Febbraio 28, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nuova missione ESA pianificata: esiste una seconda Terra là fuori? | Vita e conoscenza

Nuova missione ESA pianificata: esiste una seconda Terra là fuori?  |  Vita e conoscenza

Esiste davvero la vita sui pianeti alieni? Forse anche persone come quelle del nostro pianeta?

Per poter rispondere a queste domande,… Agenzia spaziale europea ESA Una missione completamente nuova: la navicella spaziale per l’esopianeta Ariel sarà costruita in collaborazione con Airbus. Lo ha annunciato oggi.

BILD offre una missione unica.

Fatto: la Terra è l’unico pianeta abitabile nel nostro sistema solare. Ma in altri sistemi, i ricercatori hanno già scoperto diverse migliaia di pianeti sui quali potrebbe essere possibile la vita, chiamati esopianeti. Ariel mira a studiare la formazione di questi esopianeti. Si tratta soprattutto di crearli e svilupparli. Per fare ciò, la sonda esaminerà prima un campione di circa 1.000 esopianeti nella gamma di lunghezze d’onda visibili e infrarosse.

Ecco come appare la nuova astronave Ariel, progettata per cercare la vita nello spazio

Immagine: Agenzia spaziale europea

Costo di sviluppo di Ariel Airbus: Circa 200 milioni di euro. L’azienda europea si è aggiudicata oggi l’appalto per il progetto. L’ambiziosa missione Ariel dovrebbe iniziare nel 2029.

Christophe Gabelan, Project Manager Ariel presso Airbus: “Le osservazioni di questi mondi ci daranno informazioni sulle prime fasi della formazione dei pianeti e dell’atmosfera e sulla loro successiva evoluzione. Ciò a sua volta contribuirà alla comprensione del nostro sistema solare e potrebbe aiutarci a capire se c’è vita altrove nel nostro universo e se esiste un altro pianeta come la Terra!”

Dalla prima osservazione nel 1995, sono stati identificati più di 5.000 esopianeti, principalmente dalla missione Gaia dell’Agenzia spaziale europea.

Il problema: si sa poco sulla composizione chimica delle atmosfere esoplanetarie. Questo deve cambiare in futuro. Perché dipende se un giorno i ricercatori scopriranno un pianeta abitabile.