Luglio 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nuovo anno, nuova strategia di perdita di peso

Una persona obesa, che non ha il diabete da molto tempo e ha ridotto il suo peso di 15 chilogrammi, può normalizzare significativamente il metabolismo dello zucchero e talvolta può persino vivere senza farmaci. Questa è una dichiarazione centrale nelle raccomandazioni pratiche aggiornate dell’Associazione tedesca per il diabete (DDG) sull’alimentazione per le persone con diabete di tipo 2. Altre importanti innovazioni: le linee guida rigorose per l’assunzione di grassi, carboidrati e proteine ​​sono obsolete – invece, le persone colpite possono scegliere un’alimentazione sana modelli che si adattano alle loro preferenze. Per la perdita di peso sono raccomandate diete artificiali, diete a basso contenuto di carboidrati e a basso contenuto di grassi e digiuno intermittente.

Immagine dell’icona da PublicDomainPictures/pixabay.com

Il DDG Nutrition Committee ha valutato tutti gli studi rilevanti dal 2004 al fine di rivedere le raccomandazioni pratiche. Di conseguenza, non esistono specifiche esatte di consumo per i singoli micronutrienti come carboidrati, grassi e proteine; Anche i requisiti per un apporto proteico inferiore con una scarsa funzionalità renale sono superati. Presidente DDG Professor Dr. Media. Nuovo Andrea.

È importante iniziare presto un programma di perdita di peso

Le nuove raccomandazioni si concentrano sulla scoperta che le persone obese possono in linea di principio sopprimere completamente il diabete riducendo il peso di almeno 15 chilogrammi, che si chiama remissione. “Lo studio DiRECT dall’Inghilterra ha mostrato che l’86 per cento delle persone che avevano già raggiunto una perdita di peso di almeno 15 chilogrammi ha sperimentato la remissione del diabete”, secondo il prof. Media. Diana Rubin, in qualità di presidente del DDG Nutrition Committee, ha svolto un ruolo di primo piano nell’elaborazione delle nuove raccomandazioni pratiche. “Il prerequisito era il diabete per non più di sei anni”.

READ  Radiazioni da telefoni cellulari e cancro: nessun aumento del rischio di tumori cerebrali

Per raggiungere questo obiettivo, chi vuole dimagrire in linea di massima può scegliere tra vari metodi. “Abbiamo trovato effetti molto buoni in letteratura, ad esempio per il basso contenuto di carboidrati, che è una forma di nutrizione a basso contenuto di carboidrati”, afferma Robin. Le diete a basso contenuto di grassi sono almeno uguali nel medio termine. “Se non viene utilizzata una dieta specifica, anche i modelli dietetici mediterranei, vegetariani o vegani sono appropriati per la gestione del diabete”, aggiunge l’esperto di nutrizione. Il digiuno intermittente può essere utilizzato anche per la perdita di peso sotto controllo medico. “È fondamentale che una strategia per la perdita di peso si adatti alle preferenze delle persone in sovrappeso e possa essere implementata in modo sostenibile nella vita di tutti i giorni”, afferma Rubin.

È stato dimostrato che le diete che funzionano con sostituti del pasto, per lo più in polvere, portano anche a una rapida perdita di peso che porta al recupero dal diabete. Un ampio studio ha mostrato che quasi la metà dei diabetici in sovrappeso che inizialmente ha seguito una dieta contenente da 825 a 852 calorie al giorno per tre-cinque mesi ha ottenuto la remissione. “A volte la remissione è durata più di due anni”, dice Robin. Se non esiste una dieta efficace, anche la chirurgia bariatrica è molto efficace per ottenere la remissione del diabete.

Una camminata veloce dopo aver mangiato aiuta

Gli esperti non sono stati in grado di rilasciare alcuna dichiarazione sulla dieta scandinava, la dieta macrobiotica, la dieta DASH e la dieta Paleo. “Sono disponibili pochissimi studi su queste tendenze nutrizionali relativamente nuove”, spiega Robin. D’altra parte, una cosa è certa: un’attività fisica regolare anche con intensità inferiore – come camminare più velocemente dopo i pasti – migliora la regolazione del peso corporeo. “Una camminata veloce dopo cena aiuta sicuramente a perdere peso”, conferma il capo del Centro di medicina nutrizionale di Vivantes Klinikum Spandau e Humboldt Klinikum Berlin.

READ  Una nuova combinazione di farmaci Corona: i ricercatori celebrano la svolta

La regola generale è: “Chiunque consuma cibo naturale e non trasformato ha ragione”, riassume Robin. Inoltre, si preferisce consumare i carboidrati sotto forma di prodotti integrali, verdure a basso contenuto di amido, legumi e noci. “L’avena in particolare contiene carboidrati sani, che hanno un effetto benefico sui livelli di zucchero nel sangue”, afferma Robin. Dolcificare in quantità naturali innocue, i frutti a basso contenuto di zucchero sono particolarmente raccomandati per quanto riguarda il contenuto di fibre e il consumo moderato di alcol compatibile con un buon controllo metabolico.

La terapia nutrizionale su prescrizione può essere utilizzata anche tramite l’app

In generale, il gruppo di esperti consiglia di personalizzare la terapia nutrizionale. “Ha senso fare ampio uso di consigli nutrizionali individuali – sia in una consultazione, via e-mail o per telefono”, afferma Robin. Può essere utile anche un’app verificata da esperti competenti e disponibile su prescrizione medica. “In ogni caso, il trattamento dovrebbe essere introdotto il prima possibile”, sottolinea Robin.

Le raccomandazioni pratiche sono rivolte a tutti i gruppi professionali interessati ai pazienti con diabete di tipo 2. >> Direttore Generale: Linee Guida Pratiche e Raccomandazioni (link)