Febbraio 28, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nuovo studio: il Viagra può prevenire la malattia di Alzheimer?

Nuovo studio: il Viagra può prevenire la malattia di Alzheimer?

Un nuovo studio condotto da ricercatori nel Regno Unito suggerisce che il Viagra può ridurre il rischio di malattia di Alzheimer. Più specificamente, si tratta degli inibitori della fosfodiesterasi di tipo 5, o inibitori della PDE-5 in breve. Un gruppo di farmaci che include il Viagra sono usati per trattare la disfunzione erettile negli uomini.

Leggi di più dopo l'annuncio

Leggi di più dopo l'annuncio

Negli studi sugli animali, i farmaci si sono già dimostrati “promettenti” nel ridurre il rischio di malattia di Alzheimer, hanno scritto i ricercatori. Il tuo lavoro è mercoledì Giornale di neuroscienze. Indietro. Il gruppo ora voleva dimostrare che i risultati degli studi sugli animali potevano essere trasferiti agli esseri umani.

Più “è meglio

Lo studio ha coinvolto quasi 270.000 uomini di età pari o superiore a 40 anni a cui è stata diagnosticata la disfunzione erettile tra il 2000 e il 2017. Poco più della metà di loro assumeva inibitori della PDE-5. Durante il periodo di follow-up di cinque anni, i ricercatori hanno scoperto che 1.119 uomini hanno sviluppato la malattia di Alzheimer.

Leggi di più dopo l'annuncio

Leggi di più dopo l'annuncio

Quando sono stati valutati i risultati dello studio, è diventato chiaro che gli uomini con disfunzione erettile che assumevano inibitori della PDE-5 avevano meno probabilità di sviluppare la malattia di Alzheimer rispetto a quelli che non assumevano il farmaco. Maggiore è il numero di farmaci prescritti ai soggetti del test, maggiore è la riduzione del rischio.

L'importanza dello studio è limitata

“Questa è la causa della malattia”, ha detto Leah Mursaleen, chiedendo aiuto all'Alzheimer's Research UK, “Questo è il modo migliore per farlo, ma questo medicinale funzionerà per la malattia di Alzheimer per prevenire che la malattia di Alzheimer si ripeta in futuro”. questo giorno.” Gli uomini sono più vecchi delle capacità degli altri.”

Gli autori dello studio sottolineano inoltre: non è stato possibile dimostrare una relazione causale diretta tra gli inibitori della PDE-5 e la malattia di Alzheimer. Sostengono la conduzione di più studi clinici con entrambi i sessi e dosi diverse.

Leggi di più dopo l'annuncio

Leggi di più dopo l'annuncio

In questi ulteriori studi, alcuni soggetti dovranno ricevere farmaci per l'erezione e un'altra parte dovrà ricevere pillole placebo, ha spiegato lo psichiatra Ivan Koychev dell'Università di Oxford, che non ha preso parte allo studio. Questo è l'unico modo per confermare il beneficio della prevenzione della malattia di Alzheimer. La ricerca attuale non è molto utile semplicemente perché “questi tipi di farmaci vengono solitamente assunti al bisogno, rendendo difficile determinare quanto è stato effettivamente assunto e con quale frequenza”.

Se si confermasse che gli inibitori della PDE-5, come il Viagra, aiutano a combattere l'Alzheimer, potrebbe rappresentare un'importante pietra miliare nella lotta contro la malattia neurodegenerativa. Morslin ha affermato che lo sviluppo di farmaci contro il morbo di Alzheimer è un processo lungo e costoso. “Il riutilizzo di farmaci già approvati per altre malattie potrebbe aiutare ad accelerare i progressi e aprire nuove strade per prevenire o curare la demenza”.