’RKI fornisce consulenza Dovrebbero vaccinarsi le persone di età pari o superiore a 60 anni, le donne incinte, i bambini (di età pari o superiore a 6 mesi) e gli adulti con determinate malattie preesistenti.. Inoltre, persone sane che hanno un rischio maggiore di infezione a causa del loro lavoro, come medici e infermieri.

STIKO raccomanda la vaccinazione antinfluenzale annuale a tutti i bambini dai 6 mesi in su che presentano determinate malattie preesistenti. Questi includono:

  • Malattie respiratorie croniche (inclusa l’asma)
  • Malattia cardiaca o circolatoria
  • Malattia epatica o renale
  • Diabete o altre malattie metaboliche
  • Malattie neurologiche croniche come la sclerosi multipla
  • Disturbi congeniti o acquisiti successivamente del sistema immunitario
  • Infezione da HIV

Bambini sani, bambini e adolescentiche non appartengono ai gruppi sopra menzionati, sono quindi disponibili Non nell’elenco delle raccomandazioni Per la vaccinazione antinfluenzale, soprattutto perché il vaccino è approvato solo per i bambini di età pari o superiore a 6 mesi.

Dovrei vaccinare il mio bambino sano contro l’influenza?

Secondo BR, l’influenza è contagiosa quanto il comune raffreddore. Quando i bambini giocano tra loro negli asili nido o nelle scuole, gli agenti patogeni dell’influenza possono diffondersi rapidamente o essere trasmessi attraverso oggetti contaminati. Ciò accade più facilmente perché è difficile rispettare le misure igieniche come lavarsi regolarmente le mani.

Il professor Johannes Hübner dell’ospedale pediatrico Hannerschen di Monaco sostiene la vaccinazione per i bambini sani: “L’influenza può essere grave durante l’infanzia e la vaccinazione è ben tollerata ed è utilizzata da molto tempo. “Inoltre, a differenza del Covid, per l’influenza è chiaro che i bambini sono fortemente coinvolti nella diffusione della malattia”. L’“effetto gregge” può essere ottenuto anche attraverso una strategia di innesto ambientale. I pazienti a rischio sono indirettamente protetti.

Non sei sicuro?

Alla fine, ovviamente, spetta a te decidere se vuoi vaccinare tuo figlio contro l’influenza. Se non sei sicuro, è meglio parlarne con il tuo pediatra. È bene sapere che l’RKI sottolinea quanto segue: “Il fatto che il Comitato permanente contro l’influenza (STIKO) raccomandi la vaccinazione antinfluenzale solo a determinati gruppi di persone non significa che STIKO sconsiglia la vaccinazione antinfluenzale ad altre persone”.

Alcuni paesi dell’Unione Europea raccomandano già la vaccinazione antinfluenzale, anche per i bambini sani. Questi paesi includono, ad esempio, Finlandia, Gran Bretagna, Lituania, Malta, Slovenia e Slovacchia. Anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) raccomanda la vaccinazione antinfluenzale a tutti i bambini dai sei mesi in su.

Un buon sistema immunitario aiuta anche a proteggere il tuo bambino dall’influenza. Se decidi di non vaccinare tuo figlio contro l’influenza, dovresti prestare particolare attenzione ad una dieta sana e ad un’attività fisica adeguata.

A proposito, puoi saperne di più sulla vaccinazione antinfluenzale durante la gravidanza Ecco >>>