Maggio 22, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Oggi è la Giornata mondiale del Parkinson e ad esserne colpiti sono soprattutto gli anziani

Oggi è la Giornata mondiale del Parkinson e ad esserne colpiti sono soprattutto gli anziani
  1. Home page
  2. Locale
  3. Fitzenhausen

Insiste

La cosiddetta distonia, ovvero tremore della mano e limitazioni della motricità fine, è il sintomo più evidente della malattia di Parkinson. © Panther Media Andrei Popov

Oggi, 11 aprile, l’Organizzazione Mondiale della Sanità e Parkinson’s Europe hanno dichiarato la Giornata Mondiale del Parkinson. Ci ricorda il medico inglese James Parkinson.

Eshveg – descrisse per la prima volta i sintomi della malattia in un libro nel 1817. L'11 aprile è la sua data di nascita (1755-1824). Abbiamo parlato con il consulente neurologico Dott. Melina Euler sui sintomi, la diagnosi, il decorso e le possibilità di trattamento presso la Clinica Werra-Meißner.

Quali sono i sintomi della malattia di Parkinson?

I sintomi tipici della sindrome di Parkinson, conosciuta anche come sindrome di Parkinson idiopatica, consistono in rigidità, sensazione di rigidità e aumento del tono muscolare, acinesia, che è un rallentamento generalizzato, diminuzione delle espressioni facciali, problemi con la motricità fine e tremore. Questo di solito fa tremare la mano o la gamba a riposo.

Esiste una forma classica dei sintomi?

La natura di questi sintomi varia da un paziente all'altro. Ad esempio, ci sono pazienti in cui il tremore è l'obiettivo principale, in altri vi è una significativa limitazione del movimento o anche una combinazione di questi fattori. L'esordio è spesso unilaterale; Di solito c'è un disturbo del movimento del braccio o della gamba, che può anche essere doloroso, quindi la prima visita dal medico è spesso da un ortopedico.

Chi è interessato?

La malattia di Parkinson colpisce soprattutto gli anziani di età compresa tra 55 e 65 anni. Nella fase iniziale i cosiddetti sintomi non motori possono includere disturbi olfattivi, sbalzi d'umore come lieve irritabilità con depressione, dolore cronico, stitichezza e sonno onirico disturbato. Quando il sonno onirico è disturbato, il partner del paziente può, ad esempio, notare un sonno molto disturbato con molti movimenti. La malattia di Parkinson idiopatica è una malattia progressiva attualmente incurabile.

Come viene diagnosticata la malattia di Parkinson?

Soprattutto, innanzitutto sulla storia della malattia e sull'esame fisico neurologico. Se c'è una diagnosi sospetta, è possibile avviare il test della dopamina o dei farmaci antidopaminergici. La diagnosi sospetta è supportata dal miglioramento dei sintomi dopo la somministrazione di dopamina. Dovrebbe essere aggiunta l’imaging della testa (MRI), anche per escludere altre malattie. La presentazione funzionale in medicina nucleare può essere utile per un ulteriore supporto diagnostico o per differenziarla da altre patologie associate ai sintomi della malattia di Parkinson.

Quali sono i diversi decorsi e stadi della malattia?

I progressi sono molto lenti, ma stanno anche progredendo rapidamente. Tuttavia, una dieta mediterranea equilibrata e un'attività fisica regolare (almeno 30 minuti al giorno) possono avere un effetto positivo sul decorso della malattia.

In che misura una persona malata può partecipare alla “vita normale”?

La partecipazione alla vita normale è possibile. Un esempio del lungo decorso della malattia di Parkinson è l'attore canadese-americano Michael J. Fox (ora 63 anni), a cui è stata diagnosticata la malattia di Parkinson all'età di 29 anni. Ha fondato la Michael J. Fox Parkinson's Disease Research Foundation, che sostiene numerosi progetti di ricerca per trattamenti e potenziali cure per la malattia di Parkinson.

Come viene curata la malattia di Parkinson all'ospedale Werra-Meißner?

Forniamo trattamenti complessi per la malattia di Parkinson. Ciò significa che vengono forniti trattamenti intensivi (fisioterapia, terapia occupazionale e logopedia) per un periodo di almeno 14 giorni, accompagnati da un'assistenza medica completa. Nell'ambito del trattamento vengono creati obiettivi terapeutici individuali e un piano di trattamento che dovrebbero portare a un miglioramento della qualità della vita e dell'indipendenza. Inoltre, il nostro servizio sociale offre consigli su come migliorare il supporto domiciliare. Ciò include, ad esempio, la richiesta di servizi infermieristici, l'aumento del livello di assistenza o la prescrizione o l'aumento di ausili.

Come ottenere un trattamento complesso?

Le istruzioni per il trattamento complesso della malattia di Parkinson possono essere fornite attraverso la terapia esistente nella pratica neurologica. Ciò è possibile anche a casa nostra grazie alla consulenza speciale del primario, signora B.D. Med. Nölker e attraverso le mie visite ambulatoriali presso l'Empowerment Outpatient Clinic. È sempre bello vedere i progressi individuali che si possono ottenere durante questo periodo di trattamento intensivo. rosso/ts

A una persona

medico. Anna Melina Eulero Ha completato i suoi studi in Medicina umana presso l'Università Georg August di Göttingen nel 2016. Ha ricevuto il Premio di dottorato per la sua tesi di dottorato. Dalla fine del 2022 è neurologa senior presso la Clinica Werra-Meißner di Eschwegi. ts