Luglio 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nuovo shock per i clienti: elettricità e gas sono fino al 400 percento più costosi

La crisi energetica ha già messo in ginocchio molti fornitori di servizi. Ciò può comportare costi aggiuntivi significativi per i clienti. Ora sta diventando particolarmente costoso per i nuovi clienti.

Molti tedeschi hanno ricevuto spam negli ultimi mesi dell’anno dai loro fornitori di energia elettrica. Un certo numero di aziende hanno terminato l’offerta e molti fornitori di servizi più piccoli hanno dovuto rinunciare completamente a causa dei prezzi elevati dell’energia e di una procedura di fallimento (T menzionato online).

Per i clienti, ciò non significa che le luci si spegneranno presto, perché tutti i clienti in Germania tornano prima al servizio di base locale dopo la cessazione. Ma anche questo non è economico nell’attuale situazione di mercato, poiché molti dei fornitori di base hanno recentemente aumentato i loro prezzi in modo significativo, soprattutto per i nuovi clienti.

Ottengono le proprie tariffe da molti dei principali fornitori e devono pagare in media il 105 percento in più rispetto a prima degli adeguamenti dei prezzi, secondo l’attuale valutazione del portale di confronto Check24 per le offerte t-online. Quindi, se ti infili nella fornitura primaria, devi pagare rapidamente il doppio della quantità giornaliera di elettricità. In sette casi i nuovi clienti del servizio base devono pagare il triplo della tariffa originaria.

260 principali fornitori aumentano i prezzi

Questo può significare sconti significativi per una casa tipica. Secondo Check24, circa 260 grandi provider hanno introdotto nuove tariffe esclusivamente per i nuovi clienti. Se la famiglia finisce nella tariffa più base dopo la cessazione, la famiglia dovrà pagare ulteriori 3.676 euro all’anno con un consumo campione di 5.000 kWh.

READ  Prezzo shock! Questa graffetta è davvero costosa ora

Forti aumenti di prezzo sono stati osservati anche per i nuovi clienti sul portale di confronto Verivox. “L’esplosione dei prezzi all’ingrosso dell’elettricità non è mai stata vista prima e presenta sfide completamente nuove per i fornitori di energia. Fino ad ora, i nuovi clienti erano molto popolari, ma ora, a causa dei prezzi di acquisto più elevati, possono causare seri problemi economici energetici”, dice l’esperto di energia Torsten Stork Online.

I fornitori di gas primari stanno aumentando drasticamente i prezzi

I consumatori i cui servizi sono stati terminati dal fornitore di gas sono i più colpiti. Qui, il prezzo dei principali fornitori aumenta in modo significativo. Al suo apice, lo sconto è salito alle stelle di un enorme 399%.

Per il fornitore più costoso, questo significa costi aggiuntivi di 6.288 euro all’anno con un consumo medio. Ma i consumatori non lo sentono solo chiaramente quando si tratta dei prezzi più alti. In media, le tariffe per i nuovi clienti presso i principali fornitori di gas sono aumentate del 172%.

Il centro di consulenza per i consumatori avverte del debito

Questo porta a grandi difficoltà, soprattutto per i salariati bassi. Pertanto, i beneficiari di prestazioni sociali ricevono almeno un sussidio statale una tantum per i costi energetici elevati. Il Consumer Advice Center segnala sempre più clienti che hanno ricevuto cancellazioni o aumenti di prezzo significativi dal proprio fornitore di energia elettrica e si rivolgono ai sostenitori dei consumatori.

Il Consumer Advice Center critica “soprattutto durante la pandemia di Corona, ma in alcuni casi la domanda di energia nelle case è in aumento” e avverte che alcune famiglie potrebbero dover prendere in prestito per permettersi i prezzi dell’energia.

READ  Edeka minaccia il prossimo vuoto sugli scaffali dei supermercati: i produttori avvertono di controversie legali

“La divisione della fornitura principale in clienti nuovi ed esistenti contraddice la nostra comprensione del libero mercato e della liberalizzazione del mercato dell’energia. Critichiamo qualsiasi punizione o molestia nei confronti dei gruppi di clienti che hanno cambiato fornitore”, ha affermato Wolfgang Sholdzinski, membro del Consiglio di Amministrazione. Centro di consulenza per i consumatori nel Nord Reno-Westfalia.