Maggio 23, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nuova piattaforma di social media: la rete “Truth Social” di Trump inizia domani

Nuova piattaforma social
Trump Network “Truth Social” inizia domani

A Donald Trump è stato vietato di twittare e postare su Facebook da un anno. Da domani l’ex presidente potrebbe festeggiare il suo ritorno sui social. Quindi dovrebbe essere disponibile l’applicazione interna dei social media “Truth Social”.

L’app di social media dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump dovrebbe essere disponibile domani. Secondo l’agenzia di stampa Reuters, il chief product officer del social network, noto solo come Billy B., ha confermato quando gli è stato chiesto che l’app sarà disponibile sull’App Store di Apple da lunedì. Questo è il piano, ha spiegato in una sessione di domande e risposte sulla piattaforma, in cui si diceva che 500 volontari selezionati avrebbero potuto sostenere il test per alcune settimane.

In precedenza a gennaio È stato riferito che la rete chiamata “Truth Social” sarà disponibile dalla fine di febbraio e funzionerà in modo simile a Facebook. Il 15 febbraio, Donald Trump Jr, il figlio maggiore dell’ex presidente, ha pubblicato per la prima volta su Twitter uno screenshot della piattaforma. Questo è stato il primo post dello stesso Trump su “Social Truth”. “Preparati”, spiega il miliardario. “Il tuo presidente preferito tornerà presto!”

Trump minaccia l’impeachment

Trump ha annunciato la creazione del suo social network dopo che Facebook, Twitter, YouTube e altre piattaforme hanno cancellato i suoi account. La ragione di ciò è che i sostenitori di Trump hanno preso d’assalto il Campidoglio un anno fa e il presupposto che l’ex presidente avrebbe potuto provocarli con il suo comportamento e le sue dichiarazioni dopo le elezioni presidenziali. Quindi Trump è una minaccia Portare in tribunale diventare.

“Truth Social” vuole essere un’alternativa alle piattaforme esistenti che, secondo Trump, limitano la libertà di parola e, soprattutto, sopprimono le voci conservatrici. Pertanto, il miliardario ha fondato il Trump Media and Technology Group (TMTG), che come azienda dovrebbe controllare il business della sua piattaforma di social media. Valutazioni dei dati Facebook, ad esempio, mostra che gli account pro-Trump generano regolarmente il maggior numero di visualizzazioni e interazioni.

Alleato del capo

L’amministratore delegato di TMTG è un ex membro del Congresso repubblicano Devin Nunes. Il californiano ha fatto parte della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti dal 2003 fino all’inizio dell’anno ed era emerso in passato come un forte sostenitore di Trump. In qualità di presidente della Commissione per l’intelligence della Camera, si dice che abbia ostacolato le indagini sull’interferenza russa nelle elezioni statunitensi del 2016.

TMTG ha collaborato con la borsa valori Digital World Acquisition Corp per raccogliere 293 milioni di dollari alla borsa statunitense a settembre. Poi, all’inizio di dicembre, i due gruppi hanno annunciato di aver ricevuto un altro miliardo di dollari di finanziamento.

READ  Colpita anche Tokyo: un forte terremoto colpisce l'area di Fukushima