Febbraio 24, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nuovi aerei per l’offensiva di primavera?

Nuovi aerei per l’offensiva di primavera?

I paesi sostenitori dell’Ucraina si incontrano di nuovo al Rammstein. L’offensiva delle forze di Zelensky potrebbe iniziare in qualsiasi momento. Come può l’Occidente aiutare adesso?

Vitali Klitschko era particolarmente colpito da un sistema d’arma. Il “tasso di successo del 100%” ha il sistema di difesa aerea Iris-T SLM fornito dalla Germania all’Ucraina. Il sistema ha notevolmente aumentato la sicurezza nella capitale dell’Ucraina, Kiev, ha dichiarato di recente il sindaco della città al quotidiano Süddeutsche Zeitung.

Non solo Klitschko, un pugile professionista, avrebbe dovuto essere felice che la Germania avesse introdotto un secondo sistema simile nel paese questa settimana. Ma non è tutto: mercoledì il governo federale ha annunciato l’arrivo di un secondo sistema di difesa aerea Patriot. “Un’efficace difesa aerea è l’assicurazione sulla vita dell’Ucraina”, ha sottolineato il tenente colonnello Markus Koenig, responsabile dell’addestramento dei soldati ucraini sul sistema.

L’Ucraina avrà anche bisogno di un’efficace difesa aerea quando inizierà l’offensiva di primavera: c’è grande speranza nel Paese che i soldati ucraini possano avere la meglio contro la Russia sul campo di battaglia. Ufficialmente, nessuno sa esattamente quando inizierà l’attacco principale. Tuttavia, la conferenza del cosiddetto gruppo di contatto ucraino a Ramstein, che inizia oggi, può lavorare di nuovo sul coordinamento su larga scala. Cosa possono fare ora i partner occidentali per sostenere l’offensiva?

“Non c’è abbastanza tempo per quello.”

“Non ha senso ora introdurre nuovi sistemi d’arma. Non c’è abbastanza tempo per questo”, ha detto Rafael Luce del Consiglio europeo per le relazioni estere in un’intervista a T-Online. Burkhard Meissner dell’Istituto tedesco per la difesa e gli studi strategici la vede allo stesso modo: in linea di principio, qualsiasi arma aiuterebbe l’Ucraina, ma questo non è l’unico fattore decisivo, ma “tutti i sistemi funzionano insieme nel modo giusto”, ha detto Meissner a T-Online .

Sembra anche che questo sia il corso del governo tedesco: “Ciò che è richiesto ora è sostanzialmente lo stesso”, ha detto a questo proposito il cancelliere Olaf Scholz durante la sua visita in Portogallo.

Soprattutto, l’Ucraina ha attualmente bisogno di più munizioni di artiglieria. Le riserve in Occidente non sono particolarmente grandi, afferma Rafael Los. “Con le munizioni, stiamo lentamente raggiungendo i limiti del dolore che possono essere inflitti”. Ciò è dovuto anche al fatto che negli ultimi mesi si è verificato un fallimento nell’espandere ulteriormente le capacità del settore.

Nuove munizioni dagli Stati Uniti

Tuttavia, i paesi occidentali non sono ancora del tutto vuoti: prima della conferenza, gli Stati Uniti hanno annunciato nuove consegne di armi per un valore equivalente a 297 milioni di euro. Il pacchetto è destinato principalmente a contenere proiettili di artiglieria e munizioni per il lanciarazzi multiplo Himar.

Allo stesso tempo, Paesi Bassi e Danimarca vogliono partecipare a due iniziative per le munizioni del valore di 130 milioni di euro ciascuna. Uno viene dalla Germania, l’altro dall’intera Unione Europea. Alla fine di marzo, il capo della politica estera dell’Unione europea, Josep Borrell, ha annunciato che sarebbe stato acquistato un ulteriore milione di proiettili per l’Ucraina. Tuttavia, le munizioni potrebbero essere trovate solo entro i prossimi dodici mesi. Il ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov si è lamentato del fatto che il suo paese avesse bisogno immediatamente dell’importo corrispondente.

Alain Berset e Olaf Schultz: Durante la sua visita in Germania, il presidente svizzero ha chiarito ancora una volta che nessuna munizione o arma sarebbe stata consegnata all’Ucraina. (Fonte: Metodi Popow / immagini imago)

C’è anche una carenza di munizioni nel veicolo antiaereo tedesco Gepard: il cancelliere Olaf Schultz ha recentemente cercato di ottenere rifornimenti dalla Svizzera. Tuttavia, il governo rimane risoluto. Durante una visita a Berlino, il presidente Alain Berset ha sottolineato che la neutralità svizzera precludeva il sostegno militare a una delle parti in guerra.

Speriamo per l’F-16

Quindi alla conferenza non verranno consegnati nuovi sistemi d’arma? Anche se è probabile che aiutino meno a breve termine, occorre considerare la prospettiva a medio e lungo termine: il ministero della Difesa ucraino insiste da tempo sulla consegna di più aerei da combattimento. Finora, solo la Polonia e la Slovacchia hanno consegnato MiG-29 dell’era sovietica dai paesi occidentali di supporto.

La scorsa settimana, la Polonia ha consegnato altri cinque aerei dalle scorte dell’ex RDT. Il governo federale aveva precedentemente dato il permesso per l’accordo. Poi, all’inizio di questa settimana, la Slovacchia ha aumentato le spedizioni per un totale di 13 aerei da combattimento, spingendo il paese a rinunciare a tutti gli aerei che aveva a disposizione. Tra i paesi della NATO, solo la Bulgaria dispone di aerei di questo tipo. Tuttavia, il governo ha affermato che gli aerei sono necessari per proteggere il suo spazio aereo.