Nove anni dopo l’assassino è a piede libero

Date:

Share post:

Piero Esposito
Piero Esposito
"Appassionato di alcol. Ninja di Twitter. Amante della TV. Cade molto. Fanatico del caffè hipster."

Uccise lo zio e poi lo bruciò: un raccapricciante omicidio tormenta l’Italia da anni. Sebbene condannato, l’accusato non è mai stato detenuto per un solo giorno. Ora è scomparso.

Giovedì 8 ottobre 2015, alle 19:18, un’insolita nuvola si è alzata dal camino della fonderia Pozzoli nel comune di Marcheno, nel nord Italia. Forse è il momento in cui il corpo del capo dell’azienda viene incenerito all’interno di una fornace esplosiva. Pochi minuti prima, Mario Bozzoli, 50 anni, aveva appuntamento con la moglie per cena. Dopodiché di lui non c’è più traccia. Non c’era niente nemmeno nel forno, il che non sorprende considerando quanto era occupato e le temperature torride.

Il procedimento penale affligge l’Italia da quasi nove anni, ma in questi giorni è di nuovo occupato. Dall’inizio del mese è scomparso anche l’uomo condannato tre volte all’ergastolo per l’omicidio Bozzoli e gettato nel forno: suo nipote Giacomo. Il 39enne si è nascosto insieme al suo complice quando la polizia voleva portarlo via dalla sua casa sul Lago di Garda quando la Corte di Cassazione di Roma ha confermato la sentenza in ultima istanza. figlio

Adesso Giacomo Bozzoli è ricercato in tutta Europa con un mandato di cattura internazionale. Una rotta attraversa la Francia fino alla Spagna. Altri sospettano che il figlio di un ricco imprenditore possa aver viaggiato nei Balcani, sulla base dei legami familiari. Pochi hanno escluso la Germania come punto di fuga: la recente fuga di un altro italiano che ha ucciso la sua ex fidanzata nel nord del Paese si è conclusa a novembre sull’autostrada A9 vicino a Lipsia.

Ad oggi il nipote condannato non ha mai trascorso un solo giorno in carcere. Inoltre non ha mai confessato. Durante l’interrogatorio ha detto di essere innamorata di suo zio. Tuttavia i tre tribunali decisero all’unanimità che l’assassino era Giacomo Bozzoli. Nutriva un “odio ostinato e incontrollabile” nei confronti dello zio perché, a suo avviso, guadagnava soldi alle spalle del resto della famiglia. Aveva salvato il suo numero sul cellulare come “Aasal”.

Secondo le indagini, il genero ha portato il corpo dell’uomo assassinato nel forno subito dopo il delitto con l’aiuto di due operai. Uno dei due venne trovato morto in un bosco sei giorni dopo. Ha ingoiato una capsula di cianuro, presumibilmente un suicidio. Nella sua abitazione gli investigatori hanno trovato 5mila euro in contanti, forse come ricompensa. Secondo quanto riferisce la Rai, presto arriverà l’accusa di complicità nell’omicidio anche contro l’altro lavoratore.

Oltre al consueto entusiasmo per un simile inseguimento, crescono le critiche alle autorità perché Giacomo Bozzoli è sempre latitante e nessuno pensa che possa evitare il carcere se verrà emessa la sentenza definitiva. Un altro zio, Andrea Rossini, ha sintetizzato così: “Ha avuto nove anni per preparare tutto questo”. I funzionari si giustificano dicendo che il condannato si presentava sempre agli appuntamenti.

Dopo la scomparsa, i vicini del Lago di Garda hanno riferito che Bozzoli, la sua compagna e il figlio di otto anni non si vedevano da una settimana e mezza. In ogni caso, quando il 1 luglio è arrivata la polizia, la casa era vuota: agli investigatori non è rimasta altra scelta che sequestrare computer e laptop. Poi, il SUV di famiglia, Maserati, è stato avvistato diretto in Francia il 23 giugno. Successivamente dalla Spagna è arrivata la notizia che una coppia aveva affittato una stanza a Marbella con documenti regolari fino al 30 giugno. Ma tutto questo potrebbe essere un inganno.

Il padre del complice di Bozzoli ora lo supplica di non scappare. “Questa cosa mi distrugge”, ha detto Daniel Colossi in televisione. “Per il suo bene, ma soprattutto per mia figlia e mio nipote, spero che si riprenda presto.” Gli inquirenti sospettavano che Bozzoli volesse festeggiare con il figlio il suo nono compleanno, un’ultima volta in libertà, per poi arrendersi. Compleanno l’8 luglio, questo lunedì.

Ora la presunzione è stata risolta: la compagna e il figlio sono rientrati in Italia venerdì in treno dalla Francia. Durante la prima udienza, la donna ha detto di essere rimasta scioccata dalla condanna all’ergastolo definitiva del suo compagno, di aver perso la memoria e di aver smarrito il cellulare. Di Giacomo Bozzoli ancora nessuna traccia.

Related articles

Napoli: due morti e 13 feriti dopo il crollo di un balcone a Scampia

Un tragico incidente ha scosso il quartiere di Scampia a Napoli: è crollata la galleria di collegamento, provocando...

Shiloh Jolie, la figlia di Angelina Jolie, vuole eliminare il nome di suo padre Brad Pitt

Cosa accadrà dopo: Shiloh Jolie-Pitt vuole abbandonare il cognome di suo padre Brad Pitt e il mondo intero...

Rughe con l’avanzare dell’età e come accelerano il processo

Prima o poi a tutti verranno le rughe. Molti cercano di combatterlo con uno stile di vita...